ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
20 min

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
21 min

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
2 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
2 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
3 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
3 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
3 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
5 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
5 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
17.06.2020 - 16:30
Aggiornamento: 19:17

'In caso di seconda ondata non più un lockdown generalizzato'

Il governo conferma la fine dello stato di necessità al 30 giugno. Merlani avverte: 'Attenzione alle vacanze all'estero'

in-caso-di-seconda-ondata-non-piu-un-lockdown-generalizzato
Gobbi e Cocchi dall'aula del Gran Consiglio (Ti-Press)

Dopo i due contagi di coronavirus confermati in Ticino nelle ultime 24 ore, Il presidente del governo Norman Gobbi, il medico cantonale Giorgio Merlani e Matteo Cocchi, capo dello Stato maggiore cantonale di condotta (Smcc) tengono un momento informativo per aggiornare la popolazione in merito all'evoluzione della situazione legata al Covid-19.  

«Il 30 giugno in Ticino decade lo stato di necessità – afferma Norman Gobbi in apertura della conferenza stampa –. Vivremo quindi un lento ritorno alla normalità». Finito lo stato di necessità, spiega il presidente del governo, verrà attivata una normale procedura con una cellula che terrà sotto osservazione la situazione sanitaria. «La revoca dello stato di necessità non significa che il tutto è passato – aggiunge Gobbi –. La presenza del virus richiede ancora il rispetto delle misure d'igiene e di distanza sociale. Dovremo quindi seguire l’evoluzione della pandemia su più fronti: cantonale, nazionale e internazionale».

Il Consiglio di Sato conferma quindi la fine dello stato di necessità, il quale giungerà a scadenza una decina di giorni più tardi rispetto alla data del 19 giugno stabilita dal Consiglio federale per il passaggio dalla situazione 'straordinaria’ a quella 'normale'. In Ticino, osserva Gobbi, «abbiamo bisogno di qualche giorno in più per tutelare tutta una serie di misure: in primis mantenere attivo il supporto della Protezione civile, così come conservare diverse costruzioni che abbiamo allestito velocemente senza una licenza edilizia».

Nell'eventualità di una seconda ondata, annota il presidente del governo, probabilmente «non ci sarà più un lockdown generalizzato, ma misure puntuali e regionali riguardanti le zone oppure i settori più a rischio».

Lo Stato maggiore andrà in 'letargo'

Con la fine dello stato di necessità «lo Stato maggiore andrà in prontezza – afferma il Commandante Cocchi –: cessa le sue attività ma potrà essere riattivato qualora fosse necessario». Una conclusione dell'operato dello Smcc che implica tra l'altro «la ripresa delle proprie responsabilità da parte dell'Ufficio del medico cantonale».

Merlani: 'Bilancio ok, ma non è finita'

«Che la gente non ci fraintenda: facciamo un bilancio di quanto accaduto in questi mesi, ma la pandemia non è finita», osserva  Giorgio Merlani. Il medico cantonale invita la popolazione alla prudenza, soprattutto in caso di vacanze fuori dalla Svizzera. «In Ticino la situazione delle ultime settimane è molto positiva ma il virus c'è ancora, in particolare all'estero».

Contact tracing: 9 persone in isolamento, 14 in quarantena

Il medico cantonale fornisce alcune cifre relative alle indicazioni sanitarie date dalle autorità grazie al contact tracing: attualmente ci sono 9 persone in isolamento e altre 14 poste in quarantena. Al momento la media dei contatti 'a rischio' per ogni persona contagiata è di due. Mentre Cocchi comunica i dati aggiornati del traffico transfrontaliere: si contano 156mila passaggi al giorno al confine, un 50% in più rispetto alla settimana scorsa. 

 

Leggi anche:

Covid-19: due contagi e nessun decesso in Ticino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved