telelavoro-al-via-per-l-amministrazione-cantonale
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
3 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
5 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
6 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
12 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
14 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
20 ore

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
21 ore

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
21 ore

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
1 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
1 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
1 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
1 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
1 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
1 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
Luganese
1 gior

Muzzano, prima tappa di Miss Tap Model

Sabato 20 agosto avrà luogo la manifestazione al Ristorante Tcs Vedeggio. Durante la serata ci sarà musica e intrattenimento
Ticino
1 gior

A Ferragosto il sole brucia, il radar pure

Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
08.07.2020 - 19:51
Aggiornamento: 20:25

Telelavoro al via per l'Amministrazione cantonale

Fino a un massimo di due giorni a settimana. Vitta: 'Importante l'esperienza della pandemia'. Ma Natalia Ferrara: 'Serviva più coraggio'

Due giorni di telelavoro a settimana per chi ha un grado di occupazione dall’80 al 100 per cento, un giorno per chi lavora tra il 50 e il 79 per cento. A tanto ammonta la durata del lavoro da casa di cui potranno godere i dipendenti dell’Amministrazione cantonale a partire dal 7 agosto. Lo mette nero su bianco il Consiglio di Stato, stilando un regolamento apposito a seguito del progetto pilota avviato nell’ottobre del 2018 e sperimentato su circa sessanta collaboratori per un anno. “Il telelavoro permette una riduzione dei tempi di trasferta e dei costi di trasporto con un impatto sul carico ambientale e il traffico stradale”, scrive il governo in una nota. Aggiungendo che “migliora la conciliabilità lavoro-famiglia e aumenta la motivazione dei collaboratori generata dall’accresciuta responsabilizzazione individuale conferita dal datore di lavoro”. 

Christian Vitta: 'Uno strumento interessante in ottica futura'

«Nella fase sperimentale si è trattato più che altro di capire se il sistema funzionasse e se fosse apprezzato, ma è stata superata dall’emergenza Covid che ci ha fatto mettere in telelavoro oltre 3’000 dipendenti» commenta da noi raggiunto il direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta. Una 'doppia esperienza' che «ci ha permesso di adottare questa forma anche al di là delle emergenze, in modo più strutturato. Chiaramente ci siamo riservati la possibilità di intervenire con misure straordinarie, tramite Risoluzione governativa, nel caso dovessero ripresentarsi altre emergenze». Un passo avanti per i dipendenti dell’Amministrazione cantonale, quindi. Ma per Vitta «le condizioni possono essere migliorate solo se visto come strumento complementare e funzionale all’attività professionale, se i criteri e i risultati sono presenti e misurabili il tutto può diventare uno strumento interessante nell'ottica dei cambiamenti della società».

Natalia Ferrara: 'Ci voleva più coraggio, poca spinta verso la conciliabilità'

«Non è questa la risposta che mi aspettavo dal Consiglio di Stato». Se non è una bocciatura poco ci manca da parte della liberale radicale Natalia Ferrara che, assieme al collega di partito Nicola Pini, nel 2016 aveva inoltrato la mozione cui, quattro anni dopo, ha fatto seguito questo regolamento. Che non la convince. «Bene che ci sia una proposta, finalmente, e che sia mista, ossia con lavoro in presenza e da remoto, peccato che con gli aspetti positivi ci fermiamo qui», spiega alla 'Regione' la deputata attiva nella Federazione delle associazioni femminili Ticino (FaftPlus) e particolarmente attenta sia al tema di genere sia a quello del lavoro. «Purtroppo questo regolamento è concepito come se si lavorasse in ufficio, però, a casa. Una nuova forma, sì, ma un superato modo di lavorare. Cambiare la scrivania non favorisce in sé una maggiore autonomia e, dunque, neanche la conciliabilità con la vita privata», aggiunge. Secondo Ferrara il telelavoro così regolamentato «non rappresenta lo strumento utile che in alcune realtà fa già la differenza da diversi anni. Non solo viene presentato come fosse un’eccezione ma deve anche rispondere a numerosi requisiti, un percorso a ostacoli, tanto più che chi svolge mansioni che richiedono la presenza fisica (istruzione, ordine pubblico, e via di seguito), non può lavorare a casa, ovviamente». In fondo, sostiene Ferrara, «bastava escludere chi necessariamente dev’essere presente, e chi, ad esempio, lavora con l’utenza allo sportello; per il resto, stabilire che di principio si può lavorare anche a casa, e non il contrario. Leggendo il regolamento si nota come il lavoro a casa funzionerà esattamente come in sede: stessi orari di servizio, stesse ore di lavoro. Mi chiedo quindi come il governo intenda perseguire gli obiettivi di flessibilità, autonomia e, appunto, conciliabilità» rincara Ferrara. Il discorso è chiaro: «Se il tema è la prestazione intellettuale l’importante è che si rispettino standard di qualità e termini di consegna, normalmente a casa non si stabilisce un orario che coincide con quello dell’ufficio. Piuttosto, con il superiore si concordano fasce orarie dove non si è raggiungibili o, al contrario, dove si garantisce la propria disponibilità. Uno dei requisiti dev’essere la possibilità di organizzarsi in autonomia. Il lavoro a casa permette di concentrarsi maggiormente – non venendo interrotti continuamente, ma anche di sbrigare pratiche private senza usufruire di permessi e congedi», aggiunge Ferrara.

Un altro punto critico per Ferrara «è che proprio lo Stato, quale datore di lavoro non intenda partecipare nemmeno parzialmente ai costi, come se questa nuova forma di impiego non rappresentasse un valore aggiunto. Peggio: sembra quasi che la postazione a casa sostituisca quella in ufficio, quando il concetto è quello di rotazione del personale. Il lavoro a casa integra e non sostituisce quello in ufficio, con gli altri, fatto anche di scambio».

Insomma, per Natalia Ferrara «è mancato un po’ di coraggio. Se ci fosse stato un Ufficio della parità il risultato sarebbe stato indubbiamente diverso», annota la deputata. «L’assenza di visione ha influito su questo regolamento, che non risponde alle esigenze di conciliabilità di una società moderna, che ha superato gli stereotipi di genere e liberato energie in favore di un maggiore equilibrio tra vita professionale e vita privata». Infine, ricorda che «addirittura in occasione dell’ultimo Comitato cantonale del Plr per la prima volta si è affrontato il tema della conciliabilità. Ora si tratta di andare avanti, servono nuovi sguardi e intenti: conta di più la presenza in ufficio o la prestazione? Le ore o le idee? Le regole rigide o i comportamenti responsabili nella realtà?».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved