celiachia-oltre-tremila-firme-per-sensibilizzare
Il momento della consegna delle firme. Da sinistra: Tiziano Veronelli, Moreno Gualtieri, Valentina LÜthi e Luca Venturi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
1 ora

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
2 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
3 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
3 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
4 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
4 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
4 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
02.09.2020 - 16:38
Aggiornamento: 17:13

Celiachia, oltre tremila firme per sensibilizzare

Sono state consegnate ieri presso la Cancelleria dello Stato per chiedere una formazione obbligatoria per chi propone alimenti senza glutine

La celiachia si presenta come una reazione autoimmune tra la mucosa intestinale e il glutine, che è una proteina contenuta in tre cereali di base: il frumento, l’orzo e la segale. Tutti i derivati di questi cereali e la possibile contaminazione anche con piccole tracce di essi durante il trasporto, la modificazione e l'elaborazione degli alimenti, possono avviare la reazione autoimmune.
Nei celiaci il glutine provoca una eliminazione dei villi della mucosa intestinale con infiammazione cronica concomitante, che determina un grave malassorbimento e di conseguenza una malnutrizione. Quando la celiachia è diagnosticata occorre adottare l’unica terapia possibile, che consiste nell’eliminare dalla dieta qualsiasi cibo contenente glutine. Recenti studi hanno evidenziato che in Svizzera, come nel resto dell’Europa, la celiachia colpisce mediamente una persona ogni 100 abitanti, di cui una grossa percentuale purtroppo non diagnosticata.

Fra i compiti del Gruppo Celiachia della Svizzera italiana vi è quello, molto importante, di favorire l’alimentazione fuori casa dei celiaci. In effetti, se a casa propria si può seguire tranquillamente la dieta senza glutine, quando si tratta di consumare un pasto fuori dalle proprie mura domestiche subentrano difficoltà di vario tipo. Infatti, nonostante vi sia l’obbligo per legge di conoscere e saper comunicare su richiesta gli ingredienti del cibo proposto, la maggior parte degli addetti alla ristorazione ignora questa prassi.

Tutte queste importanti conoscenze, il Gruppo Celiachia della Svizzera italiana le mette da anni volentieri a disposizione di ogni persona addetta a qualsiasi tipo di ristorazione, tramite un corso presso ogni singola struttura. Il fatto però che questo corso non sia obbligatorio per chiunque decida di proporre cibi senza glutine, fa sì che veramente in pochi decidano di seguirlo, anche se contattati e sollecitati spesso.

"Abbiamo quindi da una parte un’ordinanza che obbliga artigiani, imprese alimentari e addetti alla ristorazione a saper segnalare gli allergeni nelle preparazioni offerte sfuse, e dall’altra troviamo ristoranti cui è data la possibilità d’improvvisare, senza un’adeguata preparazione. I risultati delle analisi effettuate dal Laboratorio Cantonale, mostrano infatti con evidenza gravi lacune nel settore", si legge in un documento che ha accompagnato le 3'005 firme della petizione consegnata ieri 1° settembre presso la Cancelleria cantonale a Bellinzona.

Per queste e altre ragioni, la nostra associazione chiede che chiunque desideri proporre cibi sfusi senza glutine, sia obbligato per legge a frequentare un corso specifico o ad avere un cuoco in dietetica in cucina.

"Riteniamo infatti fondamentali le conoscenze sulla celiachia e le informazioni sull’accoglienza del cliente celiaco, per poter poi tradurre in pratica la preparazione di pasti senza glutine o almeno sapere con certezza cosa poter offrire dalla propria carta menu", si conclude.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved