ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
3 min

Muralto: il futuro di via della Stazione si chiama ‘Urbania’

La Renzetti Properties Sa conferma punto per punto i dettagli del progetto per il fronte urbano del comparto che ospita il Grand Hotel
Bellinzonese
1 ora

Nuovo giallo a Bellinzona sulle orme della Banda dei Cedri

Sabato 3 dicembre nella sala del Consiglio comunale Gionata Bernasconi e Lietta Santinelli presenteranno il loro romanzo per ragazzi
Ticino
4 ore

Livelli, Speziali chiude la porta: ‘Il Decs ritiri il messaggio’

Il presidente del Plr sull‘ultima proposta di superamento dei corsi A e B alla scuola media: ’Deludente e inconsistente, da noi troppo ottimismo iniziale’
Locarnese
4 ore

Losone, una ‘rivoluzione’ da (non) buttare nel cestino

Tra novità già attuate e altre in arrivo, il Comune locarnese può considerarsi un precursore nella strategia di gestione dei rifiuti
Bellinzonese
4 ore

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Ridimensionato l’investimento di 12 milioni inizialmente previsto. Per realizzare la ‘Green Station’ la Sa chiede all’Aet di collaborare
Ticino
12 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
12 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
13 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
13 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
13 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
14 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
29.09.2020 - 19:35
Aggiornamento: 20:29

Terza età: il difficile equilibrio tra salute e dignità

Il Consiglio degli anziani torna sul tema del possibile conflitto tra misure di protezione e libertà, con uno studio e diversi dibattiti

terza-eta-il-difficile-equilibrio-tra-salute-e-dignita
(Ti-Press)

Davvero strano, distribuire come gadget un calendario che inizia da settembre. La scelta del Consiglio degli anziani del cantone Ticino – riunitosi oggi in assemblea – vuole essere emblematica: «Un simbolo di rinascita» dopo il famigerato ’letargo’, «dopo una chiusura che ci ha posto di fronte a un dilemma etico fondamentale». Ovvero, come spiega la presidente Maria Luisa Delcò: «A che punto la protezione mette a rischio la nostra dignità?» Per cercare una risposta, l’organizzazione-mantello che garantisce il dialogo tra over 65 e Cantone finanzierà uno studio sul tema ‘Anziani, dignità sociale e Covid-19’ e da metà ottobre organizzerà un ciclo di tavole rotonde (date e informazioni: info@consiglioanziani.ch)

De Rosa: ’Col senno di poi...’

Per Delcò si tratta di chiedersi: «Con le restrizioni introdotte per proteggerci, dove va invece a finire il benessere? La salute non è solo assenza di malattia, ma è benessere psicofisico, relazionale e sociale». È d’accordo anche Raffaele De Rosa, che durante l’incontro a Sant’Antonino si scusa per le restrizioni, anche se durante l’emergenza «era importante introdurre divieti. Proprio l’amore che si prova per le persone care può spingere, nella fretta e nelle difficoltà di una crisi così violenta, a prendere misure che col senno di poi magari si potevano calibrare un po’ meglio». Il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità ricorda ad esempio «il divieto di fare la spesa, poi corretto invitando a lasciare fasce orarie per l’accesso degli anziani», man mano che anche la conoscenza del virus aumentava. L’esperienza ha permesso anche di capire come l’età sia solo uno degli indicatori di vulnerabilità, specie nella misura in cui si associa a patologie più o meno croniche.

Il sondaggio

Lo studio sostenuto dal Consiglio sarà coordinato dalla Fondazione Sasso Corbaro e dal Centro competenze anziani della Supsi, e si rivolgerà ai partecipanti over 65 della ricerca Corona Immunitas. Tramite colloqui individuali si chiederà agli anziani di definire il loro concetto di dignità e di descrivere il loro vissuto alla luce del lockdown, per capire in che misura ciascuno privilegi la protezione oppure la libertà d’azione e movimento. A nome della fondazione che sostiene la ricerca nelle Medical Humanities, il professor Roberto Malacrida ha spiegato come l’analisi permetta di valutare la giusta proporzionalità tra i due estremi, «un equilibrio che coinvolge i medici, ma anche i politici». «Pienamente difendibile» secondo il medico quanto intrapreso nel momento dell’emergenza, ma senza dimenticare come si sia visto che «nelle case per anziani un lungo isolamento può avere conseguenze che toccano anche la loro prognosi».

A proposito di case anziani, Delcò saluta con favore le maggiori possibilità di visita e mobilità appena introdotte: «Attendevo molto gli allentamenti, ci hanno permesso di riavvicinarci ai nostri cari, di restituire gioia e vicinanza». Proprio il Consiglio ha sostenuto con quasi 60mila franchi le case sul territorio ticinese, sponsorizzando in particolare progetti e strutture per agevolare le visite almeno all’aria aperta. Sul tema dei focolai occorsi in alcuni istituti la presidente rimette agli esperti eventuali giudizi, ma stigmatizza le strumentalizzazioni: «È stato anzi emozionante che alla proposta del nostro aiuto una direttrice ci abbia subito ringraziato: finalmente qualcuno si ricordava di loro, dopo tante critiche». Anche per le case anziani, invece, rimane aperto il quesito su salute e dignità. «Occorre chiedersi: preferisco vivere tre mesi di meno, ma liberamente, oppure no? È un interrogativo etico difficile per l’intera società».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved