laRegione
Nuovo abbonamento
ecco-cosa-si-potra-o-non-si-potra-fare-se-l-italia-riapre
Due confini diversi a dipendenza da dove lo si guarda (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery (10 foto)
Luganese
1 ora
Bissone, schiacciato sul tetto della chiesa da del materiale
Un uomo è rimasto ferito in modo non grave nel corso dei lavori di restauro della parrocchiale di San Carpoforo
Luganese
1 ora
Massagno, il consuntivo 2019 registra un utile
Il risultato positivo consente al Comune di aumentare il capitale proprio e di abbattere il debito pubblico di 5,7 milioni di franchi
Ticino
2 ore
Coronavirus, otto i nuovi casi registrati nel weekend in Ticino
Il numero totale sale a quota 3'375, sempre fermi a 350 i decessi. E un paziente dimesso dall'ospedale
Ticino
3 ore
Mezzo milione per la Fondazione Bolle di Magadino
Il credito, adottato dal Consiglio di Stato, coprirà il periodo compreso tra il 2020 e il 2023
Luganese
5 ore
Lugano e la Foce del Cassarate: 'Decisione giusta'
Michele Malfanti, neo primo cittadino, parla della discussa chiusura dell'area pubblica e traccia un bilancio in chiaroscuro delle aggregazioni
Bellinzonese
5 ore
Per Bellinzona 'più trasparenza e meno sprechi'
Intervista a Simone Orlandi, nuovo presidente della sezione Udc cittadina dopo le recenti dimissioni in blocco
Ticino
6 ore
In Ticino lo sfitto non si ferma, Venuti (Asi): 'Preoccupante'
Un recente studio rileva che il nostro sia il cantone con la maggior eccedenza di offerta nell'immobiliare, per gli inquilini occorre approfondire i motivi
Locarnese
6 ore
Compleanno-choc sulla Katja Boat: in 'panne' con 60 a bordo
Nottataccia sul Lago Maggiore: mentre si festeggia l'elica smette di funzionare. Il grosso natante 'ripara' al Porto patriziale di Ascona
Bellinzonese
15 ore
Scossa forte ma molto profonda: ‘Non c'è da preoccuparsi’
Il geologo Luca Bonzanigo commenta il sisma verificatosi sabato pomeriggio, percepito nel Bellinzonese e Locarnese
Ticino
01.06.2020 - 20:110
Aggiornamento : 21:57

Ecco cosa si potrà (o non si potrà) fare se l'Italia riapre

Possibili i ricongiungimenti degli affetti, ma solo dalla Svizzera verso l'Italia. Ok ad andare al ristorante o al bar, ma niente acquisti

L'Italia riapre i confini con i paesi dell'area Schengen, Svizzera inclusa a partire dal 3 giugno. A meno, ben inteso, che non decida di fare altrimenti nelle prossime ore.

Insomma, se entro la mezzanotte del 2 giugno il presidente del Consiglio Giuseppe Conte non dovesse varare nuove direttive, il Decreto attualmente in vigore farebbe decadere automaticamente le restrizioni per tutti coloro che vorranno recarsi in Italia anche in assenza di motivi ritenuti validi. In particolare verrebbe meno l'obbligo di quarantena di 14 giorni.

Sì a ristorazione e servizi

Un'apertura unilaterale cui la Svizzera ha già detto di non voler dare seguito. Indipendentemente dalle decisioni unilaterali di Roma, per Berna il 3 giugno è troppo presto, per cui i viaggi in Italia rimarranno sconsigliati ai tutti i cittadini residenti nella Confederazione. Sconsigliati, ma non proibiti. Si potrà, insomma, varcare il confine per andare a cena, fare un aperitivo oppure usufruire di servizi.

Occhio alla spesa, se fatta nella stessa giornata in cui si rientra

Unica eccezione il divieto di recarsi in Italia per il turismo degli acquisti, esplicitato nell'Ordinanza 2 Covid-19 della Confederazione. Coloro che si recheranno oltre confine solo per fare compere potrebbero vedersi infliggere una multa di 100 franchi al rientro. E questo, ci viene spiegato, probabilmente, anche se dovessero dichiarare come principale motivo dello spostamento l'essere andati a trovare un parente o un amico per qualche ora ed avere colto l'occasione per fare tappa al supermercato. Diverso sarà probabilmente se si potrà dimostrare di aver trascorso più giorni in Italia. Toccherà verosimilmente sempre a chi rientra sul territorio nazionale riuscire a dimostrare, o quantomeno rendere verosimile, che le borse della spesa nel bagagliaio non rappresentano lo scopo principale del viaggio transfrontaliero.

Ricongiungimenti

In assenza di un'apertura coordinata tra i due paesi, i residenti nella Confederazione potranno liberamente spostarsi verso l'Italia e far rientro sul territorio nazionale, mentre i cittadini italiani che non hanno un valido motivo per entrare in Svizzera (come ad esempio il recarsi sul posto di lavoro) non saranno ammessi su suolo elvetico. Saranno quindi possibili i ricongiungimenti degli affetti, ma solo dalla Svizzera verso l'Italia. Il contrario dipenderà da una decisione da parte di Berna, per ora non ancora in vista.

Misure sanitarie per chi ritorna in Svizzera?

In settimana, forse già domani, se ne dovrebbe comunque sapere di più. In particolare il Consiglio federale potrebbe comunicare se saranno introdotte misure sanitarie obbligatorie per coloro che, dopo una visita oltre confine, rientreranno in Svizzera. Tra quelle possibili, l'obbligo di un'autocertificazione che permetta di rintracciare le persone in caso possano essere collegate a focolai sviluppatisi oltre confine.

© Regiopress, All rights reserved