attivisti-per-il-clima-in-giro-per-la-svizzera
Un momento dell’azione
04.01.2021 - 18:110

Attivisti per il clima in giro per la Svizzera

Azione di sensibilizzazione presso alcune stazioni di servizio di gruppi energetici multinazionali

Tre giovani attivisti per il clima hanno percorso la Svizzera in lungo e in largo, da Lugano a Berna, fermandosi scrupolosamente presso numerose stazioni di rifornimento di benzina sulla via, per una singolare azione di protesta. A ogni stazione di servizio (Shell, BP, Avia, Eni, Socar,… ) hanno esposto uno striscione che portava, a lettere cubitali, l’emblematica domanda: “È questa la nostra condanna?”. 

La condanna a cui si riferiscono è quella della catastrofe climatica, inevitabile a meno che avvenga un radicale abbandono dei combustibili fossili da parte del sistema politico-economico mondiale. 

Prese di mira sono infatti le società petrolifere come Shell e BP che fanno parte, come conferma una recente inchiesta del quotidiano britannico ’The Guardian’, dei 20 colossi multinazionali più inquinanti del mondo. Questi ultimi sono responsabili di oltre il 35% delle emissioni totali mondiali di CO2 e metano (importanti gas serra) legate alla produzione di energia. Dal 1965 a oggi hanno causato 480 miliardi di tonnellate di emissioni di CO2 equivalenti. 

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved