uss-troppi-contagi-troppi-morti-lockdown-necessario
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
36 sec

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
4 min

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
7 min

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
37 min

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
41 min

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
1 ora

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
1 ora

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
1 ora

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
1 ora

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
Locarnese
1 ora

Piano di Peccia, il calcio protagonista al Draione

Promosso dal Gruppo animazioni locale, si rinnova l’appuntamento con il fine settimana a caccia del pallone in alta quota. Poi notti di musica
Locarnese
1 ora

Concerto estivo a Sant’Abbondio

Appuntamento con la formazione musicale diretta da Alan Rusconi venerdì alle 21, a Sant’Abbondio
16.12.2020 - 10:51
Aggiornamento: 20:41

Uss: 'Troppi contagi, troppi morti: lockdown necessario'

L'Unione Sindacale Svizzera Ticino e Moesa chiede che 'il Ticino ritrovi il coraggio che aveva dimostrato in marzo' seguendo almeno l'esempio della Romandia

"Fermarsi subito". È l'appello lanciato in un comunicato dall'Unione Sindacale Svizzera (uss) Ticino e Moesa di fronte alla crescita dei contagi e dei morti.

I sindacati puntano il dito contro le misure eccessivamente blande intraprese dalla Confederazione: "Durante l’estate il Consiglio federale e le principali organizzazioni economiche sembravano rassicurare tutti, come se il virus fosse scomparso. Il tema principale non era più la protezione della salute ma lo scongiurare ad ogni costo un nuovo lockdown. Dal mese di ottobre il brusco risveglio, con la ripresa delle ospedalizzazioni. Il discorso dominante puntava tutto sulla responsabilità individuale, guai a interferire di nuovo con le attività commerciali. La Svizzera è diventata così, nel corso di un paio di mesi, uno dei Paesi in Europa con la maggiore presenza del virus e con una proporzione inaccettabile di ricoveri e decessi". 

Anche il Consiglio di Stato ticinese è oggetto di critiche da parte dell'Uss: "I cantoni dell’arco lemanico hanno deciso in novembre di fermare per un mese, soprattutto bar, ristoranti e altri luoghi di assembramento. Il contagio è fortemente rallentato. In Ticino si è continuato a dire che si stava facendo molto ma in realtà si scaricava la responsabilità su Berna. I Sindacati chiedevano da tempo interventi decisi: una diminuzione delle attività economiche, per permettere una reale diminuzione della circolazione delle persone, una maggiore protezione sui posti di lavoro, con il coinvolgimento dei lavoratori stessi nella definizione dei protocolli da adottare, e nel loro controllo. Poco è stato fatto, dicendo che i luoghi di lavoro non sono veicolo di contagio, favorendo questa narrazione con il rifiuto di comunicare qualsiasi dato relativo alle realtà lavorative ma citando incessantemente soltanto nuclei familiari, ristoranti e discoteche".  

"A nessuno fa piacere ritrovarsi in una situazione simile a quella di marzo. Quando si chiudeva tutto", prosegue il comunicato. "Il personale di cura sta provando ad aprire gli occhi alla politica. Infermieri e medici sono sotto pressione, così come tutto il sistema sanitario. In alcuni ospedali si rimandano a casa pazienti che necessitano di interventi per patologie tumorali, come riferito dai direttori degli ospedali zurighesi. I posti letto scarseggiano. Dalle strutture ospedaliere si segnala inoltre il rischio di dimissioni del personale ormai esausto. In Ticino sembriamo aver dimenticato che praticamente due ospedali si dedicano a pazienti Covid". 

Critiche anche alla gestione del sostegno economico alle attività economiche colpite dalle restrizioni: "Paesi a tradizione liberale come la Germania e l’Olanda hanno optato per un lockdown drastico.  L’unico metodo che ferma le pandemie. I dirigenti di questi Paesi affermano che ogni morto è un morto di troppo. Garantendo aiuti certi alle attività chiuse. Ogni imprenditore e ogni lavoratore è al corrente di quale sostegno riceverà. Da noi sembra ancora regnare il caos. Eppure siamo uno dei Paesi più ricchi al mondo. Ma non riusciamo a elaborare un vero e proprio piano di sostegno economico e sociale nazionale. Facendo ad esempio capo agli 80 miliardi di riserve immediatamente  distribuibili della Banca nazionale svizzera (BNS). Denaro che dovrebbe servire per far fronte alla peggiore crisi degli ultimi cinquant’anni. I Sindacati sottolineano da tempo l’urgenza del pagamento dell'integralità dell'indennità per lavoro ridotto ai salari più bassi così come la copertura tramite ILR o IPG di tutte e tutti i lavoratori e lavoratrici salariati. Sostegno che deve valere anche per i titolari di SA e gli indipendenti". 

Infine, l'appello dei sindacati: "Questo sostegno è necessario così come lo è un immediato lockdown perlomeno sul modello di quanto fatto dai cantoni Romandi in novembre. Bisogna fermarsi subito. Ci sono troppi  contagi e ci sono troppi morti. E bisogna riaprire non quando lo decidono le lobby economiche ma solo quando lo permettono i dati epidemiologici. Il Ticino ritrovi il coraggio che aveva dimostrato in marzo".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lockdown ticino unione sindacale svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved