esercenti-chiedono-di-abolire-la-figura-di-gerente
Foto Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
8 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
8 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
9 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
9 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
9 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
10 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
10 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
10 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
11 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
11 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
12 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
07.10.2020 - 19:52
Aggiornamento: 22:35

Esercenti chiedono di abolire la figura di gerente

Petizione all'indirizzo del Gran Consiglio, che presto si dovrà pronunciare sulla revisione della legge settoriale. La patente? 'È costosa e poco utile'

Dare maggior fiducia agli esercenti abolendo "la costola e poco utile patente di gerente". A chiederlo è una petizione promossa da tre esercenti ticinesi – Gianluca Buvoli (Ponte Brolla), Gianni Morici (Bellinzona) e Alex Moscatelli (Lugano) – e rivolta ai colleghi. Petizione scattata dopo che a giugno laRegione aveva anticipato l'idea, portata dal leghista Andrea Censi all'interno della commissione parlamentare 'Costituzione e leggi', di abolire l'esame cantonale per l'ottenimento delle patenti, affidando al contempo ai comuni il compito di rilasciarle (o ritirarle). Una richiesta avanzata in virtù del fatto che il parlamento presto si chinerà sulla revisione della Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) proposta dal Consiglio di Stato un paio d'anni fa. L'idea di Censi non piace però al presidente di GastroSuisse Ticino Massimo Suter e al presidente di Hotelleriesuisse Ticino Lorenzo Pianezzi.

I tre ristoratori vanno invece oltre: via del tutto la figura del gerente, e relativa patente. Perché "essere esercente è sempre più complicato e garantire lo stipendio ai nostri dipendenti sempre più difficile: se da un lato la recessione economica e la minor disponibilità di spesa dei cittadini (a causa del coronavirus, ndr.) ha ridotto drasticamente le potenziali entrate, dall’altro lo Stato non aiuta di certo", si legge in un comunicato diffuso in serata.

Le ragioni della richiesta

"Il nostro settore è infatti fortemente penalizzato da leggi, regolamenti, regole e limitazioni varie che, a fronte di investimenti iniziali esorbitanti, generano costi importanti che pesano sulla gestione amministrativa corrente e limitano la possibilità di offrire un servizio al passo con i tempi e in linea con le esigenze della clientela. La Lear è forse il maggior ostacolo per la nostra categoria. Una legge severa che in nessun altro Cantone è così draconiana, e che rispetto ad altri settori limita in maniera eccessiva la libertà imprenditoriale, mettendo l’esercente ticinese in posizione di chiaro svantaggio rispetto alla concorrenza sia estera sia degli altri Cantoni (ciò che, per un Ticino che si vuole turistico, non è cosa di poco conto)". Per poter aprire un'esercizio pubblico, aggiungono, "è necessario seguire la scuola esercenti e sottoporsi all’esame cantonale. Questa procedura implica costi per almeno 10mila franchi oltre ad una perdita di guadagno pari a circa 3 mesi lavorativi". 

Situazione insostenibile, chiosano i tre promotori della petizione, che si vuole come un modo per far conoscere alla politica "le reali aspettative della categoria". Aspettative che, come detto, si riassumono fondamentalmente nell'eliminazione della figura del gerente, perché ormai superata: "Non è garanzia di qualità, favorisce i furbi e non gli onesti, penalizza i nostri esercenti, aumenta drasticamente i costi e non esiste nella maggior parte degli altri cantoni".

«Sostengo la petizione perché l'obbligatorietà della figura del gerente è superata. Dobbiamo quindi adeguarci a quello che avviene negli altri cantoni - dice alla 'Regione' Moscatelli, esercente luganese, titolare di più locali pubblici -. Da noi oggi nell'ottanta per cento dei casi le decisioni le prende il gestore, quasi sempre una società, e non il gerente. La Lear inoltre ha introdotto un sacco di burocrazia: bisogna prendersi un'ora al giorno per riempire formulari. Dato anche il periodo difficile a causa della pandemia, dobbiamo tornare a fare i ristoratori, occupandoci anzitutto della clientela e della qualità della nostra offerta». 
 

 

 

Leggi anche:

'Esercenti, niente più esami e le patenti dai Comuni'

Non piace a GastroTicino la proposta di una nuova Lear

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved