ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 min

Incidente sul viadotto del Ceneri, disagi sulla A2

L’incidente si è verificato poco dopo la galleria, sull’asse di percorrenza sud-nord, provocando la momentanea chiusura della corsia di destra
Luganese
18 min

Piscina di Carona, snellito il progetto di rilancio

Abbattuti i costi, razionalizzato l’intervento ma restano l’intenzione dell’autorità di rivalutare il comparto e le perplessità dei critici
Ticino
3 ore

Parità per l’età Avs? ‘Allora parità in tutti gli ambiti’

Secondo i contrari alla riforma avallata per pochi voti, ora è ancora più urgente combattere le disuguaglianze di genere. ‘Il no del Ticino è un segnale’
Ticino
3 ore

Giovani nei partiti, tra ‘buone alleanze’ e ‘spine nel fianco’

Parola ai responsabili dei movimenti politici giovanili: i temi, i rapporti con gli schieramenti di riferimento, come intercettano le nuove generazioni
Bellinzonese
4 ore

Val d’Ambra 2, Pro Natura ribadisce il proprio ‘niet’

L’associazione ambientalista sempre contraria a un secondo bacino in Bassa Leventina, rispolverato da alcuni parlamentari vista la penuria energetica
Locarnese
4 ore

Hotel Arcadia, ‘il malessere è reale’: cade la Direzione

Confermato dall’audit dell’Ispettorato del lavoro il profondo disagio in albergo per i metodi di conduzione. Inevitabili i provvedimenti della casa madre
Luganese
11 ore

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
12 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
12 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
12 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
13 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
14 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
14 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
15 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
Luganese
15 ore

Lugano, chiusure viarie per la ‘Ladies run’

La tratta del lungolago verrà sbarrata alle auto dalle 9 alle 16, dalla rotonda del Lac fino a piazza Castello. Lo stesso per la zona di Riva Caccia.
Mendrisiotto
16 ore

‘Il ruolo del piccolo commercio sarà rivalutato’

La Società commercianti del Mendrisiotto ha tenuto la sua assemblea e ha presentato le novità: un servizio di prima consulenza legale e un nuovo sito
Ticino
16 ore

Il capo dell’esercito svizzero al Lac per parlare di sicurezza

Thomas Süssli sarà in Ticino il 18 ottobre in occasione della conferenza organizzata dall’Armsi e risponderà alle domande del pubblico
Bellinzonese
16 ore

Il gruppo blues-rock Fleurs Du Mal in concerto a Bellinzona

Appuntamento per venerdì 7 ottobre alle 22 al Folk Bar. La band romana torna in Ticino dopo tre anni e presenterà il nuovo Cd ‘Gumbo’
Locarnese
16 ore

‘La doppia segnalazione, poi subito l’inchiesta amministrativa’

Locarno, capodicastero e comandante erano stati avvisati contemporaneamente dalla donna delle presunte molestie verbali di un agente
18.12.2020 - 05:55
Aggiornamento: 19:42

Michele Foletti: ‘Alla Lega serve più politica e meno Facebook’

L’ormai ex capogruppo non torna sui suoi passi dopo il ribaltone leghista sul Preventivo: ‘Non mi è più riconosciuta l’autorevolezza della guida’

michele-foletti-alla-lega-serve-piu-politica-e-meno-facebook
Ti-Press

Le sue dimissioni da capogruppo e da membro della Commissione della gestione preoccupano soprattutto gli avversari politici, ideologicamente parlando. E meglio, i responsabili dei gruppi parlamentari degli altri partiti di governo. Che in lui avevano trovato un affidabile e impegnato interlocutore nella messa a punto in Gestione, tra non facili mediazioni, di un rapporto unico sul Preventivo 2021 del Cantone, il Preventivo versione coronavirus: quasi 231 milioni di disavanzo. Ma a cinque giorni dalla lettera nella quale comunicava all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio la rinuncia a mantenere la guida dei deputati leghisti, lui, Michele Foletti, non ha cambiato idea. «Il problema è che non ho più l’autorevolezza per andare a discutere, a trattare con i colleghi capigruppo, visto che il mio gruppo parlamentare mi ha voltato le spalle», dice il decano del parlamento. Sullo sfondo delle parole del municipale di Lugano, l’iniziale annuncio in via Monte Boglia di proposte di emendamento e poi la bocciatura dei conti martedì in Gran Consiglio (assente Foletti per un infortunio) da parte della netta maggioranza del gruppo leghista, dopo il no del plenum ai tagli sollecitati e illustrati da Boris Bignasca.

‘Se si adotterà una linea anti-governo sarà un problema per i due consiglieri di Stato’

Afferma di non aver più l’autorevolezza “per andare a discutere” con gli altri capigruppo. Foletti si sente sfiduciato dai suoi e ribadisce di non sentirsi più «nelle condizioni per essere un capogruppo credibile nei confronti degli altri partiti». Un gruppo, quello leghista, «che in questa seduta di Gran Consiglio ha seguito un po’ quelle che erano le indicazioni dell’Udc, che è partito d’opposizione. Pensiamo agli sgravi fiscali chiesti in materia di premi di cassa malati. In un primo tempo si era deciso di non accogliere la proposta, poi in parlamento si è fatto il contrario. Ora, come fai a fare il capogruppo di un partito che ha la maggioranza relativa in governo ma che vota contro il governo». Una frattura insanabile tra Foletti e buona parte del gruppo?  «Non so, non è comunque il primo strappo e non è strutturale. Vedremo. Intanto al nostro interno si dovrà trovare un nuovo capogruppo e in seguito decidere quale linea tenere: se si adotterà una linea anti-governativa credo che potrebbe essere un problema per i nostri due consiglieri di Stato».

Una frattura che potrebbe indebolire il movimento? «Nelle sezioni le cose funzionano bene - assicura Foletti -. No, è il solito problema latente che c’è all’interno del gruppo in Gran Consiglio; c’è di chi vuole un partito di opposizione e c’è chi si riconosce in un partito che ha la maggioranza relativa in governo quindi con responsabilità verso il Paese». La Lega ha bisogno di? «Di meno Facebook e di meno Instagram». E questo «non vale solo per la Lega. C’è bisogno di persone che facciano proposte praticabili per aiutare il Paese a uscire da questa difficile situazione provocata dalla pandemia. Non c’è più equilibrio in politica, eppure in questo momento ne servirebbe tanto», sottolinea Foletti, entrato qualche tempo fa nel team dei quattro coordinatori del movimento di via Monte Boglia, in quanto capogruppo. Ora ex. Di una frazione parlamentare che non potrà contare più, da gennaio, su due ‘pontieri’ come Amanda Rückert e Fabio Badasci entrambi dimessisi dalla carica per motivi professionali.

Ma Lorenzo Quadri: ‘Lega di governo e Lega di lotta ci sono sempre state’

È consigliere nazionale e municipale di Lugano, ma è anche direttore de ‘Il Mattino della domenica’: Lorenzo Quadri la Lega la conosce bene. A domanda della ‘Regione’ se con la bocciatura del Preventivo sia cambiato qualcosa nel movimento di Via Monte Boglia risponde secco: «Ci sono sempre state delle contrapposizioni su determinate posizioni puntuali tra la parte più istituzionale e quella più barricadera. A mio giudizio, dall’esterno perché non sono in Gran Consiglio, la scelta era appunto tra un discorso più istituzionale con un accordo sul Preventivo che fosse condiviso da tutti i partiti di governo, e un discorso più tipicamente leghista che portasse avanti comunque nostre storiche rivendicazioni». Come quella del taglio lineare alla spesa pubblica, proposta che Quadri ricorda «è nostra da sempre, il Nano e Attilio Bignasca l’hanno sempre sostenuta, non è una sorpresa di questi giorni».

Sulla questione delle dimissioni di Foletti concede: «Capisco che chi, come il capogruppo, ci aveva messo la faccia sottoscrivendo un accordo con gli altri capigruppo e poi viene sconfessato dalla maggioranza del gruppo si trovi in una situazione di difficoltà, è evidente». Volgendo lo sguardo al futuro, Quadri avverte: «Sarà importante evitare di assestarsi su decisioni che sono in contrasto con quella che è la linea originaria della Lega, abbiamo visto con Plr e Ppd cosa succede quando si tradiscono lo spirito e le radici di un partito...». Insomma, non è successo niente. Lega istituzionale e Lega barricadera. «Viene sempre spacciata come se fosse un’anomalia che ci sia una Lega di governo e una di lotta», afferma il consigliere nazionale. Che spiega: «Io ora sono a Berna, sappiamo benissimo che c’è un Consiglio federale con due socialisti e spesso il gruppo Ps vota contro i suoi stessi ministri. La stessa cosa la fa l’Udc. Trovo bizzarro che una realtà che esiste ovunque quando riguarda noi venga descritta come qualcosa di strano».

Con le Comunali davanti, e un’Udc in continua crescita di consenso, però il tema su come aumentare i voti in casa leghista si pone. Cosa si aspetta la base secondo Quadri? «Che la Lega resti la Lega. Io, che vengo inquadrato in quella che si può chiamare ala barricadera, dico sempre che l’importante è essere propositivi, con temi, idee, iniziative, referendum perfettamente inquadrabili e identificabili come della Lega. Proposte e battaglie davvero nostre». Andando oltre le storiche battaglie su frontalierato e mercato del lavoro? «Non le sminuirei», puntualizza. Ma aggiunge: «Sicuramente per quanto riguarda fiscalità e socialità la Lega potrebbe essere più presente di quanto è adesso».

Leggi anche:

Via libera al Preventivo 2021, ma la Lega è sulle barricate

'Preventivo, sfiduciato dai miei. Lascio la guida del gruppo'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved