S.Gallo
Lucerna
14:15
 
Vaduz
Xamax
14:15
 
laureati-ticinesi-tasso-d-impiego-in-linea-con-la-svizzera
(dati Ustat)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Campione, accordo (provvisorio) sullo smaltimento dei rifiuti

Fino al 31 dicembre i rifiuti solidi urbani e quelli speciali dell'enclave saranno smaltiti rispettivamente da termovalorizzatore di Giubiasco e Ochsner
Luganese
2 ore

Lugano, verso l'estensione delle zone 30 in centro

Il Municipio ha dato mandato a uno studio d'ingegneria esterno per analizzare l'ipotesi e il tema stato discusso dalla Commissione della mobilità
Mendrisiotto
2 ore

Castel San Pietro, la sagra della zucca non ci sarà

Il comitato ha deciso di annullare l'edizione di ottobre perché la situazione sanitaria non è ancora stabile
Ticino
1 gior

Lunghe colonne verso sud, disagi a Brogeda e al San Gottardo

Nel corso della mattinata il serpentone di auto ha più volte superato lo svincolo di Mendrisio
Ticino
1 gior

Pioggia senza fine, acque sott’occhio

Della Bruna: ancora precipitazioni ma meno intense di quelle degli scorsi giorni
Luganese
1 gior

Assemblea Flp, si valuta l’istanza in Pretura

L'ipotesi civile è sul tavolo dopo l'ultima movimentata assemblea di giugno, sfociata nelle dimissioni a sorpresa del presidente del Cda Stefano Soldati
Locarnese
1 gior

Verzasca, un uovo di Colombo a forma di bus (elettrico)

Dopo la fase test torna a ottobre per due anni, come progetto pilota nazionale, il Verzasca Express: servizio capillare “on demand” a impatto zero
Bellinzonese
1 gior

Funghi velenosi, attenzione agli ‘esperti’ online

Il problema delle 'consulenze' su Facebook. Il presidente della Vapko avverte: 'Attenzione, pratica molto pericolosa, il fungo dev'essere visto dal vivo'
Luganese
1 gior

Violenza domestica, a Lugano 394 interventi nel 2020

Il Municipio intende continuare a monitorare il fenomeno. Negli ultimi due anni nessun caso segnalato di discriminazione razziale o religiosa
Luganese
1 gior

Lugano, annunciati fischi a Valenzano per il Primo agosto

Il collettivo ‘T'aspetto fuori’ organizza ‘Cifola l'Aida’, gara di fischi in segno di protesta contro la capodicastero Sicurezza che terrà l'allocuzione
Ticino
1 gior

'Meglio persuadere che obbligare: vaccinarsi serve!'

L'appello dei cinque deputati del Plr membri della commissione parlamentare 'Sanità e sicurezza sociale'
Ticino
1 gior

Il ‘no’ all’accordo quadro: quali conseguenze per i consumatori?

L’editoriale della rivista ‘La borsa della spesa’ di agosto parlerà di una possibile maggiore pressione sui prezzi in Svizzera
Mendrisiotto
1 gior

Acqua a Breggia, ‘Vi chiediamo ancora un po' di pazienza’

I danni alle infrastrutture dell'Azienda acqua potabile sono stati importanti. L'acqua continua a non essere potabile
Ticino
1 gior

Ecco i radar della prossima settimana

La prima settimana di agosto vedrà il Mendrisiotto "risparmiato" dai controlli elettronici della velocità
Ticino
1 gior

Nel weekend ci risiamo con la pioggia. Ma sarà più breve

Meteosvizzera preannuncia abbondanti precipitazioni, oltre 50-70mm, fra sabato sera e domenica mattina con baricentro fra Ticino Orientale e Alta Engadina
Ticino
08.06.2020 - 22:060
Aggiornamento : 23:57

Laureati ticinesi, tasso d'impiego in linea con la Svizzera

Ma torna dopo la laurea solo il 40% di chi ha studiato oltre Gottardo, chi studia in Ticino non esce e i salari restano diversi

“Ma servirà poi davvero, studiare così tanto”? Se lo saranno chiesti in molti, chini sui libri oppure vedendo i loro pargoli assorti in analoga, leopardiana postura. L’ultima analisi pubblicata dall’Ufficio di statistica ticinese (Ustat) dice che sì, serve eccome. A un anno dal completamento degli studi ha un lavoro il 96% dei laureati ‘ticinesi’ attivi (per laureato ticinese intenderemo d’ora in poi, per comodità, chiunque risiedesse nel cantone al momento dell’immatricolazione in una qualsiasi università, scuola universitaria professionale o alta scuola pedagogica, qui o altrove). Il reddito mediano è poco sotto ai 75mila franchi per chi lavora a tempo pieno, anche se non si calcolano gli stagisti – uno su cinque dopo l'uni – e il lavoro a tempo pieno non supera il 70% dei casi di chi ha un impiego. Ad ogni modo, 4 volte su 5 l’impiego è giudicato adeguato al proprio profilo. Dopo 5 anni, il tasso d’occupazione è al 98%. Però ci sono delle differenze importanti, anche a prescindere dalla facoltà scelta. I numeri dicono che chi resta a studiare in Ticino tenderà a non uscirne neanche dopo la laurea, in un mondo professionale che a lungo andare premia sempre di più le esperienze in diverse nazioni e aree linguistiche. Al contrario, 6 ticinesi su 10 non rientrano subito dopo il titolo oltre Gottardo, una tendenza che d’altronde è rimasta più o meno costante negli ultimi vent’anni. Le differenze di reddito tra chi lavora in Ticino e chi altrove rimangono “sostanziali”.

Secondo Danilo Bruno, uno dei ricercatori Ustat che hanno curato l’analisi insieme ai colleghi di Usi e Supsi, è rassicurante anzitutto notare che i tassi d’occupazione a 1 e 5 anni dalla laurea «risultano simili a quelli del resto della Svizzera». Non si direbbe quindi che il luogo dove si studia e dove poi si cerca lavoro abbia un’influenza decisiva sulla probabilità di trovarlo.

Chi resta in Ticino per studiare, ci resta anche dopo

Certo è però che i ticinesi che restano qui a studiare poi vi si fermano anche a lavorare. E questo nonostante la metà degli altri studenti dell’Usi – provenienti per due terzi da oltre 100 Paesi – parta poi verso destinazioni internazionali. Probabilmente fanno quindi la differenza fattori sociali e legami personali, tali che 8 ticinesi su 10 laureati all’Usi restano in Ticino, mentre dopo un anno vi rientra solo il 40% di chi era andato a studiare fuori. Un dato che però, secondo Bruno, «non è sufficiente per parlare di fuga di cervelli, dato che occorrerebbe considerare scadenze più lunghe e valutare i flussi in direzione inversa».

Quanto alla Supsi, i dati confermano il suo radicamento diretto nel territorio: «Il 92% dei nostri studenti residenti in Ticino al momento dell’immatricolazione trova un lavoro in Ticino», conferma Andrea Plata, che ha collaborato allo studio a nome dell’università professionale ticinese; «è interessante d’altronde notare che il loro tasso d’occupazione è in linea con quello delle altre università professionali e alte scuole pedagogiche svizzere; inoltre, anche chi arriva in Supsi da altri cantoni e segue una formazione con sede in Ticino poi tende a rimanere qui nell’85% dei casi».

Quanto ai redditi...

Un discorso diverso riguarda i redditi: a un anno dalla laurea, uno studente universitario ticinese percepisce un salario mediano di 75mila franchi, 73mila per chi ha fatto una Sup. Tenendo conto del fatto che il dato svizzero si aggira attorno agli 80mila franchi e circa un terzo dei ticinesi rimane a 'guadagnare' oltre Gottardo, si nota una certa pressione al ribasso dovuta alle retribuzioni di chi rimane o torna in Ticino. «È chiaro che la differenza sui redditi si nota di più di quella sui tassi d’occupazione», nota Bruno. Trascorsi 5 anni aumenta la differenza tra i laureati all’università (salario mediano 86mila franchi) e Sup/Asp (78mila). Diminuisce nel frattempo per entrambe le categorie la precarietà, con la quota di contratti a tempo determinato che passa dal 55 al 27% per chi ha fatto l’università e dal 31 al 13% per chi viene dalle Sup/Asp.

A fare la differenza per i circa mille laureati ‘ticinesi’ all’anno – equamente distribuiti tra accademia e università professionali – è naturalmente anche il percorso scelto. Dopo un anno, «per le università vediamo salari particolarmente alti per coloro che dopo la laurea in diritto non fanno un percorso di stage propedeutico alla carriera legale», così Bruno; «altrettanto netto è il vantaggio di chi ha un titolo in medicina e farmacia». Alle Sup/Asp invece «risulta inizialmente più favorevole l’inserimento in quelle professioni che prevedono un numero chiuso, come l’insegnamento o le professioni legate al lavoro sociale», spiega Plata. Impossibile, invece, dedurre dall’analisi se nel corso della carriera il settore privato si ‘riallinea’ al pubblico in termini di salari e opportunità professionali. Il quadro della situazione, insomma, è troppo variegato per prestarsi a semplificazioni sensazionalistiche. Tranne una: alla lunga – e non solo alla lunga – studiare paga.

© Regiopress, All rights reserved