loro-si-assembrano-ma-la-colpa-e-nostra
Keystone (archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
6 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
7 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
7 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
8 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
8 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
9 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
10 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
10 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
10 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
11 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
11 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
Mendrisiotto
12 ore

Rotary Club Mendrisiotto, Matteo Quadranti presidente

Paola Brambillasca ha ceduto il testimone. Fil rouge del nuovo corso: “Mettersi in gioco, dare, ricevere, ricambiare: servire in amicizia”
laR
 
11.01.2021 - 05:50
Aggiornamento: 25.01.2022 - 19:06

‘Loro si assembrano, ma la colpa è nostra’

I titolari dei locali che offrono cibi e bevande d’asporto denunciano controlli di polizia ‘feroci’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Capannelli di persone al freddo col bicchiere in mano. Una scena, che in questo inverno segnato dalle restrizioni, si vede spesso fuori dai bar che offrono il servizio di take away delle bevande. A creare problemi sono gli assembramenti che a volte sfociano nell’intervento della polizia.

«Noi spieghiamo ai clienti che non si devono fermare vicino al bar, ma non tutte le persone sono disposte a rispettare le regole», dice Felice Lepore, titolare del bar Indipendenza a Bellinzona. «Non penso però di essere responsabile di quello che fa la gente sul suolo pubblico».

Quello della responsabilità è infatti un quesito che molti gestori si pongono. «In linea generale, sul suolo pubblico il cittadino deve rispettare le attuali norme vigenti in materia di assembramenti», riferisce il servizio comunicazione, media e prevenzione della Polizia cantonale. «Per quanto riguarda gli esercenti, valgono i piani di protezione, nonché l’indicazione a non favorire assembramenti all’entrata della struttura. In particolare vige il divieto di posare tavolini o postazioni per la consumazione in piedi».

Gli interventi di polizia per far rispettare le regole ci sono e «provengono da controlli che facciamo regolarmente», spiega il comandante della Polizia comunale di Bellinzona Ivano Beltraminelli. Nel caso della capitale ticinese gli agenti sono intervenuti per far togliere tavoli e sedie fuori ai locali e per far rispettare le distanze fisiche. «La responsabilità è sempre delle persone, ma abbiamo ricordato ai gestori di fare attenzione al crearsi di assembramenti», ha ricordato Beltraminelli.

Secondo Reto Blumenthal, titolare del bar Laura a Lugano, «i controlli di polizia durante queste settimane sono stati feroci. Hanno picchiato il chiodo sul fatto che non vogliono che le persone si fermino all’esterno del locale». Cosa che Blumenthal contesta: «Non vedo la differenza se la gente si ferma su un muretto al parco o di fronte al locale».

Al Ministero pubblico 250 segnalazioni

Gli interventi delle forze dell’ordine, spiega il servizio di comunicazione della Polizia cantonale, si svolgono in una prima fase con la sensibilizzazione delle persone, «dopodiché vi è la possibilità di procedere con una segnalazione al Ministero pubblico». Complessivamente i casi segnalati finora a quest’ultimo sono 250, cifra che comprende però tutte le possibili infrazioni dell’articolo 83 della legge federale sulla lotta contro le malattie trasmissibili dell’essere umano.

«Dopo i primi giorni di assestamento, con la polizia va tutto bene», racconta il titolare di un bar del Locarnese. «Abbiamo dovuto chiudere la nostra terrazza perché i clienti si concentravano tutti lì. Adesso però le persone rispettano le distanze senza problemi». Per questo titolare la scelta del take away si sta rivelando una buona mossa: «Abbiamo una frequenza che va al di sopra delle nostre aspettative».

Per Bruno D’Addazio, titolare del bar e ristorante Lungolago a Locarno, la decisione di mettere un bar take away temporaneo in Piazza Grande è anche un modo per far lavorare qualche dipendente in più: «Noi abbiamo trenta impiegati e grazie a questa soluzione dovrei riuscire a pagare l’affitto del mio locale principale».

Per altri invece l’asporto è un modo per rimanere in contatto con i clienti: «Abbiamo riorientato tutto il nostro locale per le consegne a domicilio e quelle d’asporto – spiega Reto Blumenthal –, ma è una guerra dei poveri. Siamo in tantissimi a farlo e il mercato si è sbriciolato». Secondo il titolare del bar luganese «stare chiusi sarebbe economicamente più interessante», ma offrire dei servizi di take away e delivery «dà una vicinanza con la clientela e potrà essere un’offerta aggiuntiva da mantenere anche quando sarà possibile riaprire».

Insomma, c’è a chi va male e a chi va un po’ meno male. Chi ha clienti rispettosi e chi un po’ meno. Sta di fatto che molti esercizi legati alla ristorazione hanno implementato la propria offerta per renderla compatibile con le restrizioni che, verrà deciso dal Consiglio federale questa settimana, potrebbero protrarsi fino a fine febbraio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assembramenti bar locali
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved