giorgio-merlani-difficolta-con-il-contact-tracing
Il medico cantonale (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
4 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
7 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
8 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
8 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
8 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
8 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
8 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
8 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
8 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
9 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
9 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
9 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
9 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
9 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
9 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
laR
 
07.10.2020 - 20:58
Aggiornamento : 22:33

Giorgio Merlani: 'Difficoltà con il contact tracing'

L'impennata dei casi in Ticino aumenta il carico di lavoro dell'Ufficio del medico cantonale. Intanto, domani potrebbe esserci un inasprimento delle misure.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Oggi sono stati registrati 39 nuovi casi di coronavirus in Ticino e 1’077 in Svizzera. Sono numeri che non si vedevano più da aprile. «Non si può ancora parlare di una tendenza, ma qualcosa si sta muovendo», afferma Giorgio Merlani: nel cantone i casi positivi sono più che raddoppiati in un giorno (ieri ne sono stati registrati 17), quindi è praticamente inevitabile che nei prossimi giorni (forse già domani) il Consiglio di Stato «deciderà di adottare misure più restrittive», sottolinea il medico cantonale a ‘laRegione’.

Oggi la Conferenza svizzera delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità ha invitato i Cantoni ad adottare misure più incisive per limitare la diffusione del coronavirus. Questo in particolare se il numero di infezioni supera la soglia di 60 contagi ogni 100'000 abitanti in quattordici giorni (che Berna applica per definire le zone a rischio). In Svizzera tale quota è di 74,1. E infatti i cantoni di Berna e Zugo oggi hanno deciso di introdurre l’obbligo di indossare la mascherina nei negozi. Questi cantoni si aggiungono quindi a Zurigo, Ginevra, Vaud, Basilea Città, Soletta, Neuchâtel, Friburgo, Giura e Vallese, dove questa misura è già in vigore. A Berna si è pure andati oltre: coprirsi il viso sarà obbligatorio in tutti gli spazi chiusi aperti al pubblico. Sempre oggi in Italia è stato deciso di introdurre l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto. Si arriverà a tanto anche in Ticino? «Negli ultimi mesi abbiamo avuto numeri di contagi più bassi rispetto al resto della Confederazione», afferma Merlani. Di conseguenza le misure adottate in Ticino erano meno restrittive, anche grazie al fatto che «la popolazione si è comportata bene. Chiaramente, vedendo i numeri che aumentano, è però logico che il Consiglio di Stato stia discutendo di un inasprimento e verosimilmente domani deciderà di adottare misure un po’ più restrittive di quelle attualmente in vigore. In particolare per quanto riguarda l’obbligo di indossare la mascherina». Ad allarmare il medico cantonale è anche il fatto che i casi risultati positivi «sono sparsi un po’ in tutto il cantone senza un legame epidemiologico tra di loro. Non si tratta dunque di un grande focolaio che sarebbe più facile da controllare e gestire, ma di casi singoli, gruppi di amici, giocatori di una squadra o familiari».

Alcuni mesi fa il Consiglio federale aveva affermato che il tracciamento dei contatti diventerebbe problematico nel caso in cui in Svizzera si superassero i 100 contagi giornalieri. Ora questa soglia viene costantemente superata da diverse settimane. E infatti il medico cantonale non nega che ciò genera difficoltà, in particolare per quanto riguarda «il carico di lavoro». Se quest’ultimo aumenta in modo importante vi è «il rischio che si diventi meno incisivi. In alcuni Cantoni le quarantene vengono praticamente limitate agli stretti contatti famigliari. E questo può diventare pericoloso». In ogni caso, attualmente l’Ufficio del medico cantonale è ancora in grado di gestire il contact tracing: «Non molliamo, anche perché è un elemento fondamentale per evitare che la diffusione vada avanti in modo incontrollato».

Le grandi manifestazioni preoccupano meno che le discoteche

Contact tracing che è più facile da garantire quando vengono adottati e messi in atto piani di protezione adeguati. Come ad esempio per quanta riguarda gli eventi sportivi con più di mille persone: «Mi preoccupano quasi meno 3’000 persone sedute al proprio posto con la mascherina ad una partita di hockey, piuttosto che una folla indistinta che balla in un locale», afferma Merlani. Ovviamente, il medico cantonale si riferisce alle discoteche: a causa di un solo caso positivo «abbiamo dovuto mettere in quarantena molte persone, perché il rischio di contagio è elevatissimo. Se invece dovesse esserci un caso positivo durante una partita di hockey metteremo in quarantena solo le persone che sono state a stretto contatto, magari senza mascherina».

In discoteca ci vanno in particolare i giovani che solitamente non presentano decorsi gravi. E infatti, intanto, sono ancora poche le persone ospedalizzate a causa del Covid-19 (oggi erano 4 e un paziente è stato dimesso). Per Merlani si tratta di «un dato positivo. Se però i casi dovessero continuare ad aumentare esponenzialmente, gli ospedali cominceranno di nuovo ad affollarsi. E questo mi preoccupa». Per quanto riguarda i giovani, il medico cantonale tiene a precisare che all’inizio della pandemia non venivano testati se presentavano sintomi lievi come tosse o mal di gola: «Si diceva semplicemente loro di rimanere a casa». Quindi «non si può dire che il virus circola maggiormente tra i giovani: semplicemente oggi vengono testate tutte le persone (dal bambino piccolo al bisnonno) che presentano sintomi». Il medico cantonale conferma tuttavia che «durante l’estate erano maggiormente i giovani che si scambiavano il virus». E anche all’inizio di questa settimana, le persone risultate positive «sono in gran parte giovani e giovanissimi. Vi sono però anche alcune persone anziane che fortunatamente per il momento non hanno ancora avuto decorsi gravi».

Ma l'impennata dei contagi è da imputare alla mancanza di attenzione da parte della popolazione? «Ovviamente siamo tutti un po’ stufi e con il numero basso di contagi delle ultime settimane, abbiamo probabilmente abbassato un po’ la guardia. D’altro canto, le misure le conosciamo (igiene delle mani, distanza e mascherina quando è necessario) e mettendole in atto in modo adeguato siamo riusciti a tenere sotto controllo la pandemia. Dobbiamo quindi tutti continuare a prestare la dovuta attenzione», conclude il medico cantonale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved