piste-aperte-ma-in-bilico-fra-possibili-chiusure
ti-press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
5 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
10 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
10 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
11 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
11 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
11 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
17.12.2020 - 12:55

Piste aperte ma in bilico fra possibili chiusure

Dopo l'inizio di stagione ‘test’ dello scorso weekend, le stazioni sciistiche si preparano a pieno regime nonostante l'ombra di un blocco

Un weekend di prova ben riuscito ma col dubbio di dover presto chiudere. Si trovano dunque in bilico le stazioni sciistiche che però restano pronte ad accogliere i clienti: «Il nostro personale sta preparando tutte le piste», ci spiega Giovanni Frapolli, proprietario degli impianti turistici di Bosco Gurin. «Se poi dovremo chiudere lo faremo con la consapevolezza che riceveremo degli aiuti. L’importante è riuscire a coprire i costi fissi». La stazione sciistica ha aperto lo scorso weekend in forma ridotta e manterrà un massimo di mille avventori al giorno: «Sabato è stata l’occasione per capire la prontezza delle persone nel rispettare le regole» dice Frapolli. «La stragrande maggioranza ha compreso la gravità della situazione. In alcuni casi sono però dovuto intervenire e intimare alcuni a rispettare le distanze e indossare la mascherina».

Apertura ‘light’ anche per Airolo che, con l’accesso consentito solo ai detentori di un abbonamento stagionale, ha potuto testare la gestione della clientela con demarcazioni per le distanze e sanificazione di locali e cabine, aprendo poi a tutti da lunedì scorso: «Per il momento non abbiamo messo un limite di giornaliere, essendo ancora in bassa stagione», afferma il direttore Mauro Pini, il quale indica un possibile tetto massimo di mille persone e la riservazione dell’orario della cabina per gestire gli arrivi nelle prossime settimane. «Il weekend scorso ha permesso anche ai nostri dipendenti di familiarizzarsi con altre mansioni – aggiunge Pini –. È importante che siano in grado di coprire altre funzioni perché a causa di possibili quarantene è necessaria flessibilità». 

Negli altri cantoni

Il tema impianti sciistici tocca fortemente anche altri cantoni della Svizzera, con una spaccatura fra chi vorrebbe fermare gli sport invernali e chi autorizza le aperture. Il governo cantonale di Zurigo ha proposto ieri di chiudere immediatamente le stazioni sciistiche di tutta la Svizzera, per alleviare il carico sulla sanità dovuto all'epidemia di coronavirus. “Gli ospedali del cantone non sono quasi più in grado di assistere ulteriori pazienti per gli infortuni sulle piste da sci”, scrive l'esecutivo. Il Canton Vallese, invece, ha autorizzato l’apertura a quasi la totalità degli impianti di risalita, di tre su 51 è stato chiesto di complementare la documentazione di richiesta. Il preavviso costituisce comunque un via libera provvisorio per i gestori, che dipende dalla situazione epidemiologica. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved