laRegione
violenza-sulle-donne-un-piano-per-una-presa-a-carico-completa
‘La figura della vittima è stigmatizzata dalla passività. Rivoluzionaria è la vittima che invece reagisce e s'organizza collettivamente' (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, ‘in Municipio ci sono troppe persone da ufficio’

Dopo 9 anni in Consiglio comunale, Carlo Coen (Plr) lascia la politica cittadina, non senza togliersi qualche sassolino dalle scarpe
Bellinzonese
4 ore

Commissioni di quartiere: Riviera e Bellinzona valutano

A nord in nessuno degli ex quattro Comuni si è sentita l'esigenza. Nella capitale in 9 casi su 13 la popolazione si è attivata istituendo le associazioni
Ticino
4 ore

Studenti bernesi per un anno liceali in Ticino

Per promuovere maggiormente l'italiano nel cantone svizzero tedesco
pandemia e lockdown
5 ore

Casi di rigore, così si aiuteranno le aziende colpite

Dopo le modifiche decise da Berna, il Dipartimento finanze ed economia illustra alla commissione parlamentare della Gestione le modalità di sostegno
Luganese
7 ore

Capriasca, il Ps giovedì presenta i candidati

Convocata l'assemblea in modalità online
Ticino
7 ore

Il Pc chiede un computer per ogni allievo delle Medie

La mozione di Ay e Ferrari spinge affinché venga combattuto il 'digital divide' acuito dalla recente pandemia
Luganese
7 ore

Videogiochi, a Lugano tre giorni di Global Game Jam

L'evento mondiale fa tappa nella città sul Ceresio in formato totalmente digitale
Luganese
7 ore

Lugano, travagliato l'esame del polo sportivo

Il Municipio dice no alla ricevibilità della mozione Plr, mentre le commissioni della Gestione e dell'Edilizia affrontano l'intricato messaggio
Ticino
7 ore

L'Udc: 'Le scuole sono pronte all'insegnamento ibrido?'

Con un'interrogazione si chiede al governo perché a fronte dei problemi della scuola in presenza e a distanza non sia implementato il secondo scenario
Ticino
7 ore

Agli sportelli del Dipartimento istituzioni solo su appuntamento

La decisione sarà in vigore da domani fino al 5 febbraio, e riguarda anche l'Ufficio dello stato civile
Luganese
7 ore

Massagno approva i Conti 2020 e accoglie 3 nuovi consiglieri

Luce verde dal Consiglio comunale al Preventivo e relativo moltiplicatore al 77%. Entrano in carica Maria D'Amelio, Karen Mangili ed Emilio Corti
Locarnese
8 ore

Locarno, spettacoli annullati al Teatro Paravento

La speranza è di poterli riproporre nel corso dell'anno
Ticino
8 ore

'Strade sicure subito', passi avanti a Berna

La Commissione trasporti del Nazionale dà il via libera all'iniziativa cantonale ticinese di Storni (Ps). Approderà in aula nella sessione di giugno
Mendrisiotto
8 ore

Morbio Inferiore apre gli sportelli su appuntamento

La misura è stata presa a tutela della salute di cittadini e dipendenti comunali. Il Comune sarà raggiungibile via telefono e posta
Locarnese
8 ore

L'annuario del Papio di Ascona si rifà il look

Pronta la più recente edizione del ‘Virtutis Palaestra’, con foto a colori e il racconto di un anno intero al collegio
Bellinzonese
8 ore

Comunali, ratifica delle liste online per il Plr Riviera

Il 29 gennaio la sezione si riunirà in assemblea sulla piattaforma Zoom. All'ordine del giorno la ratifica dei candidati per Municipio e Consiglio comunale
Bellinzonese
9 ore

A Bellinzona ora anche i negozi chiusi fanno ‘take away’

La Società dei commercianti lancia l'iniziativa 'Click & Collect': i clienti possono ritirare mercoledì e sabato la merce ordinata
Locarnese
9 ore

Ascona, ripresi i prestiti alla Biblioteca popolare

La sala lettura resterà chiusa fino a nuovo avviso. Di seguito gli orari di apertura delle sezioni adulti e ragazzi
Locarnese
9 ore

Minusio, assemblea Plr per ratificare le liste

Si terrà online giovedì 28 gennaio. Durante la serata verranno presentati i candidati al Municipio e al Consiglio comunale per le elezioni di aprile
Ticino
16.09.2020 - 15:230
Aggiornamento : 17.09.2020 - 16:37

Violenza sulle donne, un piano per ‘una presa a carico completa’

Il collettivo io l'8 ogni giorno propone un ciclo d'incontri sul fenomeno, al fine di elaborare una serie di misure adeguate per il sostegno alle vittime

Pressante è sicuramente l'aggettivo che meglio descrive la necessità di realizzare una rete che si occupi della presa a carico delle donne vittime di violenza maschile in maniera completa e capillare. Un insieme di servizi (chiaro e facile da riconoscere e a cui è pratico rivolgersi) che dia la possibilità di percorrere una strada che sostenga le vittime a 360 gradi, facilitando non solo le richieste di aiuto ma anche il cammino, spesso travagliato e complesso, di uscita dalla violenza.

Si tratta di far sì che una donna vittima di violenza non si senta sola e non debba affrontare il lungo percorso di risalita unicamente con le sue sole forze. Questa necessità è emersa durante le discussioni fatte all'interno degli incontri del collettivo femminista Io l'8 ogni giorno, in particolare nel delicato periodo del lockdown. Da quelle discussioni è emerso il bisogno di proporre un ciclo d'incontri per discutere e riflettere su un fenomeno che non è adeguatamente tematizzato all'interno delle istituzioni e per questo motivo orfano di risposte e aiuti idonei. Alcune idee a riguardo hanno già preso forma e le si vorrebbe formalizzare in proposte concrete da sottoporre alle autorità proponendo un Piano d'azione femminista contro la violenza sulle donne.

Affinché il Piano d'azione sia ben definito, il collettivo propone un ciclo d'incontri sulla violenza e le sue diverse forme (in calce, le informazioni relative al primo). Il proposito è elaborare una serie di misure concrete volte a combattere il fenomeno da sottoporre alle istituzioni.

‘Per un sostegno completo e umano’

Di ragioni e necessità d'innovare e potenziare il sostegno e l'accompagnamento per le donne vittime di violenza maschile ne abbiamo discusso con Alessia Di Dio, del collettivo Io l'8 ogni giorno, e Monica Bisogno, dell'Associazione Dialogos. Le due voci femminili si uniscono in una sola. «I casi di violenza sono tantissimi, pochi arrivano in polizia, rari sono quelli che arrivano sui banchi di tribunale». Purtroppo, affermano, la tendenza è nascondersi dietro una statistica fallace e ben poco indicativa, col peso dei casi sommersi sulle spalle.

Per poter accogliere le vittime di violenza e aiutarle a uscire dalla situazione pericolosa, a modo di vedere delle militanti, è essenziale ripensare e sviluppare le modalità di segnalazione e i servizi di sostegno: «Una forma di aiuto inadeguata e superficiale che vuole che sia la vittima a farsi carico del percorso, ad avere il coraggio di denunciare». E chiariscono: «Rivolgersi prima di tutto alla polizia non è sempre possibile. Bisogna tenere conto delle difficoltà che una donna può incontrare mettendosi in contatto con gli agenti, soprattutto vanno tenute ben presenti implicazioni e conseguenze che tale situazione complessa e dolorosa possa avere sulla vittima».

Un numero a tre cifre fra le proposte

Le proposte concrete finora formulate dal collettivo sono l'attivazione di un numero di telefono a tre cifre, gestito non dalla polizia ma da personale femminile formato. E ancora: una politica di sostegno attivo che accompagni le vittime nei vari passi da compiere. «C'è bisogno di una forte rete di ancoraggio, affinché le vittime non si sentano abbandonate, ma siano invece seguite e sostenute al di là dell'urgenza iniziale». Fra le idee proposte pure la possibilità di chiedere aiuto tramite sms, una modalità semplice e sicura in taluni casi; oppure che le farmacie possano essere luoghi dove chiedere aiuto, magari esprimendo il disagio attraverso una parola d'ordine (come in Spagna); così anche più luoghi sicuri e anche posti letto per uomini abusanti (sono due in tutto il Cantone). Inoltre, si propone la garanzia di un reddito d'emergenza per le vittime di violenza e che siano offerti loro servizi volti a facilitarle nelle pratiche amministrative.

Una costruzione collettiva

«La costruzione del Piano d'azione deve essere collettiva; si tratta di un processo essenziale e rompere il silenzio è un'azione che va fatta insieme, anche attraverso i momenti d'incontro e discussione, affinché ci sia il consolidamento di una coscienza collettiva femminista», spiegano. Perché «in fin dei conti ogni donna è purtroppo un'esperta in questo campo: tutte siamo confrontate con la violenza, in varia misura e in vario modo. Quindi, noi donne sappiamo di cosa abbiamo bisogno, non solo dai punti di vista giuridico e istituzionale, ma anche sociale e psicologico, soprattutto, umano». La partecipazione di Monica, fondatrice di un'associazione di auto-aiuto per le vittime di violenza sessuale è in questo senso molto significativa: «La figura della vittima è stigmatizzata dalla passività. Rivoluzionaria è la vittima che invece reagisce e s'organizza collettivamente».

Inevitabile l'interrogativo dell'assenza di uomini in questo processo. La risposta: «In questo primo incontro è importante per noi che le donne presenti siano tutte libere di esprimersi. Ritrovarsi tra sole donne è uno strumento per combattere la paura del giudizio e la vergogna». T tuttavia la necessità di un confronto con gli uomini è ben presente: «Siamo alle prime fasi del piano e vanno costruite dalle donne. Una volta definito, sarà certamente essenziale dialogare anche con gli uomini». Per contrastare la violenza sulle donne occorre, spiegano, lavorare su più fronti e «scardinare tutta una serie di modelli di comportamento. Purtroppo ancora oggi si percepiscono come normali certi comportamenti aggressivi o di prevaricazione e si tende spesso a imputare alla donna la colpa della violenza subita».

Due tavole rotonde con diverse ospiti

Il primo incontro del ciclo - "Violenza domestica. Così ci proteggiamo" - si terrà domenica 20 settembre (entrata dalle 13.45, inizio alle 14) al Liceo cantonale di Bellinzona. Aperto a tutte le donne, l'appuntamento prevede due tavole rotonde con diverse ospiti relatrici. La prima è dedicata alle Case delle donne: l'esperienza ticinese (di cui parlerà Kim Savoy della struttura luganese) verrà messa a confronto con quelle italiana e tedesca, rispettivamente con le ospiti Valentina Mangiò, del centro antiviolenza Lisa di Roma, e Monica Bonetti, psicologa e terapeuta in pensione con esperienze in Germania.

La seconda tavola rotonda, guarderà alla violenza domestica dalla prospettiva delle donne migranti, un punto di vista specifico, tema affrontato con Gabriela Giuria, attivista della Fondazione diritti umani, e Immacolata Iglio Rezzonico, avvocata specializzata in diritto della migrazione. A concludere l'incontro l'intervento di Monica Bisogno, dell'Associazione Dialogos, che introdurrà il tema dei gruppi di auto-aiuto per vittime di violenza sessuale, questione al centro del secondo incontro, in ottobre.

© Regiopress, All rights reserved