ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
2 ore

Castel San Pietro, ‘Troppi rifiuti... facciamo la nostra parte’

Conferenza indetta dal Ppd e Gg per mercoledì 5 ottobre. Si parlerà anche del progetto dell’Acsi, “Comune Zero Rifiuti”
Mendrisiotto
3 ore

Percorsi manzoniani a LaFilanda di Mendrisio

A partire da domenica 2 ottobre incontri letterari con i personaggi de I Promessi sposi
Luganese
3 ore

Misure di efficienza energetica a Collina d’Oro

A breve interventi di risparmio in stabili, strutture e attività comunali ‘senza pregiudicare la sicurezza e il lavoro dell’amministrazione’
Luganese
3 ore

Non Profit Day a Villa Negroni il 1° ottobre

L’evento dedicato alle associazioni, fondazioni, cooperative e imprese sociali che operano sul territorio
Mendrisiotto
3 ore

Assemblea del Partito popolare democratico di Stabio

Temi: il cambiamento del nome del partito e le prossime elezioni cantonali
Luganese
4 ore

Il sì e il no: le azioni educative in un incontro a Tesserete

Conferenza per genitori e insegnanti sul volume della ricercatrice Silvana Tiani Brunelli
Locarnese
4 ore

Alcuni grandi temi di Locarno nella serata con la sezione Plr

Domani alla Spai una discussione sul territorio del quartiere Rusca e Saleggi: dal comparto Ex-Gas/Macello alla variante di Pr Marina
Luganese
4 ore

Besso, la Biblioteca dei ragazzi compie 40 anni + 2

Domenica 9 ottobre storie e clownerie. Ogni anno 600 bambini portano a casa più di mille libri.
Luganese
4 ore

Massagno, riapre Casa Pasquée. Si ricomincia da Luigi Taddei

Esposizione al via in occasione dei trent’anni dalla scomparsa dell’artista ticinese
Luganese
4 ore

Lugano, ingranata la marcia sul Polo congressuale

Il Municipio informa l’Interpartitica: imminenti i messaggi sull’acquisto dello stabile Rsi di Besso e sul comparto Campo Marzio Nord
Ticino
4 ore

Vent’anni di Strade Sicure e ‘il Ticino torna nella media’

Il numero di incidenti a sud delle Alpi è calato del 63% in 20 anni, rientrando in linea con i dati nazionali
Mendrisiotto
5 ore

Stabio, nuovi contenitori interrati per i sacchi in arrivo

I giorni di raccolta rifiuti porta a porta diminuiranno da due a uno. Chi vorrà potrà smaltirli al campo sportivo Montalbano, in via Giulia e in via Boff.
Bellinzonese
5 ore

Corso sull’alimentazione per persone con mobilità ridotta

Lo propone il Gruppo paraplegici Ticino venerdì 30 settembre all’Hotel Unione. A seguire cena salutare
Luganese
5 ore

A Lugano il primo Innovation Highway con 6 startup ticinesi

L’evento il 13 ottobre al Campus Est dell’Università di Lugano. Si parlerà di idee e progetti
Bellinzonese
5 ore

Bambino investito a Giubiasco inseguendo un pallone

È successo al parco giochi di Cima Piazza, all’altezza dell’ex palazzo comunale. Sanguinava dalla testa ma era vigile
Luganese
5 ore

Capriasca guarda già al mercatino natalizio, iscrizioni al via

Ecco le istruzioni per gli interessati ad assicurarsi una bancarella per l’evento in agenda il 4 dicembre
Luganese
5 ore

Lugano, l’associazione Il Centro organizza doposcuola

L’attività è rivolta ai ragazzi di scuola media e avrà luogo, dal 3 ottobre, nella sede di via Brentani 5
Bellinzonese
5 ore

Mense di Bellinzona, il Municipio interverrà sulle associazioni

Recepite alcune delle criticità evidenziate dall’Mps sull’obbligo di pagare la tassa di adesione e il pranzo in caso di uscite scolastiche
Luganese
5 ore

Domenica sarà festa al club nautico di Morcote

L’evento – tra musica, gite in barca e attività varie – è rivolto a tutta la famiglia e vuol dare la possibilità di scoprire il mondo della vela
Bellinzonese
6 ore

Bellinzona, ‘L’usignolo’ per la prima di MaxiTeatro

Venerdì 30 settembre scatta la rassegna per adolescenti con lo spettacolo che trae spunto dalla fiaba dello scrittore danese Hans Christian Andersen
Mendrisiotto
6 ore

Sagra del Borgo, ‘rifiuti separati in modo corretto?’

In un’interrogazione al Municipio di Mendrisio, Claudia Crivelli Barella (L’AlternativA) evidenzia l’uso di bicchieri usa e getta
Locarnese
6 ore

‘Evviva il fotovoltaico e le comunità di autoconsumo’

Le considerazioni ‘energetiche’ del municipale Zanchi prima del voto favorevole ai 330mila franchi per l’impianto alla Scuola dell’infanzia ai Saleggi
Luganese
6 ore

Val Mara, in arrivo castagnata e mercatino dell’usato

L’appuntamento è per domenica 23 ottobre in piazza Fontana a Rovio dalle 14 alle 17. Per il mercatino, necessario iscriversi.
Locarnese
6 ore

Locarno, torna la Festa dei Popoli

Un ricco programma in Piazza Grande per imparare a conoscersi e a rispettarsi
Ticino
6 ore

Aumenti cassa malati, De Rosa: ‘Per il Ticino stangata ingiusta’

Il direttore del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa critico sull’aumento dei premi del 9,2% rispetto al 6,6% della media nazionale
Mendrisiotto
6 ore

A Balerna una serata di approfondimento sulle Arp

Appuntamento all’11 ottobre all’aula magna delle scuole medie. Interverranno Franco Lardelli, Alessia Dolci e Mario Ferrarini.
laR
 
05.05.2020 - 05:50

'Commerci e affitti, questione di sopravvivenza'

Il coronavirus e le pigioni, Sommaruga (Federcommercio): 'Riapertura con tante incognite'. Suter (GastroTicino): 'Finora un silenzio assordante del Cantone'

commerci-e-affitti-questione-di-sopravvivenza

«Lunedì prossimo molti negozi riapriranno, ma abbiamo ancora tante incognite: in che modalità riaprire, quanto personale richiamare, quale sarà la reazione della clientela. Domande a cui è difficile dare una risposta. Siamo in una situazione di sospensione veramente difficile e straniante su cui l’aspetto finanziario del costo dell’affitto pesa in modo preponderante». Lorenza Sommaruga, presidente della Federcommercio Ticino, organizzazione dei piccoli commercianti, non nasconde la propria preoccupazione. «Non sono una persona abituata a chiedere aiuto all’ente pubblico, che in questa fase ha fatto molto (indennità per lavoro ridotto e crediti agevolati, ndr), ma la pigione è una voce di spesa importante che in assenza di fatturato diventa una questione vitale per molte piccole aziende. C’è un futuro da costruire e senza basi solide, molti commerci saranno costretti a chiudere», sottolinea.

La questione delle pigioni commerciali emersa dalla crisi del Covid-19 è lungi dall’essere risolta. Il Consiglio federale da tempo invita a trovare soluzioni bilaterali, fra i singoli proprietari e i locatari, in modo che gli effetti negativi del lockdown – che si spera durino il meno possibile – siano ripartiti tra le due parti contrattuali. In Ticino alcuni proprietari e alcuni Municipi hanno accettato di sospendere o dilazionare la riscossione degli affitti. «Non è chiaro però se in futuro questi importi dovranno essere rimborsati», riprende Sommaruga che come anche l’Associazione inquilini della Svizzera italiana, la Catef (i proprietari) e la Svit Ticino, auspica una soluzione sul modello ginevrino (cfr. infografica in pagina) dove il Cantone potrebbe farsi carico di una parte della pigione e per un periodo di tempo limitato, se anche il proprietario accetta una perdita. Due settimane fa (cfr. laRegione del 20.4.2020) una richiesta al Consiglio di Stato in tal senso era stata resa nota dalle tre parti in causa. «Auspichiamo che trovino un accordo consensuale ad esempio sul ‘modello vodese’ (un terzo a carico degli inquilini, un terzo dei proprietari e un terzo allo Stato, ndr) – rileva il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni –. Un intervento cantonale sarebbe a questo punto opportuno». Anche perché ai modelli ginevrino, vodese e basilese non si è a tutt’oggi affiancato un ‘modello ticinese’. «Non abbiamo ancora ricevuto nessuna risposta da parte del Consiglio di Stato, né ufficiale né ufficiosa», fa notare Adriano Venuti, presidente dell’Associazione degli inquilini per la Svizzera italiana promotrice a Sud delle Alpi del modello ginevrino. «Sì, è vero, non c’è stato ancora un incontro con il Consiglio di Stato sul tema degli affitti», conferma Alberto Montorfani, presidente della Svit Ticino (associazione dei professionisti immobiliare) che confida che una soluzione sarà trovata.

GastroTicino: ‘Ancora nulla all’orizzonte’

«Quello degli affitti commerciali è un grosso problema che gli imprenditori stanno avendo in questo periodo di chiusura forzata, che va ad aggiungersi alle difficoltà nel versamento dei salari per i dipendenti dell’esercizio», evidenzia dal settore della ristorazione il presidente di GastroTicino Massimo Suter. Un problema «che resterà tale, se non si troverà un rimedio, anche quando potremo riaprire, perché si lavorerà a ritmo ridotto a causa delle necessarie misure d’ordine sanitario imposte dalle autorità. Ora, non mi sembra giusto che si paghi l’affitto di un locale per cento posti, quando il gerente può utilizzarne la metà e ciò indipendentemente dalla sua volontà. Nei cantoni Vaud e Ginevra hanno trovato delle soluzioni per venire incontro agli inquilini commerciali ma anche ai proprietari di immobili, pure loro confrontati con oneri importanti. In Ticino invece regna il silenzio: c’è un silenzio assordante da parte del Cantone. Non bastano più promesse o dichiarazioni autoreferenziali. Urge invece una soluzione concreta e praticabile. Ho preso contatto con la Camera di commercio – continua il presidente di GastroTicino – per andare, con un paio di altre associazioni di categoria, a bussare alla porta del direttore del Dipartimento finanze ed economia. Perché, ripeto, serve al più presto una soluzione pragmatica, di compromesso. È in ballo la sopravvivenza di diversi piccoli e medi commerci, non solo della ristorazione».

Afferma a sua volta l’avvocato Renata Galfetti, segretaria della Camera ticinese dell’economia fondiaria (Catef): «Un mese fa siamo stati contattati dall’Associazione inquilini per sapere se eravamo disponibili a discutere per individuare una soluzione e in particolare se fossimo d’accordo con il modello ginevrino, indirizzato a piccoli commerci come botteghe e negozi, locati ad al massimo 3’500 franchi mensili e rimasti chiusi a seguito delle risoluzioni governative. Dopo aver fatto le nostre riflessioni, abbiamo risposto affermativamente. E di questo abbiamo informato anche il Consiglio di Stato. Numerosi locatori sono disposti ad aiutare i piccoli commercianti, loro inquilini, e questa soluzione potrebbe alleggerire la loro situazione e portare in tempi brevi un po’ di serenità e un po’ di chiarezza in un momento difficile per tutti, tant’è che vengo costantemente interpellata da diversi nostri associati che chiedono cosa fare con gli affitti commerciali. Faccio presente che l’adesione a un accordo come quello di Ginevra non è obbligatoria: le associazioni si impegnerebbero a promuoverne tra i propri affiliati l’accettazione, ma non esiste un obbligo giuridico di adesione da parte loro. Anche noi come Catef siamo in attesa di conoscere la posizione del governo cantonale». La ‘Regione’ ha quindi interpellato il Dipartimento finanze ed economia. E dal Dfe ricordano che “sul tema degli affitti il consigliere federale Guy Parmelin ha istituito una task force dedicata, guidata dal direttore dell’Ufficio federale delle abitazioni. Questa task force – che riunisce rappresentanti dell’Amministrazione, delle organizzazioni degli inquilini e dei locatori, del settore immobiliare nonché di città e Cantoni – sta valutando ulteriori provvedimenti oltre a quanto già deciso (proroga termini di pagamento degli affitti). I lavori sono quindi ancora in corso e, di conseguenza, una presa di posizione da parte del Dipartimento delle finanze e dell’economia è prematura”.

Chiesa: Bellinzona sinora alla finestra

Il consigliere agli Stati democentrista Marco Chiesa presiede la sezione ticinese dell’Associazione proprietari fondiari (Apf-Hev): «Condivido il parere del Consiglio federale: le proposte formulate dalle Commissioni dell’economia e dei tributi del Nazionale e degli Stati, che prevedono manu militari decurtazioni generalizzate ed esoneri a geometria variabile del pagamento delle pigioni, sono una grave ingerenza nei rapporti tra privati e un attacco frontale alla proprietà privata garantita dalla Costituzione svizzera. Sostengo, al contrario, la via della concertazione tra i differenti attori e si tratta di una strada percorribile come hanno dimostrato Ginevra, Vaud e Friborgo, ad esempio. In questi cantoni la spinosa questione degli affitti commerciali è già stata regolata da tempo e con soddisfazione delle parti. Locatore e locatario fanno parte della stessa catena, entrambi hanno l’interesse a trovare una soluzione consensuale. In questo senso – aggiunge Chiesa riferendosi al Ticino – credo che l’intervento del Cantone, che finora è stato alla finestra, sia più che benvenuto per non dire necessario. Non tutto deve essere imposto da Berna, si può anche pensare a ragionevoli e pragmatiche soluzioni cantonali».

La lettera: ‘La task force federale è fallita’

Ieri, intanto, sette associazioni di categoria hanno sottoscritto un appello nazionale per trovare una soluzione a questo problema che rischia di ipotecare pesantemente il futuro di molte attività commerciali piccole e grandi. La lettera è stata consegnata a tutti i parlamentari a Berna ieri mattina prima dell’inizio della sessione. “Una soluzione nazionale è urgente e necessaria, poiché gli inquilini dei commerci colpiti direttamente o indirettamente dalle misure Covid-19 del Consiglio federale sono toccati in modo massiccio dal punto di vista economico”, si legge in una nota stampa firmata da sette organizzazioni (GastroSuisse, CoiffureSuisse, Associazione svizzera inquilini, Associazione dei locatari commerciali, Associazione svizzera delle catene di negozi, Federazione dei centri fitness e Federcommercio Ticino). La task force istituita dalla Confederazione “è fallita miseramente”. Per questa ragione, si annuncia, “le organizzazioni coinvolte hanno abbandonato il gruppo di lavoro”. “Al contrario della Germania e dell’Austria, il Consiglio federale si è rifiutato, senza alcun motivo comprensibile, di regolamentare la questione attraverso il diritto d’urgenza, anche se i rappresentanti degli inquilini avevano proposto approcci di soluzione costruttivi”, scrivono le associazioni. E le conseguenze economiche – nonostante siamo alla vigilia della graduale riapertura – si aggravano sempre di più e all’orizzonte “incombono fallimenti e un’ondata di procedure giudiziarie”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved