ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
1 ora

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
5 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
5 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
5 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
13 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
14 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
14 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
15 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
16 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
16 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
16 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
17 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
16.12.2020 - 19:04
Aggiornamento: 19:21

Per il congedo parentale pareggio e rinvio a gennaio

Il Gran Consiglio si spacca a metà sulla proposta di Ghisolfi (Ppd). Nel pomeriggio bocciata la piena deducibilità dei premi di cassa malati proposta dall'Udc

per-il-congedo-parentale-pareggio-e-rinvio-a-gennaio
Ti-Press

Non è stato un ribaltone, ma quasi. È finita in pareggio la votazione sull'istituzione di un congedo parentale di due settimane, con il rapporto di maggioranza uscito dalla Commissione sanità e sicurezza sociale firmato dal liberale radicale Giorgio Galusero che ha visto perdere pezzi man mano che il dibattito è andato avanti. Fino al 38 a 38 (con un'astensione) finale, che rimanda il tutto alla sessione di gennaio.

In entrata è Raoul Ghisletta (Ps), primo firmatario dell'iniziativa, a ripercorrere le tappe di un percorso che all'inizio «si è posta l'obiettivo di colmare la lacuna tra le 14 settimane del congedo maternità e le 20 settimane al termine delle quali viene dato il cosiddetto assegno di nascita. La nostra richiesta era di aumentare di sei settimane il congedo maternità». Era, appunto. Perché dalla commissione, con il rapporto di minoranza firmato da Nadia Ghisolfi (Ppd) è spuntata la possibilità di un compromesso: le due settimane di congedo parentale che torneranno in Aula tra un mese. Un compromesso «interessante» per Ghisletta, perché «apre uno spiraglio a una novità, aprire questa terza via è fondamentale per accompagnare in modo più moderno una famiglia dopo la nascita di un figlio».

Il dibattito

Non la pensa così il relatore di maggioranza Galusero: «Ieri nella discussione sul Preventivo da sinistra a destra è stato detto che il momento è difficile, e che bisogna aiutare soprattutto le piccole e medie aziende. Se il parlamento dovesse accettare questa proposta si andrebbe a incidere sui salari dei dipendenti e si metterebbero in difficoltà le Pmi, in particolare gli artigiani. Il momento non è propizio dal profilo finanziario per andare in questa direzione». E annota: «In Commissione avevo avanzato la proposta di congelare questa iniziativa fintanto che la situazione economica del Cantone si sarebbe assestata, dalla collega Ghisolfi è giunta una chiusura ed è un peccato». Ghisolfi che non polemizza e resta sul punto. Vale a dire che «in Ticino c'è il più basso tasso di natalità a livello svizzero, che ha ripercussioni sul lungo termine che possono essere devastanti. Siamo favorevoli a questo congedo parentale perché la famiglia può scegliere chi può beneficiarne, ripartendosi i compiti».

L'intervento di Michela Ris (Plr) è stato già un campanello d'allarme per la tenuta del rapporto di maggioranza, che invitava a bocciare la proposta. Campanello che è suonato quando, prima di affermare che «negli ultimi anni sono stati raggiunti diversi obiettivi nella conciliabilità tra lavoro e famiglia e sono passati solo tre mesi dall'approvazione popolare del congedo paternità, in questo momento di crisi si metterebbero in difficoltà le aziende», rivela: «Di principio una parte del nostro gruppo era favorevole». Infatti, nelle dichiarazioni di voto le liberali radicali Natalia Ferrara e Giovanna Viscardi dichiarano il loro sostegno al congedo parentale. Come la leghista Sabrina Aldi, dopo che a nome del gruppo Eolo Alberti l'aveva bocciato: «Le buone intenzioni sono una cosa, la realtà dei fatti un'altra: lo dico da padre di tre figli piccoli, ma anche come datore di lavoro sarebbe difficile confrontarsi con questo prolungamento del congedo dato il momento economico».

Non ci sta Maddalena Ermotti-Lepori (Ppd): «È un compromesso ragionevole, dare ai genitori la possibilità di stare due settimane in più con il figlio appena nato è una scelta di civiltà». Rincara la copresidente del Ps Laura Riget: «Abbiamo la possibilità di tradurre in fatti l'impegno preso in campagna elettorale a favore della conciliabilità tra lavoro e famiglia, perché le parole da sole non bastano». E se il democentrista Tiziano Galeazzi rileva come «sia un'idea nobile, ma l'economia fa fatica e non vi è la certezza che questo congedo andrebbe a incidere sul tasso di natalità» il rapporto di minoranza di Ghisolfi incassa il sostegno di Verdi, Mps, Pc e Più donne. Ma non del governo.

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa sgombra il campo da ogni errore di interpretazione: «Come Consiglio di Stato abbiamo inserito il declino demografico negli assi strategici di crescita e sviluppo del Cantone, perché siamo sensibili e attenti alle politiche della famiglia, e tra colo che investono di più». Epperò, «con grande rammarico» e «purtroppo» dall'Esecutivo arriva il pollice verso alla proposta di congedo parentale. «È necessario agire in vari ambiti, ed è un peccato perché questo tema sarebbe potuto rimanere sui banchi della commissione qualche mese in più per capire quali margini di manovra si sarebbero potuti creare». Non saranno mesi, ma a gennaio ci saranno i tempi supplementari. Chissà.

Il pomeriggio

Nel pomeriggio bocciata la piena deducibilità dei premi di cassa malati proposta da Paolo Pamini (Udc).

Nel corso della seduta di oggi si è pure venuti a sapere delle dimissioni da deputato del leghista Fabio Badasci, inoltrate lunedì all'Ufficio presidenziale. In Gran Consiglio dal 2007, tra 2016 e 2017 è stato anche Primo cittadino del Cantone.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved