ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
11 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
14 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
16 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
21 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
01.06.2020 - 20:11
Aggiornamento: 21:57

Ecco cosa si potrà (o non si potrà) fare se l'Italia riapre

Possibili i ricongiungimenti degli affetti, ma solo dalla Svizzera verso l'Italia. Ok ad andare al ristorante o al bar, ma niente acquisti

di Luca Berti
ecco-cosa-si-potra-o-non-si-potra-fare-se-l-italia-riapre
Due confini diversi a dipendenza da dove lo si guarda (Ti-Press)

L'Italia riapre i confini con i paesi dell'area Schengen, Svizzera inclusa a partire dal 3 giugno. A meno, ben inteso, che non decida di fare altrimenti nelle prossime ore.

Insomma, se entro la mezzanotte del 2 giugno il presidente del Consiglio Giuseppe Conte non dovesse varare nuove direttive, il Decreto attualmente in vigore farebbe decadere automaticamente le restrizioni per tutti coloro che vorranno recarsi in Italia anche in assenza di motivi ritenuti validi. In particolare verrebbe meno l'obbligo di quarantena di 14 giorni.

Sì a ristorazione e servizi

Un'apertura unilaterale cui la Svizzera ha già detto di non voler dare seguito. Indipendentemente dalle decisioni unilaterali di Roma, per Berna il 3 giugno è troppo presto, per cui i viaggi in Italia rimarranno sconsigliati ai tutti i cittadini residenti nella Confederazione. Sconsigliati, ma non proibiti. Si potrà, insomma, varcare il confine per andare a cena, fare un aperitivo oppure usufruire di servizi.

Occhio alla spesa, se fatta nella stessa giornata in cui si rientra

Unica eccezione il divieto di recarsi in Italia per il turismo degli acquisti, esplicitato nell'Ordinanza 2 Covid-19 della Confederazione. Coloro che si recheranno oltre confine solo per fare compere potrebbero vedersi infliggere una multa di 100 franchi al rientro. E questo, ci viene spiegato, probabilmente, anche se dovessero dichiarare come principale motivo dello spostamento l'essere andati a trovare un parente o un amico per qualche ora ed avere colto l'occasione per fare tappa al supermercato. Diverso sarà probabilmente se si potrà dimostrare di aver trascorso più giorni in Italia. Toccherà verosimilmente sempre a chi rientra sul territorio nazionale riuscire a dimostrare, o quantomeno rendere verosimile, che le borse della spesa nel bagagliaio non rappresentano lo scopo principale del viaggio transfrontaliero.

Ricongiungimenti

In assenza di un'apertura coordinata tra i due paesi, i residenti nella Confederazione potranno liberamente spostarsi verso l'Italia e far rientro sul territorio nazionale, mentre i cittadini italiani che non hanno un valido motivo per entrare in Svizzera (come ad esempio il recarsi sul posto di lavoro) non saranno ammessi su suolo elvetico. Saranno quindi possibili i ricongiungimenti degli affetti, ma solo dalla Svizzera verso l'Italia. Il contrario dipenderà da una decisione da parte di Berna, per ora non ancora in vista.

Misure sanitarie per chi ritorna in Svizzera?

In settimana, forse già domani, se ne dovrebbe comunque sapere di più. In particolare il Consiglio federale potrebbe comunicare se saranno introdotte misure sanitarie obbligatorie per coloro che, dopo una visita oltre confine, rientreranno in Svizzera. Tra quelle possibili, l'obbligo di un'autocertificazione che permetta di rintracciare le persone in caso possano essere collegate a focolai sviluppatisi oltre confine.

Leggi anche:

Coronavirus, nuovi allentamenti. No all'apertura con l'Italia il 3

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved