ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 ore

Orti familiari comunali a Lugano, ‘tutti devono concorrere’

Il bando scade il 14 ottobre. La municipale Cristina Zanini Barzaghi: ‘Gli anziani i più interessati, già passati attraverso altre crisi economiche’
GALLERY
Mendrisiotto
8 ore

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
10 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
10 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
10 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
10 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
11 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
11 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
12 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
17.08.2020 - 10:49
Aggiornamento: 12:57

Un seghetto riporta a processo un membro della 'ndrangheta

Condannato nel 2018, il 63enne è comparso questa mattina al Tribunale penale federale di Bellinzona, che dovrà pronunciarsi sulla prima pena. Sentenza il 31.

un-seghetto-riporta-a-processo-un-membro-della-ndrangheta
Ti-Press

Un italiano condannato nel 2018 a 3 anni e 8 mesi di carcere per partecipazione alla 'ndrangheta è ricomparso questa mattina davanti al Tribunale penale federale (Tpf), con sede a Bellinzona. La Corte penale è chiamata a pronunciarsi solo su un punto alquanto secondario - la ridefinizione giuridica di una sega che i giudici di primo grado avevano considerato un'arma - rivedendo se del caso l'entità della pena irrogata due anni fa. 

Con sentenza dell'8 gennaio di quest'anno il Tribunale federale (Tf) ha infatti accolto solo parzialmente il ricorso dell'imputato, confermando in larga parte le decisioni dell'istanza inferiore, in particolare l'accusa principale di partecipazione e sostegno a un'organizzazione criminale.

II giudici della Corte suprema hanno però ritenuto che il seghetto non poteva essere qualificata come arma e che non è determinate il fatto che l'oggetto, descritto come "un filo metallico dotato di due anelli alle sue estremità", possa essere usato per ferire.

Davanti al Tpf di Bellinzona l'imputato - un calabrese di 63 anni domiciliato nel Seeland bernese - aveva spiegato che era un attrezzo acquistato nel rispetto della legge su un sito specializzato in articoli da campeggio, e non si trattava di un oggetto concepito per far del male, come affermato dall'accusa che lo aveva sequestrato in base alle legge sulle armi.

L'imputato, un padre e nonno calabrese, era stato giudicato colpevole di aver partecipato, dal 2003 al 2011, alle attività delle sezioni locali della 'Ndrangheta di Giussano e Seregno, in Lombardia, dove era conosciuto come "Cosimo lo Svizzero". Stando al Tpf, l'uomo ha in particolare acquistato armi in Svizzera e le ha trasportate di persona in Italia. Non è invece stata provata la sua partecipazione a sanguinose azioni della mafia calabrese a Torino, risalenti agli anni 2003 e 2004. Al suo domicilio, al momento dell'avvio delle indagini nell'agosto del 2015, erano state ritrovate numerose armi, che sono state sequestrate. Fra cui il seghetto.

L'accusa: pena da confermare. La difesa: va prosciolto 

Stamattina il procuratore federale Sergio Mastroianni ha chiesto alla Corte la conferma della pena inflitta al 63enne nel 2018, ovvero 3 anni e 8  mesi, sottolineando fra l'altro la «gravità» dei reati per i quali l'uomo è stato condannato a suo tempo. Ergo: «Una riduzione della pena non si giustifica». Secondo invece l'avvocato Costantino Testa, difensore d'ufficio dell'imputato (presente in aula anche quello di fiducia, l'avvocato Nadir Gugliemoni), quello pronunciato in gennaio da Mon Repos sarebbe un verdetto cassatorio con rinvio. Insomma, a detta del legale, la sentenza del Tribunale penale federale sarebbe stata completamente annullata. «Tant'è che su nostre diverse censure il Tf non si è pronunciato rinviando l'incarto al Tpf», ha sostenuto Testa, chiedendo quindi il proscioglimento da quasi tutti i capi d'imputazione per i quali il proprio assistito era stato condannato nel 2018. Tra cui quello principale: partecipazione e sostegno a un'organizzazione criminale. In relazione alla detenzione di armi, che «non sono mai finite alla 'ndrangheta'», ha proposto una pena pecuniaria, da sospendere tuttavia condizionalmente. La sentenza, ha indicato il presidente della Corte Roy Garré, verrà pronunciata il 31 di agosto. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved