michele-foletti-alla-lega-serve-piu-politica-e-meno-facebook
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
33 min

Brione sopra Minusio, calano gli abitanti

Nel corso del 2021 le partenze hanno superato gli arrivi
Luganese
38 min

Liceo diocesano di Breganzona, aperte le iscrizioni

Serate di presentazione pubblica, tra i percorsi possibili anche quelli per musicisti e sportivi
Luganese
50 min

Apre il 26 gennaio il Casinò di Campione d’Italia

La sala da gioco riapre i battenti con la formula ‘Tutto in un Touch’
Locarnese
51 min

Ronco s/Ascona, posteggi gratuiti

Fino al 28 febbraio non si dovranno pagare gli stalli pubblici comunali muniti di parchimetro
Ticino
52 min

Visita di cortesia del Console d’Italia a Lugano

Gabriele Meucci, appena entrato in carica, ha incontrato per la prima volta le autorità cantonali
Locarnese
58 min

Losone, lavori Ses e interruzione corrente

Il 28 gennaio l’erogazione sarà brevemente sospesa, nel corso del pomeriggio, tra Caraa Servetta e via San Materno
Locarnese
1 ora

Annullato il Carnevale di Ribellonia a Solduno

Il comitato sta valutando di organizzare al suo posto un evento estivo
Locarnese
1 ora

Riapre la Bottega del Mondo a Cavergno

Dopo la pausa natalizia, riprende l’attività benefica della sede alto-valmaggese
Locarnese
1 ora

Fart, treni soppressi la notte tra Muralto e Camedo

A causa di lavori notturni lungo la linea ferroviaria alcune corse serali verranno effettuate con autobus
Ticino
1 ora

‘Chi frequenta i corsi base raramente selezionato dalle aziende’

La Società impiegati di commercio è favorevole al superamento dei livelli alla scuola media
Locarnese
1 ora

Locarno, pannelli fotovoltaici sulla palestra protetta

Il progetto alle scuole dei Saleggi costerà 255mila franchi. C’è già l’approvazione di principio dell’Ufficio beni culturali
Luganese
1 ora

Fermato a 114 all’ora sul 50, 14 mesi sospesi

Un 25enne del Luganese è stato giudicato stamattina davanti alla Corte delle Assise correzionali di Lugano
Luganese
1 ora

Lotus Gaming trionfa alla Tcs e-sport Challenge

Ecco la classifica della prima edizione organizzata a Bioggio dal Touring club
Locarnese
2 ore

Locarno, annullato il pranzo di GenerazionePiù

La situazione pandemica critica ha spinto i responsabili a cancellare il momento conviviale di sabato prossimo, come pure quello del 1° febbraio
Luganese
2 ore

A Savosa cala il numero di abitanti

E per la Scuola dell’infanzia il Comune ottiene la targa Minergie
Grigioni
2 ore

Rossa cerca dei volontari molto particolari

Appello del Municipio per la vuotatura settimanale dei contenitori per gli escrementi dei cani
Bellinzonese
2 ore

La visione di Dio secondo Pirovano al Liceo di Bellinzona

Videoconferenza pubblica col filologo e critico dantesco italiano
Ticino
3 ore

Per il Cantone India può restare in Ticino

Lo ha confermato l’Ufficio della migrazione data l’integrazione della giovane. Gobbi critico sulle polemiche politiche che hanno investito il caso
Ticino
4 ore

Gpc, il governo designa Krizia Kono-Genini giudice supplente

Il Consiglio di Stato accoglie la richiesta dell’Ufficio dei giudici dei provvedimenti coercitivi e dà luce verde al rinforzo temporaneo
18.12.2020 - 05:550
Aggiornamento : 19:42

Michele Foletti: ‘Alla Lega serve più politica e meno Facebook’

L’ormai ex capogruppo non torna sui suoi passi dopo il ribaltone leghista sul Preventivo: ‘Non mi è più riconosciuta l’autorevolezza della guida’

Le sue dimissioni da capogruppo e da membro della Commissione della gestione preoccupano soprattutto gli avversari politici, ideologicamente parlando. E meglio, i responsabili dei gruppi parlamentari degli altri partiti di governo. Che in lui avevano trovato un affidabile e impegnato interlocutore nella messa a punto in Gestione, tra non facili mediazioni, di un rapporto unico sul Preventivo 2021 del Cantone, il Preventivo versione coronavirus: quasi 231 milioni di disavanzo. Ma a cinque giorni dalla lettera nella quale comunicava all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio la rinuncia a mantenere la guida dei deputati leghisti, lui, Michele Foletti, non ha cambiato idea. «Il problema è che non ho più l’autorevolezza per andare a discutere, a trattare con i colleghi capigruppo, visto che il mio gruppo parlamentare mi ha voltato le spalle», dice il decano del parlamento. Sullo sfondo delle parole del municipale di Lugano, l’iniziale annuncio in via Monte Boglia di proposte di emendamento e poi la bocciatura dei conti martedì in Gran Consiglio (assente Foletti per un infortunio) da parte della netta maggioranza del gruppo leghista, dopo il no del plenum ai tagli sollecitati e illustrati da Boris Bignasca.

‘Se si adotterà una linea anti-governo sarà un problema per i due consiglieri di Stato’

Afferma di non aver più l’autorevolezza “per andare a discutere” con gli altri capigruppo. Foletti si sente sfiduciato dai suoi e ribadisce di non sentirsi più «nelle condizioni per essere un capogruppo credibile nei confronti degli altri partiti». Un gruppo, quello leghista, «che in questa seduta di Gran Consiglio ha seguito un po’ quelle che erano le indicazioni dell’Udc, che è partito d’opposizione. Pensiamo agli sgravi fiscali chiesti in materia di premi di cassa malati. In un primo tempo si era deciso di non accogliere la proposta, poi in parlamento si è fatto il contrario. Ora, come fai a fare il capogruppo di un partito che ha la maggioranza relativa in governo ma che vota contro il governo». Una frattura insanabile tra Foletti e buona parte del gruppo?  «Non so, non è comunque il primo strappo e non è strutturale. Vedremo. Intanto al nostro interno si dovrà trovare un nuovo capogruppo e in seguito decidere quale linea tenere: se si adotterà una linea anti-governativa credo che potrebbe essere un problema per i nostri due consiglieri di Stato».

Una frattura che potrebbe indebolire il movimento? «Nelle sezioni le cose funzionano bene - assicura Foletti -. No, è il solito problema latente che c’è all’interno del gruppo in Gran Consiglio; c’è di chi vuole un partito di opposizione e c’è chi si riconosce in un partito che ha la maggioranza relativa in governo quindi con responsabilità verso il Paese». La Lega ha bisogno di? «Di meno Facebook e di meno Instagram». E questo «non vale solo per la Lega. C’è bisogno di persone che facciano proposte praticabili per aiutare il Paese a uscire da questa difficile situazione provocata dalla pandemia. Non c’è più equilibrio in politica, eppure in questo momento ne servirebbe tanto», sottolinea Foletti, entrato qualche tempo fa nel team dei quattro coordinatori del movimento di via Monte Boglia, in quanto capogruppo. Ora ex. Di una frazione parlamentare che non potrà contare più, da gennaio, su due ‘pontieri’ come Amanda Rückert e Fabio Badasci entrambi dimessisi dalla carica per motivi professionali.

Ma Lorenzo Quadri: ‘Lega di governo e Lega di lotta ci sono sempre state’

È consigliere nazionale e municipale di Lugano, ma è anche direttore de ‘Il Mattino della domenica’: Lorenzo Quadri la Lega la conosce bene. A domanda della ‘Regione’ se con la bocciatura del Preventivo sia cambiato qualcosa nel movimento di Via Monte Boglia risponde secco: «Ci sono sempre state delle contrapposizioni su determinate posizioni puntuali tra la parte più istituzionale e quella più barricadera. A mio giudizio, dall’esterno perché non sono in Gran Consiglio, la scelta era appunto tra un discorso più istituzionale con un accordo sul Preventivo che fosse condiviso da tutti i partiti di governo, e un discorso più tipicamente leghista che portasse avanti comunque nostre storiche rivendicazioni». Come quella del taglio lineare alla spesa pubblica, proposta che Quadri ricorda «è nostra da sempre, il Nano e Attilio Bignasca l’hanno sempre sostenuta, non è una sorpresa di questi giorni».

Sulla questione delle dimissioni di Foletti concede: «Capisco che chi, come il capogruppo, ci aveva messo la faccia sottoscrivendo un accordo con gli altri capigruppo e poi viene sconfessato dalla maggioranza del gruppo si trovi in una situazione di difficoltà, è evidente». Volgendo lo sguardo al futuro, Quadri avverte: «Sarà importante evitare di assestarsi su decisioni che sono in contrasto con quella che è la linea originaria della Lega, abbiamo visto con Plr e Ppd cosa succede quando si tradiscono lo spirito e le radici di un partito...». Insomma, non è successo niente. Lega istituzionale e Lega barricadera. «Viene sempre spacciata come se fosse un’anomalia che ci sia una Lega di governo e una di lotta», afferma il consigliere nazionale. Che spiega: «Io ora sono a Berna, sappiamo benissimo che c’è un Consiglio federale con due socialisti e spesso il gruppo Ps vota contro i suoi stessi ministri. La stessa cosa la fa l’Udc. Trovo bizzarro che una realtà che esiste ovunque quando riguarda noi venga descritta come qualcosa di strano».

Con le Comunali davanti, e un’Udc in continua crescita di consenso, però il tema su come aumentare i voti in casa leghista si pone. Cosa si aspetta la base secondo Quadri? «Che la Lega resti la Lega. Io, che vengo inquadrato in quella che si può chiamare ala barricadera, dico sempre che l’importante è essere propositivi, con temi, idee, iniziative, referendum perfettamente inquadrabili e identificabili come della Lega. Proposte e battaglie davvero nostre». Andando oltre le storiche battaglie su frontalierato e mercato del lavoro? «Non le sminuirei», puntualizza. Ma aggiunge: «Sicuramente per quanto riguarda fiscalità e socialità la Lega potrebbe essere più presente di quanto è adesso».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved