non-piace-a-gastroticino-la-proposta-di-una-nuova-lear
La Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione al vaglio del Gran Consiglio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Al Centro diurno di Chiasso si fa prevenzione

In programma per venerdì misurazione di pressione e glicemia. L’appuntamento è in via Franscini
Bellinzonese
1 ora

Gite di natura sociale e culturale per i pensionati statali

Le attività rivolte ai 3’300 associati vanno dai viaggi in località particolari, alle visite guidate nei musei, passando anche dal gioco delle bocce
Luganese
1 ora

‘Ti aiuto a fare la modella’, ma è una truffa: condannato

Un 43enne del Luganese si è intascato circa 375’000 franchi creando domini internet che promettevano collaborazioni con grandi marchi della moda
Luganese
1 ora

Capriasca capitale della mountain bike giovanile in agosto

In programma ci sono i Campionati europei. L’evento di livello internazionale è in fase di preparazione
Locarnese
2 ore

Locarno, Comparto ex Macello: sì del Cantone alla variante

Il Dipartimento del territorio, fatte alcune considerazioni, giudica positivamente la visione futura dell’area, che avrà anche carattere sociale
Locarnese
2 ore

Rusca e Campagna, al via un’analisi del tessuto urbano

Pini: “Verso un Programma d’azione comunale, che servirà per definire lo sviluppo della Città e dei suoi quartieri”
Bellinzonese
2 ore

Verso più zone a 30 km/h a Moleno, Gorduno e Pianezzo 

I progetti sono in pubblicazione fino al 18 giugno al Dicastero territorio e mobilità a Sementina
Bellinzonese
2 ore

La Croce Verde Bellinzona si riunisce in assemblea

Appuntamento per martedì 7 giugno alle 18 nella sede di via Rodari 6. Verranno, fra l’altro, esaminati i conti d’esercizio 2021 e il preventivo 2022
Ticino
3 ore

In Ticino nessun morto di Covid da quasi una settimana

L’ultimo decesso segnalato risale a martedi 17 maggio. Calano ancora i pazienti Covid e i contagi
Mendrisiotto
5 ore

I Comuni serrano i ranghi contro la corsia per i Tir sull’A2

Coldrerio convoca i vicini per definire una strategia congiunta. Lurati, Crtm: ‘Adesso serve un’azione di protesta’
Ticino
8 ore

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
8 ore

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
17 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
20 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
20 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
20 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
19.06.2020 - 19:18

Non piace a GastroTicino la proposta di una nuova Lear

Suter sulla proposta di Censi: una liberalizzazione eccessiva potrebbe innescare problemi anche sociali. Pianezzi (Hotelleriesuisse): formazione fondamentale

«La qualità si ottiene con la formazione». Non piace affatto a Massimo Suter, presidente di GastroTicino, la proposta di una nuova Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) che prevede meno paletti per poter aprire un bar o un ristorante. La bozza di normativa – elaborata dal deputato leghista Andrea Censi, che l'ha distribuita di recente ai colleghi della commissione granconsigliare 'Costituzione e leggi' (il testo non è stato ancora discusso) – prevede infatti di abolire l'esame per l'ottenimento del diploma cantonale di esercente e di attribuire ai Comuni (e non più al Cantone) la competenza di rilasciare, o di ritirare, la patente per gestire un esercizio pubblico. Secondo Suter, con una liberalizzazione del settore il numero di bar e ristoranti aumenterebbe eccessivamente, con il rischio di generare anche ulteriori «problematiche sociali», afferma da noi contattato.

Il presidente di GastroTicino sottolinea poi che la revisione della Lear, attualmente al vaglio del Gran Consiglio, va già nella direzione auspicata da chi vuole una nuova legge meno burocratica: l'intenzione della revisione è quella di apportare correttivi «dove è necessario. E questo è stato fatto, coinvolgendo la politica le autorità e le associazioni di categoria. Abbiamo così trovato un giusto compromesso che va a liberalizzare per certi versi il settore pur mantenendo alcuni paletti». Da un lato sono previsti «determinati allentamenti di obblighi e quindi una maggiore libertà di azione per i gerenti». Dall'altro si vuole evitare che si possa «aprire un bar o un ristorante in ogni angolo del territorio», con conseguenti problematiche legate ad esempio «al disturbo della quiete pubblica, alle dipendenze o alla disoccupazione».

Già, perché una liberalizzazione del settore potrebbe spingere alcune persone a osare e aprire, ad esempio, un bar indebitandosi. Se poi l'attività fallisce, il rischio è di «finire in assistenza» e quindi a carico dello Stato. E ciò proprio a causa del fatto che «non vi è stata alcuna formazione. Anche oggi ci sono esercizi pubblici che falliscono, ma con il sistema attuale si cerca di ridurre al minimo questo rischio». Insomma, «il settore della ristorazione necessita di regole ben chiare e soprattutto di formazione», ribadisce Suter. Formazione che è alla base di moltissime professioni: «Non capisco perché in questo caso un cittadino qualsiasi possa decidere di diventare un esercente», senza un'adeguata preparazione. «Posso comprendere che ci siano persone che si chiedono perché è necessario fare un corso per aprire un bar o un ristorante. Tuttavia, non bisogna dimenticare che si tratta di una realtà economica che dà soddisfazioni, ma richiede capacità che vanno apprese».

A formare i futuri esercenti è proprio GastroTicino, mentre la valutazione finale spetta al Cantone. Se questa istruzione venisse a cadere, cosa significherebbe per l'associazione? «È chiaro che qualsiasi formatore guadagna, ma noi non lucriamo sulla formazione. Inoltre, se non potremo più offrire i nostri corsi, vorrà dire che dovremo lasciare a casa i nostri istruttori».

Censi si è ispirato alla legge esistente nel Canton Grigioni che, stando al leghista, regolamenta egregiamente il settore. Il presidente di GastroTicino fa da parte sua notare che «ci sono realtà cantonali che hanno liberalizzato il settore e che adesso stanno tornando sui loro passi. E questo perché non vi era più alcun tipo di controllo in ambito di personale, di igiene, di formazione e così via. È vero che alcuni Cantoni non sono così ‘restrittivi’ come il Ticino, ma mettono comunque dei paletti per l’ottenimento dell’autorizzazione per poter esercitare un’attività economica».

Censi ha anche affermato al nostro giornale di aver raccolto un ampio consenso da parte degli esercenti sulla sua proposta di una nuova Lear. Da parte sua Suter non esclude «che ci siano esercenti non soddisfatti della situazione attuale. Tuttavia, già oggi in Ticino si contesta il fatto che ci sia una concentrazione troppo elevata di esercizi pubblici. E con una liberalizzazione essa aumenterà ancora di più. Inoltre, staremo a vedere quanti riusciranno a sopravvivere».

Pone l'accento sulla formazione anche il presidente della sezione ticinese di Hotelleriesuisse Lorenzo Pianezzi: «Ritengo che la scuola di esercente sia utile dato che ti permette di conoscere a fondo l'ambito professionale. Chi la frequenta deve studiare fra l'altro non solo le regole, anche igieniche, per una tenuta corretta del ristorante e quindi della cucina, ma anche il contratto collettivo nazionale di lavoro e i relativi regolamenti, nonché il sistema pensionistico svizzero. Non dimentichiamoci infatti che nella ristorazione sono attive spesso persone straniere che vengono qui a lavorare: apprendere anche le normative vigenti nel settore è fondamentale». Pianezzi considera quindi «un peccato l'eventuale abolizione del diploma cantonale di esercente, proprio per l'utilità di tutto ciò che viene insegnato durante il percorso di formazione per ottenere quel diploma». E l'insegnamento, evidenzia il presidente di Hotelleriesuisse Ticino, «è estremamente valido». Secondo Pianezzi, il rischio, qualora passasse la proposta di Censi, «è di far aprire ristoranti a persone che potrebbero non avere un'idea delle spese che la gestione dell'esercizio comporta. E la scuola ti spiega pure i costi che devi affrontare. Insomma, perderemmo un momento formativo importante per un settore che ha bisogno di qualità».

 

Leggi anche:

'Esercenti, niente più esami e le patenti dai Comuni'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved