ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia

A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
4 ore

Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere

Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
4 ore

‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’

Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
13 ore

Tra l’Alabama e il Ticino

L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
13 ore

Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico

Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
13 ore

Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi

Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Luganese
14 ore

‘Per il Decs è permesso fare propaganda politica nelle scuole?’

In un’interrogazione Robbiani e Guscio (Lega) contestano una lettera recapitata alle famiglie nella quale si invita a manifestare al taglio alle pensioni
Luganese
14 ore

Castagnola, credito di 3,5 milioni per via Cortivo

Il progetto intende sostituire le canalizzazioni comunali come pure realizzare un posteggio per cicli e motocicli
Ticino
15 ore

Un ottobre da... radar

Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
Bellinzonese
15 ore

Camorino, servono 2,5 milioni in più per il Centro polivalente

Il Consiglio di Stato chiede un credito suppletorio ai già stanziati 11 milioni: ‘Necessario aumentare le superfici degli alloggi’ per richiedenti l’asilo
Luganese
15 ore

Lugano, disavanzo di 5,3 milioni nel Preventivo 2023

Dato positivo, ma da relativizzare, spiega Foletti, considerando il nuovo sistema di calcolo. Moltiplicatore d’imposta: si propone di lasciarlo al 77%
Luganese
15 ore

A Lugano e Mendrisio la Biennale svizzera del territorio

Si terrà dal 6 all’8 ottobre. Il pubblico verrà confrontato con il tema ‘(non)finito’, legato alla continua necessità di materie prime
Luganese
15 ore

Radioastronomia, all’Usi la conferenza ‘Swiss Ska Days’

L’incontro avrà luogo il 3 e il 4 ottobre. Lo Ska è un progetto internazionale che ha l’obiettivo di costruire il più grande radiotelescopio al mondo
Ticino
16 ore

‘Serve una lista forte’, Mirante critica la direzione Ps

Per l’esponente socialista la proposta di lista che la direzione presenterà al Congresso del 13 novembre si basa su un ragionamento ‘fallace a azzardato’
Mendrisiotto
16 ore

Coldrerio, da ottobre i primi ospiti della Casa per anziani

Da inizio settembre i servizi all’interno del Quartiere intergenerazionale sono operativi
Locarnese
16 ore

Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo

L’esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
16 ore

Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’

Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
17 ore

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Locarnese
17 ore

Da ‘Stranociada a Strarisotada’, sempre di successo si tratta

In attesa del ritorno alla normalità post pandemia, archiviata un’edizione 2022 dal taglio diverso ma pur sempre gettonatissima dalla popolazione
Luganese
17 ore

Lugano, a Palazzo civico visita del Municipio di Cortébert

Gli esponenti del Comune bernese sono stati ricevuti dal vicesindaco Roberto Badaracco e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi e Filippo Lombardi
Bellinzonese
17 ore

Consultabili gli atti sul riassetto dei posteggi di Osogna

Giovedì 6 ottobre alle 20, nella sala polivalente delle scuole elementari, si terrà una serata informativa sul tema
03.11.2020 - 06:00

Procura e nomine, se il gioco si fa politicamente duro

La candidata sostenuta dalla Lega non eletta giudice, il 'fastidio' del capogruppo Foletti e i possibili strascichi sull'elezione di pp e pg

procura-e-nomine-se-il-gioco-si-fa-politicamente-duro

C’è una nuova domanda legata a questa tormentata procedura di elezione dei magistrati del Ministero pubblico (la scadenza dei mandati decennali è imminente: fine dicembre). Quali conseguenze potrebbe avere, politicamente parlando, la mancata nomina, un paio di settimane fa in Gran Consiglio, di Manuela Frequin Taminelli – la candidata sostenuta dalla Lega e dalla maggioranza della commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ – a quinto giudice del Tpc, il Tribunale penale cantonale? Condizionerà o no le scelte del legislativo, o di una parte di esso, quando sarà chiamato (quando tuttavia non si sa ancora) a scegliere i pp che comporranno la Procura per il periodo 1º gennaio 2021/31 dicembre 2030? Ovviamente a non aver digerito la non elezione di Frequin Taminelli (il Gran Consiglio le ha preferito Siro Quadri, di area Ppd) sono i leghisti, che a suo tempo avevano anche lamentato il fatto di essere attualmente sottorappresentati al Tribunale d’appello, sotto il cui tetto istituzionale vi è pure il Tpc.

‘Parte del Plr non ha rispettato gli accordi’

Il movimento di via Monte Boglia punta il dito contro i deputati liberali radicali, ‘rei’, perlomeno alcuni, di non aver quel 19 ottobre appoggiato al secondo turno in modo compatto Frequin Taminelli: un certo numero di voti del gruppo Plr era infatti confluito ancora sulla ‘sua’ candidata, cioè Elettra Orsetta Bernasconi Matti. «È un atteggiamento che non mi è piaciuto», afferma il capogruppo e portavoce della Lega Michele Foletti, che del Gran Consiglio è anche il decano. «Mi ha dato molto fastidio – continua Foletti, interpellato dalla ‘Regione’ – il fatto che gli accordi raggiunti in commissione ‘Giustizia’ (i liberali radicali avevano sottoscritto la proposta, all’indirizzo del plenum, di nomina a giudice di Frequin Taminelli, ndr) non siano stati rispettati. Questa commissione, voluta a suo tempo per trovare delle intese sul piano politico sulle proposte di elezione di candidati ritenuti dagli esperti comunque tecnicamente idonei a ricoprire la carica, è stata sconfessata. Credo che sia necessario fare qualche riflessione». E in occasione del rinnovo dei mandati all’interno del Ministero pubblico quanto accaduto indurrà il movimento a mutare strategie e alleanze al momento delle decisioni in Gran Consiglio? «Non so, dopodomani (mercoledì, ndr) abbiamo riunione del gruppo parlamentare e ne discuteremo – fa sapere Foletti –. Bisognerà anzitutto capire come si stia muovendo la ‘Giustizia e diritti’ in generale per questo rinnovo delle cariche in Procura. In ogni caso sosterremo i candidati migliori, quelli che reputiamo meritevoli. L’importante è garantire l’operatività del Ministero pubblico, in ballo è infatti il sistema Paese. Non faremo come hanno fatto i liberali con il quinto giudice del Tribunale penale cantonale». Il Plr può quindi dormire sonni tranquilli? «Dipende dalla qualità dei suoi candidati», taglia corto Foletti. Per il Ministero pubblico i concorsi erano due. Uno per i procuratori (venti quelli da eleggere). E uno per il procuratore generale: unico candidato, l’uscente Andrea Pagani, in quota liberale radicale. «Con la nuova legge sul Gran Consiglio – ricorda il capogruppo della Lega –, il parlamento dovrà ad ogni modo votare, procedere cioè all’elezione. Se c’è fiducia in Pagani è opportuno che venga eletto con un buon numero di voti. Poi occorrerà vedere se la storia dei WhatsApp, degli sms e dei comunicati stampa inciderà sulle scelte dei granconsiglieri». In ogni caso niente elezione tacita.

La replica di Gianella: basta pressioni

Secca la replica della capogruppo liberale radicale Alessandra Gianella: «Su questo tema sono state dette anche troppe parole, adesso è prioritario che la commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ faccia il suo lavoro con il giusto approccio e nel rispetto delle procedure, senza subire continue pressioni esterne. Perché è nell’interesse di tutti che la magistratura possa lavorare al meglio».

Sedici aspiranti esterni: otto ‘idonei’

Intanto, stando a nostre informazioni, la Commissione di esperti indipendenti, che preavvisa le nuove candidature in magistratura all’attenzione del Gran Consiglio, ha consegnato il proprio rapporto alla ‘Giustizia e diritti’. Sedici le candidature ‘esterne’ (ossia non presentate da procuratori pubblici in carica), tra quelle inoltrate alla chiusura sia del primo, sia del secondo concorso, dopo la sua riapertura decisa dalla commissione parlamentare. Otto gli aspiranti pp considerati dai periti idonei ad assumere la carica. Tre lavorano oggi al Ministero pubblico come segretari giudiziari – uno è il segretario del procuratore generale Pagani – e uno, anzi una, è vicecancelliere della Pretura penale. I restanti quattro sono avvocati.

Tra i candidati ritenuti non idonei ci sono due vicecancellieri del Tribunale penale cantonale: uno dei due è la persona menzionata nel messaggino che il presidente del Tribunale penale cantonale Mauro Ermani aveva scritto e inviato via WhatsApp al pg Pagani dopo l’audizione della donna, verso fine agosto, davanti alla Commissione di esperti: “Pare sia andata bene, se lascia il Tribunale penale trattamela bene, se no ricomincio a parlare male di voi”, ossia del Ministero pubblico. A questo punto, dopo la mancata nomina a giudice di Frequin Taminelli, l’elezione della quale era stata caldeggiata dai giudici del Tpc, presidente in testa, si potrebbe parlare di effetti collaterali degli sms di Ermani, sms “isitituzionali”, come li aveva definiti. E sì che la vicecancelliera valutata non idonea era stata preavvisata favorevolmente dagli esperti nel 2019 quando si doveva sostituire una procuratrice pubblica passata alle dipendenze di un altro organo giudiziario. Stessa valutazione, nella medesima circostanza, per uno dei segretari giudiziari considerati ora non idonei. Sei in totale i segretari del Ministero pubblico che hanno partecipato al concorso in vista del rinnovo delle cariche in Procura. Tre quelli ritenuti non idonei, tra cui appunto il citato segretario giudiziario. Eppure quest’ultimo e un altro segretario ‘bocciato’ dai periti hanno, rispetto ai tre colleghi promossi, più anni di esperienza al Ministero pubblico, dove hanno collaborato a indagini tanto su reati finanziari quanto su illeciti cosiddetti di polizia. I tre segretari giudiziari e la vicecancelliera del Tribunale penale considerati non idonei hanno nel frattempo ritirato la candidatura a pp.

I cinque mantengono la candidatura

C’è poi il capitolo, tutt’altro che chiuso, riguardante i cinque procuratori pubblici la cui rielezione è stata preavvisata negativamente dal Consiglio della magistratura (Cdm) con preavvisi insolitamente duri. E sui quali non hanno ancora avuto la possibilità di esprimersi. È anche per questo che nelle scorse settimane si sono appellati alla Commissione di ricorso sulla magistratura, che ha dato un mese di tempo – il termine scade a metà mese – al Cdm per trasmetterle l’elenco degli atti e gli stessi atti su cui si sarebbero basati i preavvisi. I cinque pp hanno intanto deciso di mantenere la candidatura per un nuovo mandato.

La perizia

Sarà poi interessante conoscere l'esito della perizia affidata dalla commissione 'Giustizia e diritti' a un ex presidente del Tribunale federale.  Questo per sapere se l'esperto (non ticinese) di diritto abbia individuato eventuali lacune nella procedura con riferimento in particolare al diritto di essere sentito (questione che riguarda i cinque procuratori) e se e come si intenda colmarle.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved