magistratura-via-libera-a-celeri-riforme
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
7 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
11 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
11 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
11 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
11 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
11 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
12 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
Luganese
12 ore

Birra protagonista nel fine settimana in Capriasca

La quarta edizione di Birra in Capriasca si terrà l’1 e 2 luglio sul piazzale delle scuole elementari di Tesserete
Locarnese
12 ore

Feste di Comino, siamo al capolinea

Mancano i rincalzi per portare avanti anche in futuro l’evento sulla montagna centovallina. Il Gruppo promotore, a malincuore, costretto a rinunciare
Luganese
12 ore

Caslano, per il 1° agosto corteo patriottico e allocuzione

A pronunciarla, nella cornice di piazza Lago, sarà la deputata al Gran Consiglio e capogruppo Plr Alessandra Gianella
Locarnese
12 ore

Piano di Peccia, il calcio protagonista al Draione

Promosso dal Gruppo animazioni locale, si rinnova l’appuntamento con il fine settimana a caccia del pallone in alta quota. Poi notti di musica
Locarnese
12 ore

Concerto estivo a Sant’Abbondio

Appuntamento con la formazione musicale diretta da Alan Rusconi venerdì alle 21, a Sant’Abbondio
Locarnese
13 ore

Tegna, si è spento Sergio Ferrari, già vicesindaco

Persona conosciuta e molto impegnata a livello amministrativo, aveva difeso con fervore la costruzione della sede scolastica in paese
Luganese
13 ore

Zelensky a Lugano non ci sarà. Ma arriverà il premier Shmyhal

L’ambasciatore ucraino a Berna fa chiarezza sui delegati che arriveranno in riva al Ceresio in occasione della conferenza Urc 2022
Mendrisiotto
13 ore

Cavea Festival raddoppia: due giorni di musica alle cave di Arzo

La terza edizione dell’evento musicale si terrà venerdì 1 e sabato 2 luglio. A completare il programma anche dj set e prodotti locali.
14.12.2020 - 17:17
Aggiornamento: 19:47

Magistratura, via libera a ‘celeri’ riforme

La maggioranza del Gran Consiglio: sì la codificazione della procedura di allestimento dei preavvisi per il rinnovo delle cariche e la riorganizzazione della Procura

Un passo in più verso il miglioramento (leggi codificazione) delle procedure sull’allestimento dei preavvisi da parte del Consiglio della magistratura e verso l'agognata riforma organizzativa del Ministero pubblico. Via libera - con 49 sì, 7 contrari e 19 astenuti - alla proposta di risoluzione presentata dalla Commissione parlamentare giustizia e diritti. Il Gran Consiglio, questo pomeriggio, prima di esprimersi sul rinnovo decennale delle cariche in seno al Ministero pubblico ha dato luce verde ai ‘desiderata’ dell’organo presieduto dal popolare democratico Luca Pagani. Nata sulla scorta della vicenda dei preavvisi negativi formulati dal Consiglio della magistratura alla rielezione di cinque procuratori pubblici, e sulla loro genesi, vede il proprio contenuto riassunto dall’intervento di Pagani stesso: «Sono emerse criticità normative, comprese spiacevoli divergenze sull’accesso agli atti», ricorda. Quindi «la commissione, per dare un segnale forte chiede l’incarico di approfondire problemi di natura organizzativa e procedurale emersi, così come la possibilità di formulare proposte di miglioramento con la facoltà di avvalersi della consulenza di uno o più esperti indipendenti». Insomma, l’obiettivo della commissione è «agire in modo positivo e propositivo, coinvolgendo debitamente i rappresentanti del potere esecutivo e giudiziario, come naturale che sia e come già comunicato ufficialmente all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio». Sulla procedura di allestimento dei preavvisi, con il percorso tortuoso che ha vissuto in vista del rinnovo delle cariche in magistratura previsto oggi, «come commissione riteniamo urgente una possibilità di miglioramento, così come sull’introduzione di necessarie riforme del Ministero pubblico per un più efficace controllo interno». 

Il ‘niet’ del Plr, che si astiene

«Inutile e pleonastica». Non usa mezzi termini il liberale radicale Marco Bertoli per definire questa risoluzione. Di più: «Declamatoria». Bertoli contesta il fatto che a volte «le emozioni prevaricano l’obiettività necessaria che deve prevalere quando si affrontano temi di interesse generale». E invece, rileva, «non ci è stato nemmeno dato il tempo di discutere: prendere o lasciare». Per non dare «il segnale negativo che il Plr fosse disinteressato a trovare una soluzione» ecco quindi la scelta liberale radicale di presentare un emendamento «per mettere nero su bianco che la separazione dei poteri viene garantita. Dare alla sola commissione del Legislativo il compito unico di procedere alla revisione sarebbe come relegare il potere esecutivo e il potere giudiziario a un ruolo marginale». Pagani, va detto, sia nel suo intervento sia nelle repliche agli emendamenti in seguito ha ricordato come il coinvolgimento degli altri due poteri sia «scontato».

Una discussione, ricorda Nicola Corti (Ps), non necessaria ma importante: «La Commissione giustizia e diritti non ha la necessità di chiedere a questo gremio il permesso o i mezzi finanziari, ma è così grave la crisi istituzionale che è venuta a crearsi negli ultimi mesi da far propendere per una discussione aperta, pubblica. Nella consapevolezza che non basta procedere a un rinnovo delle cariche, potenziare le risorse, darsi una finestra temporale e capire quali vie siano percorribili: serve lavorare tutti insieme a soluzioni vere, sane, praticabili. Senza personalismi». E il sì alla risoluzione ne è naturale conseguenza.

Per l’Udc Roberta Soldati afferma che «il nostro dovere è non confondere il cittadino facendo pensare che il sistema non è credibile. Sono sorte criticità organizzative e procedurali: ben venga, se serve a migliorare il sistema». Sulla protesta del Plr relativa al fatto che non sia scritto nella risoluzione che verranno coinvolti potere esecutivo e giudiziario Soldati spiega che «non si legge perché è dato per acquisito e pacifico».

Il verde Marco Noi sostiene che «il senso di questo intervento è evitare che si riproduca la confusione formale e procedurale cui abbiamo assistito: non fa bene alle nostre istituzioni giudiziarie». E aggiunge: «Questo discorso procedurale si inserisce in un discorso che viene da tempo: del disagio del Ministero pubblico si è sempre sentito dire che proviene da sovraccarico di lavoro e non da incapacità o impossibilità dei singoli pp nell’affrontare con cognizione di causa tale lavoro». Ebbene, per Noi «questi due discorsi si sono incontrati sul limite del rinnovo del Ministero pubblico, è nostro compito fare in modo che le procedure siano condivise e riconosciute come solide».

Matteo Pronzini (Mps) alza il tiro: «Serve una rottura con la logica di lottizzazione politica dei posti in magistratura, ma non solo, fatta dai vostri partiti. Ci vogliono le dimissioni del Consiglio della magistratura e il rinvio del rinnovo delle cariche, compresa quella del procuratore generale». E se Tamara Merlo (Più donne) non è convinta - «questa è una semplice richiesta di poter avere dei fondi per chiedere a degli esperti per risolvere o ispirare soluzioni, un po’ poco» - il comunista Massimiliano Ay annota che «i partiti devono porsi qualche domanda sulla selezione interna anche per chi si propone poi per le cariche nella giustizia. Sulla non sufficientemente adeguata collaborazione da parte del Cdm con il parlamento, vorrei ricordare che il Gran Consiglio è l’unico organo eletto dal popolo con lo scopo di vigilare: questa risoluzione ha l’obiettivo di risolvere un problema».

Gobbi: ‘Importante che il lavoro sia svolto di concerto’

Su un lavoro che deve essere svolto di concerto da potere esecutivo, giudiziario e legislativo spinge il Presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento istituzioni Norman Gobbi: «Questo lavoro tripartito deve essere al centro per garantire l’equilibrio tra potere giudiziario, detentore del proprio ruolo, il parlamento che deve vigilare attraverso leggi e risorse da riverificare, e il governo che è competente per attribuzione risorse da sottoporre all’attenzione del parlamento». Un lavoro che dovrà essere fatto «in tempi celeri», avverte Gobbi. Che conclude: «Le organizzazioni legalmente possono essere perfette, ma il loro successo lo determinano donne e uomini che lavorano in quelle organizzazioni».

Bocciati gli emendamenti di Plr, Mps e Più donne

Silurati tutti gli emendamenti proposti. Parte dei quali - quelli suggeriti da Plr e Più Donne - ricalcava in sostanza quanto indicato dal presidente della commissione parlamentare in apertura di dibattito. Otre a caldeggiare la collaborazione della 'Giustizia e diritti' con il Dipartimento istituzioni e le autorità giudiziarie nella messa a punto delle riforme procedurali - per quanto riguarda l'operato del Cdm finalizzato alla redazione dei preavvisi di idoneità o meno alla rielezione dei magistrati - e organizzative, con riferimento al Ministero pubblico, i liberali radicali chiedevano di fissare un termine - "entro un anno" - per l'attuazione delle misure. «Non si fa altro che precisare la proposta di risoluzione, introducendo anche un obbligo di collaborazione con Dipartimento e magistratura», ha indicato Matteo Quadranti firmatario con Marco Bertoli dell'emendamento. «Ma l'intento della commissione - ha rilevato il suo responsabile Pagani - è già chiaro: procedere speditamente con le riforme organizzative e la codificazione dell'allestimento dei preavvisi da parte del Cdm e dei rapporti fra Consiglio della magistratura e commissione parlamentare. E poi che cosa succederebbe se entro un anno non si riuscisse ad applicare queste riforme? Cesserebbe la nostra collaborazione con il potere esecutivo e con quello giudiziario?». Respinto anche l'emendamento formulato dall'Mps, che chiedeva che il Gran Consiglio invitasse i membri del Consiglio della magistratura a dimettersi (come ha fatto notare di transenna Pagani, solo una parte dei componenti, quelli laici, sono designati dal parlamento; i togati sono invece designati dall'assemblea dei magistrati). E che chiedeva il rinvio dell'elezione dei venti pp e del procuratore generale. «Il rinvio sarebbe problematico dal profilo costituzionale - ha rilevato Pagani -. Il mandato è di dieci anni e scade alla fine di quest'anno. Le riforme - ha ribadito il presidente della commissione - si devono fare anche senza rinvio». Bocciato pure l'emendamento con cui Più Donne proponeva di integrare nella 'Giustizia e diritti', nell'elaborazione delle riforme, i partiti che non fanno gruppo in Gran Consiglio, tra cui quindi Più Donne. «Non esiste oggi la base legale per una simile risposta», ha rammentato Pagani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio magistratura
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved