ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
1 ora

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
4 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
4 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
4 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
10 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
11 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
12 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
14 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
14 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
14 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
14 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
15 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
Mendrisiotto
15 ore

L’Ostello di Scudellate entra nella rete svizzera

La struttura aprirà i battenti il primo marzo e offrirà 24 posti letto. L’edificio, storico, è stato ampliato e rinnovato
Ticino
15 ore

Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati

Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
16 ore

Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo

Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Luganese
16 ore

Il gruppo Ps&Si Capriasca si riunisce in assemblea

L’appuntamento è per domenica 12 febbraio a Tesserete
Ticino
16 ore

Dichiarazione di fedeltà alle Leggi per Luca Federico Guastalla

La cerimonia a Palazzo delle Orsoline per il nuovo procuratore pubblico supplente nominato a titolo temporaneo in sostituzione della pp Canonica Alexakis
Ticino
16 ore

‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’

Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
17 ore

Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’

Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
17 ore

Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia

Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
morbio inferiore
17 ore

Dimissioni del vicesindaco, un subentrante entro fine mese

Il Municipio ha dato avvio alla procedura di designazione del successore di Matteo Mombelli
Locarno
18 ore

Voto ai 16enni e agli stranieri, ‘la Città cosa ne pensa?’

Lo chiedono con un’interrogazione al Municipio i consiglieri comunali dei Verdi Buzzi, Machado, Antunovic e Mileto
Mendrisiotto
18 ore

A Morbio Inferiore due giorni per festeggiare il Carnevale

L’appuntamento è per sabato 18 febbraio al campo sportivo e per domenica 19 sul piazzale della casa comunale
Locarno
18 ore

La vita e l’opera di Pietro Morettini alla Biblioteca

Appuntamento giovedì alle 18.15, a Palazzo Morettini. Relatore sarà Marino Viganò, dottore in storia militare
Ticino
19 ore

Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani

La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Mendrisiotto
21 ore

Giovani e sportivi a Chiasso, la gran parte è ticinese

Passate in rassegna le società attive sul territorio comunale, è emerso che gli atleti provenienti dall’estero sono la minoranza
Luganese
22 ore

Cantiere in vista in via Maraini a Lugano

Da lunedì 6 febbraio e per quattro giorni il traffico sarà regolato da agenti di sicurezza
Bellinzonese
22 ore

Le Terre del Ceneri incontrano la Città dei mestieri

Mercoledì 15 marzo porte aperte nelle aziende formatrici del territorio di Cadenazzo, Gambarogno e Monteceneri
Locarnese
22 ore

Chiacchiere al camino in compagnia di Zeno Ramelli

L’incontro con lo storico e giornalista, inserito nelle attività di ‘Natal in Vall’, si terrà giovedì nel Castello Marcacci di Brione Verzasca
Ticino
22 ore

Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie

Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
Locarnese
23 ore

Ascona-Locarno nella top 20 delle mete turistiche

A livello europeo le due località sul Verbano si contenderanno l’ambito riconoscimento attribuito da ‘EuropeanBestDestinations’ per il 2023
Bellinzonese
23 ore

Decolla quest’anno la Via Francisca del Lucomagno

Pronto il tratto ticinese del percorso storico fra Costanza e Pavia: in primavera la posa della segnaletica fino a Ponte Tresa
Mendrisiotto
23 ore

Dopo lo strappo di Cerutti, ‘nel Plr non faremo gli struzzi’

La mossa del municipale spiazza i vertici del partito a vari livelli. Speziali: ‘Deve essere un punto di ripartenza’
Luganese
1 gior

Convento Salita dei Frati: spazi formativi firmati Mario Botta

Scaduta ieri la pubblicazione della domanda di costruzione per il restauro e l’edificazione di nuove aree (interrate) nel prezioso comparto seicentesco
Ticino
1 gior

Ragazze e scienza, ‘per scelte formative libere da pregiudizi’

Una serata gratuita promossa dal Cantone per contribuire ad abbattere gli ancora numerosi stereotipi di genere nel mondo scientifico e tecnico
Ticino
1 gior

Energia, il governo ai Comuni: ‘La situazione è ancora tesa’

Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
1 gior

Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa

Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
1 gior

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
1 gior

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
1 gior

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
1 gior

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
1 gior

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
1 gior

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
1 gior

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
1 gior

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
1 gior

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
1 gior

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
1 gior

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ciao Ermi
15.10.2020 - 12:36

Erminio Ferrari: penna, scarponi e passione

Il nostro collega, giornalista e scrittore, ha perso la vita ieri, vittima di un incidente in montagna. Un ricordo.

di Beppe Donadio, Andrea Manna, Marino Molinaro
erminio-ferrari-penna-scarponi-e-passione
Erminio Ferrari, 1959-2020

Erminio non c’è più. Se ne è andato in un giorno d’autunno nella sua montagna, quella montagna che da sempre amava. Il nostro collega Erminio Ferrari è morto, vittima di un incidente, durante un’escursione con la figlia. Erano al pizzo Marona, sui sentieri del parco nazionale della Val Grande, nel Verbano-Cusio-Ossola. Stando a quanto riferito dal sito online della ‘Stampa’, Erminio avrebbe messo un piede in fallo ed è quindi precipitato. La caduta è stata fatale. Vano, riferisce il portale italiano, si è rivelato l’intervento del Soccorso alpino (del quale peraltro Erminio era volontario) e dell’elicottero del 118. Ferrari, due figli, aveva 61 anni. Viveva a Cannobio, di cui era originario. In Svizzera aveva cominciato la carriera giornalistica all’‘Eco di Locarno’, occupandosi per anni di cronaca. Alla ‘Regione’ era responsabile del settore Esteri. Apprezzato editorialista, penna graffiante, Erminio si è sempre contraddistinto per la profondità delle sue analisi. Celebri i suoi reportage, nei primi anni Novanta, dai luoghi dell’ex Jugoslavia devastati dalla guerra civile. Erminio Ferrari lascia un grande vuoto nel giornalismo, non solo ticinese. In questo triste momento, editore, direzione, redazione e personale tecnico de ‘laRegione’ si stringono intorno alla famiglia.

Giacomo Salvioni: ‘Con noi dall’inizio’

Chissà quale sostantivo sceglierebbe Erminio per descrivere lo stato d’animo di tutti, alla notizia che non lo leggeremo più. Magari ‘sconcerto’, la sensazione che accompagna l’editore Giacomo Salvioni: «Persona educata, animato da una critica costruttiva, grandissimo giornalista. Come scriveva lui certi pezzi, era una meraviglia. Erminio è stato con noi sin dall’inizio, dal 1992. Abbiamo sempre avuto un bel rapporto». Per descrivere «l’eterno ragazzino», concetto che tornerà in questa pagina, Salvioni chiama in causa «Gianni Morandi, una di quelle persone che non invecchiano mai». L’editore ricorda l’ultimo suo fondo e l’ultima sua speciale, soltanto ieri. E ricorda il suo essere «tutt'altro che un chiacchierone. Magari alla festa di Natale non si presentava, ma ci si trovava su a parlare nella stanzetta del caffè. Perché in 25 anni, credo non sia mai entrato nel mio ufficio. Ci parlavamo nei corridoi. Chissà, forse gli ricordavano le strade di montagna».

Daniel Ritzer: ‘Impariamo a vivere senza’

«La prima volta che ho incontrato Erminio in redazione – racconta Daniel Ritzer, futuro direttore della Regione, oggi vice – ero in totale imbarazzo, frutto dell’ammirazione. Gli dissi quanto ero lieto di conoscerlo, e gli strinsi la mano, perché a quel tempo si poteva ancora farlo e gli dissi quello che pensavo e che penso tutt'ora, ovvero che i suoi pezzi erano il motivo più grande per leggere laRegione, perché una capacità d'analisi come la sua non la conosco e la perdita è enorme. Un giorno mi chiese d'incontrarci per sottopormi le sue riserve in merito al mio ingresso al giornale. Me lo disse con tale sincerità che mi fece anche piacere ascoltarlo. Col tempo abbiamo imparato a conoscerci, la stima nei suoi confronti è rimasta la stessa e credo che nel tempo lui abbia capito qualcosa di più su chi sono e qual è il mio intento qui». Un aneddoto: «Durante il lockdown, quando chiedemmo ai colleghi di lavorare da casa, lui mi disse: "E io a casa cosa faccio?". Andai dall'editore a dirgli che Erminio aveva bisogno di stare con noi, e noi con lui». E adesso? «E adesso non ci resta che imparare a vivere e a produrre questo giornale senza di lui».

Andrea Manna: 'Quella volta a Venezia'

«Con Erminio ho condiviso più di trent’anni di giornalismo» dice Andrea Manna, caporedattore centrale, presto vice direttore de laRegione. Il primo incontro tra i due: «Fu a una conferenza stampa tenuta dall’allora sindaco di Gordola Efrem Regazzi su un’iniziativa che riguardava degli alpeggi. Lui era già all’Eco di Locarno, io mi trovavo alla redazione di Locarno del Corriere del Ticino, lo avrei raggiunto alcuni mesi dopo». L'ultimo: «Martedì sera, di ritorno da un programma televisivo sono rientrato in redazione; alle 23 ci siamo lasciati con il solito saluto, “Ciao Ermi”, “Ciao guitar”, sapendo della mia passione per la chitarra. Guardare quella scrivania vuota è una stretta al cuore incredibile».

Con stima reciproca anche nella frequente diversità di vedute – «Il mio modo d’intendere il giornalismo è più sulla notizia, lui, dedicandosi agli esteri, più verso l’approfondimento, e i suoi editoriali lo testimoniano per la profondità di analisi» – Manna ricorda il reportage insieme da Venezia, anno 1996: «Era il primo raduno leghista. Era una giornata calda, faticosa. La sera dovemmo peregrinare per la città alla ricerca di una redazione dalla quale poter scrivere e inviare i pezzi alla redazione. A un certo punto saltarono i collegamenti e tornammo a dettare gli articoli al telefono, come ai vecchi tempi». Concludendo: «Ciao Erminio, hai insegnato parecchio. Anche al sottoscritto».

Lillo Alaimo: 'Uguali, un po' diversi'

“Erminio era un uomo profondo, ricco di umanità e di cultura”, dice Lillo Alaimo, direttore del ‘Caffè’, vice della ‘Regione’ nel primo anno di vita del quotidiano e già caporedattore dell’’Eco di Locarno’. La voce di Alaimo è rotta dall’emozione. “Conobbi Erminio ai tempi della scuola media, lui aveva qualche anno meno di me - racconta Alaimo -. La nostra amicizia si rafforzò frequentando nel tempo libero l’oratorio. Avevamo entrambi la passione per la montagna, trasmessaci da Teresio Valsesia, che era solito ricordarci che ‘In montagna si va con il passo delle montagne, non con quello degli uomini’. In quel periodo, grazie anche a Teresio, nacque in Erminio e nel sottoscritto un’altra passione: quella per il giornalismo. Con altri ragazzi fondammo così un settimanale, un settimanale ciclostilato: si chiamava ‘Dialoghi’. Lo distribuivamo la domenica per le strade di Cannobio. Ed era a pagamento”. I ricordi sono tanti: “In quegli anni Erminio, io e un nostro amico ci definivamo gli intellettuali del dissenso e avevamo una tradizione: più o meno ogni anno a Santo Stefano andavamo in treno a Venezia, per trascorrervi qualche giorno. Ci recavamo in un noto bar: io consumavo una spremuta d’arancia, Erminio un caffè. In fondo Erminio è rimasto un intellettuale del dissenso, con una capacità di scrittura e argomentativa notevole. Alla fine degli anni Ottanta lo convinsi ad abbandonare il lavoro di fiorista e a darsi al giornalismo. Lo convinsi così a venire a lavorare all’’Eco di Locarno’. Oggi - afferma Alaimo, autore nel 1985 con Ferrari e Daniele Grassi del libro ‘Luoghi non tanto comuni’ - nei numeri del ‘Caffè’ che chiudono l’anno concludo gli editoriali con una frase che non è mia, ma di Erminio: ‘Sempre uguali, ma un po’ diversi’ “.

Aldo Sofia: 'Lucido e mai banale'

“È la perdita molto dolorosa innanzitutto di una persona buona, di un’umiltà per nulla arrendevole, ma che non poteva non conquistare qualsiasi interlocutore, e che in qualche modo contrastava con le sue tante qualità», lo ricorda Aldo Sofia, editorialista de laRegione, già giornalista Rsi e direttore del Corso di giornalismo della Svizzera italiana. «Le qualità di un professionista scrupoloso, direi quasi certosino, tanto che nella pagina degli esteri di cui era responsabile non si limitava quasi mai a inserire notizie di agenzia, cosi come le riceveva: le completava, le arricchiva, cosa rara in altre testate. Sapeva, perché ne aveva la grande capacità e le conoscenze specifiche, come renderle ancor più comprensibili, togliendo loro una certa patina anonima. Si capiva che lo poteva fare pescando il necessario in quel prezioso scrigno che era la memoria di tanti anni di lavoro, delle innumerevoli notizie passate al setaccio nelle un po’ solitarie giornate redazionali, di tanti fatti capiti, approfonditi, commentati».

Entrando più nel personale: «Gli debbo molto, per i suoi consigli e i suoi incoraggiamenti.  Ho sempre pensato che fosse il migliore nello scrivere, la penna più efficace, lucida e mai banale, e avrei voluto dirglielo più spesso. Quando capitava (la domenica, il ‘nostro’ giorno) sentivo appunto tutta la sua genuina e divertita ritrosia. Del resto, non aveva mai accettato i diversi inviti in programma radio-televisivi, o come relatore ai corsi di giornalismo. Per capire di cosa parlo basta rileggere anche solo il suo ultimo commento dell’altro ieri, tosto e tagliente, una sorta di esemplare commiato, sulla prima pagina del giornale. Ma per conoscere Erminio, la sua sensibilità dietro l’espressione di perenne ragazzo apparentemente un po’ smarrito, e il rapporto intimo e speciale con i personaggi che animano il suo lago, le sue valli, la sua stalla, la sua montagna (lui respingerebbe l’idea di essere stato tradito da quella sua montagna) bisognava e bisogna gustare la delicatezza dei tanti racconti che ha pubblicato. Lui, incaricato di raccontare per il giornale le gesta spesso enigmatiche e insane dei grandi del pianeta, incantato dai senza storia di una quotidianità anonima, normale, gioiosa o affaticata”.

Bobo Antonini: ‘Addio Sergente Ermi’

«Fa un po’ strano parlare al passato di un carissimo amico», commenta Bobo Antonini, al quale serve un bel respiro profondo. «Erminio Ferrari – racconta il giornalista Rsi, spesso a dividersi con lui l’editoriale di questo giornale – è stato una splendida firma, colui che ha rialzato il livello del giornalismo nella Svizzera italiana. Chi lo ha conosciuto, sa che nella scrittura era una persona molto aperta sul mondo, capace di analisi brillanti e molto originali, cosa che contrastava col suo essere solitario, quasi eremita. L’ultima cosa che mi aveva inviato, la fotografia di un vitellino. Io lo prendevo sempre in giro, gli dicevo “È vent’anni che vai dalle tue caprette, che ti isoli dal mondo!”. Credo che l’isolamento fosse una sua forma di resistenza contro i social, che non ha mai amato, il bisogno di ritrovare un po’ se stesso, di ritrovarsi». E se qualcuno in redazione si conservava i suoi articoli – a metà newsroom c’è chi da tempo si è appeso l’intervista di Ermi a Bruno Segre – Antonini a volte ha preso appunti: «Singolare, mai scontato. Il guardare in se stesso probabilmente gli permetteva di capire le dinamiche di un mondo rumoroso che scorre così in fretta. La capacità di percepirne l’essenza è cosa rara e nei suoi commenti ci è spesso riuscito». Quasi citando Salvioni: «Erminio ai miei occhi è stato un eterno adolescente, non sono mai riuscito a pensare alla sua età anagrafica. Lo chiamavo Sergente Ermi – dall’attore Ronald Lee Ermey, il sergente Hartman di ‘Full Metal Jacket’ – perché fingevo mi desse ordini nel fare i pezzi. E invece era anche fin troppo generoso nei miei confronti». Antonini ricorderà Ferrari a ‘Laser’, ReteDue, domani alle 9 in una puntata consacrata al suo rapporto con la montagna.

Teresio Valsesia: ‘Originale, preparato, aperto’

«Erminio quand’era giovane veniva a casa mia, gli prestavo i libri di montagna, lo aiutavo a coltivare il suo interesse. Era importante aiutarlo. Un tema che lo affascinava e al quale si è poi dedicato anche da giornalista e compiendo imprese notevoli. Era infatti un ottimo alpinista e insieme abbiamo fatto talvolta delle uscite, all’inizio. Come spesso accade anche ai migliori alpinisti, è morto affrontando una montagna secondaria e che probabilmente conosceva bene». Teresio Valsesia, classe 1941, una vita dedicata alla cronaca, autore di una trentina di pubblicazioni e già vicepresidente del Club alpino italiano, anch’egli di casa a Cannobio come Erminio. Due generazioni ma due modi simili di osservare e descrivere le quote, anche interiori. Alla Val Grande, che si estende a nord del litorale piemontese del Verbano fra Intra e Cannobio, monti che sovente il nostro collega citava anche solo per raccontare, con aneddoti divertenti, che vi portava le vacche a estivare, Valsesia ha dedicato più libri sin dagli anni ’70, contribuendo poi all’istituzione del parco nazionale.

«Erminio – ricorda – era approdato all’Eco di Locarno mentre io stavo passando al Giornale del Popolo. Successivamente ha pubblicato diversi libri ed era secondo me uno dei migliori scrittori di montagna. Originale, autobiografico, preparato, aperto, approfondiva molto i temi cui s’interessava, fra i quali citerei quello della Resistenza. Molto riservato, non credo apprezzasse la retorica degli elogi». Parlando del luogo della tragedia, il Pizzo Marona, alto poco più di 2’000 metri, Valsesia lo descrive come «una montagna ‘ripida e ferrigna’, un po’ traditrice. Negli anni ’70 due giovani di Ghiffa vi avevano trovato la morte lasciando grande dolore nella regione. Per Erminio, così altruista facendo parte del Soccorso alpino, è la stessa cosa».


L'Ermi fotografo: Helgenhorn (2'873 metri, Val Bedretto, Val Formazza)

Dal fronte

‘Qui la pace muore’

Il mondo e l’Italia, narrata col graffio e l’amarezza insieme, portavano la firma di Erminio Ferrari. ‘La storia sopra Berlino’ per raccontare il Muro vent’anni dopo; ‘Una vita da Andreotti’, nel giorno della morte del ‘Divo’, dopo averne seguito assiduamente il processo; ‘Il caso (non) è chiuso’ a 25 anni dal rapimento e l’uccisione di Aldo Moro (‘La storia delle Brigate Rosse appartiene all’Italia. La verità no’). I titoli, di Ermi, erano una doppia firma. Detto di Venezia, della nascita della sedicente e secessionista Repubblica Padana (“Venuta al mondo avendo come madrina la menzogna e padrino il kitsch”), l’inviato Erminio Ferrari è soprattutto quello nell’ex-Jugoslavia.

‘Qui la pace muore’, titolava dall’entroterra dalmata, contrapponendo la costa dei “tepori adriatici e di bandiere croate” a un interno di “desolazione di case ridotte a brandelli”. È il febbraio del 1993 e il giornalista scrive da Zara a proposito della guerra serbocroata in Krajina, nel pieno degli scontri nell’enclave di Knin e nei giorni in cui a New York si sta cercando senza convinzione un accordo tra le parti. Proprio a Zara, Ferrari scatta istantanee il cui negativo è quello del ritratto e della testimonianza, che nella camera oscura della rotativa diventano nitide fotografie: “Quando finirà?”. «Quando? – sorride amaro un collega croato, che aggiunge – vedi quanto tricolore sventola sulle nostre case? La maledizione di questa guerra è che tutti combattono sotto la stessa bandiera: bianco-rosso-blu quella croata, bianco-rosso-blu quella serba». E anche a Zara come spesso accadeva, pressoché sempre, l’articolo diventava romanzo storico, oltre che cruda realtà, con la forza del racconto delle piccole cose e le facce degli eroi non da copertina: “Fuori, dove la vita sembra scorrere normalmente, c’è chi la guerra la trova comunque interessante, come un giovanissimo soldato croato incontrato alla stazione dei bus di Zara. Esibisce un bossolo di obice grande quasi quanto la sua persona: se anche domani venisse la pace, lui il trofeo di guerra se lo è già fatto”.

Nei giorni dei bombardamenti su Sarajevo, Ferrari scrive dal campo di Karlovac in territorio croato, ai confini con la Bosnia, a soli tre chilometri dalla guerra: “Da qui Sarajevo è lontana. Di mezzo c’è quel cuneo di Bosnia che arriva quasi a ridosso di Zagabria, infiammato e distrutto”. In quell’edizione de laRegione sfilano visi e volti dell’enclave musulmana – “Enclave, la parola che, insieme a pulizia etnica, la guerra jugoslava ha introdotto nei nostri vocabolari” –, Razak il muratore diventato soldato e scampato ai lager, l’anziano di Prjedor che a Erminio dice: “Vorrei tornare con te, giornalista, nel mio paese: ti indicherei ad uno ad uno i luoghi dove ho visto uccidere e straziare”. In mezzo al dolore, con la compostezza del suo ‘Porporì’, Ferrari trovava il modo di parlare di musica, degli “echi gitani di violino, fisarmonica, contrabbasso, chitarra” dell’orchestrina che un tempo accompagnava i matrimoni, nozze in cui ora “la ragazza crede di sposarsi soltanto con il suo amato e invece sposa una causa. È la guerra”. Così chiudeva Ferrari quel 4 maggio del 1993: “Solo chi arriva a Karlovac può ritenersi salvo. Dalla morte, non dall’incubo da cui è appena uscito”. B.D.

L’ultima 

Ogni granello di sabbia

di Stefano Guerra

C’è quella montagna: per te il Limidario, per me il Ghiridone. Casa tua (ci hai sempre vissuto sotto e... sopra), solo orizzonte mio (fin da bambino la vedo, oltre il Piano di Magadino, là in fondo, dove c’è il lago). Confine, contatto. C’è un libro, fra tanti: ‘La messa dell’uomo disarmato’, di Luisito Bianchi. Resistenza (che qui “si eleva da evento storico a Rivelazione”, scrivesti nel 2008 sulla ‘Regione’), gratuità. Il tuo mondo, un po’ anche mio (i racconti di guerra dei miei nonni, conterranei di don Luisito, con te condivisi). Testimonianza. La tua, discreta: sta anche in questi occhiali neri posati con cura sul tappetino del mouse, sulla tua scrivania, vicina alla mia. E io “Nella furia di un istante / riesco a scorgere la mano del Signore / In ogni foglia tremante / in ogni granello di sabbia” (‘Every grain of sand’ di Bob Dylan, cantata da Lizz Wright in un disco che stavo per regalarti).

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved