presidio-antirazzista-a-lugano
(archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
20 min

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
30 min

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
9 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
11 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
12 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
18 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
20 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
18.09.2020 - 18:42
Aggiornamento: 22:35

Presidio antirazzista a Lugano

Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno

"Revoche illegali di permessi di lavoro e di residenza, diniego di diritto all'accesso alle assicurazioni sociali, decisioni maturate nel totale disprezzo della giurisprudenza. La discriminazione fatta regola, lo stato di diritto calpestato". Queste alcune delle denunce portate in piazza dalle centinaia di persone che manifestarono contro le politiche del Dipartimento delle Istituzioni nell'ottobre del 2017, rispondendo all'appello di un comitato unitario che raggruppava numerose associazioni, sindacati e partiti, tra cui quelle che oggi firmano un nuovo appello. "Perché nulla è cambiato, perché la situazione è al contrario ulteriormente peggiorata" si legge in un comunicato del Presidio antirazzista convocato per lunedì 21 settembre a partire dalle 12 davanti al Palazzo dei Congressi di Lugano.

"Come dimostrato anche dalla trasmissione Falò il 3 settembre scorso, le politiche del DI, sostenute dal Governo cantonale, hanno sistematizzato una prassi tipica di uno stato di polizia, in totale spregio delle leggi, della giurisprudenza consolidata e di tutte le altre garanzie che ogni stato di diritto deve assicurare a tutti e tutte contro ogni abuso di potere".

"Le politiche del DI, attuate sulla base di una chiara scelta politica, hanno lo scopo di precarizzare sempre di più le lavoratrici e lavoratori, colpendo per primi gli stranieri, in modo da renderli più deboli e ricattabili. Un attacco ai diritti di tutte e tutti noi, perché attaccando una parte delle lavoratrici e dei lavoratori del cantone, si mettono in pericolo i diritti di tutte e tutti. Dividere la classe lavoratrice, alimentare una guerra tra poveri, per indebolire quell'unità necessaria alla difesa degli interessi collettivi: un disegno ben conosciuto e fin troppo chiaro, emerso in modo inconfutabile in tutta la sua squallida completezza nelle ultime settimane", si legge nella presa di posizione firmata da varie organizzazioni di sinistra: Forum Alternativo, Giovani Verdi, Giso, Movimento per il Socialismo, Partito Comunista, Partito Socialista, Partito Operaio e Popolare, syndicom, Unia, Uss, Verdi, Vpod.

"Per stessa ammissione del Consigliere di Stato Norman Gobbi infatti, l'applicazione del diritto è stato ed è ancora sottomesso a valutazione politica, a scelta di campo. Una vergognosa applicazione classista del diritto e un utilizzo sconsiderato e inaccettabile delle istituzioni, che devono essere sanzionati da chi queste istituzioni pretende rappresentare".

Per questo motivo le organizzazioni firmatarie di questo appello organizzeranno un picchetto antirazzista e per il ripristino della legalità in contemporanea alla riunione dell'ufficio Presidenziale del Gran Consiglio che deciderà dell'attivazione dell'alta sorveglianza sul consiglio di Stato. Il picchetto si svolgerà lunedì 21 settembre a partire dalle ore 12 davanti al palazzo dei Congressi di Lugano.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved