ecco-come-riaprono-le-scuole-in-ticino-dal-11-maggio
Manuele Bertoli (in primo piano) e il governo ticinese (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
6 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
11 ore

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
12 ore

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
16 ore

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
16 ore

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
17 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
17 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
17 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
1 gior

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
1 gior

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
1 gior

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
1 gior

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
Mendrisiotto
1 gior

Aggregazione Basso Mendrisiotto, una serata per parlarne

La sezione momò del Ps organizza un evento che avrà luogo a Balerna il 1° giugno, con ospiti i vicesindaci di Chiasso e Vacallo
Luganese
1 gior

Taverne: liberato un capriolo dalla vasca di contenimento

L’animale è stato soccorso dai guardiacaccia e dalla Società di protezione animali di Bellinzona, dileguandosi nel bosco
Luganese
1 gior

Lugano, estate in arrivo: che sicurezza alla Foce?

Un’interrogazione socialista domanda al Municipio cosa è stato messo in campo per la stagione balneare alle porte
Luganese
1 gior

Lugano, per il Municipio con la Gipi Sa tutto in regola

L’esecutivo sottolinea di non essere a conoscenza di criticità riguardo all’operato e agli immobili in mano alla Gestioni Immobiliari per Istituzionali
Mendrisiotto
1 gior

Riva San Vitale, serata pubblica sulle Fornaci

L’evento si terrà l’8 giugno. Inoltre, nel Palazzo comunale è stata posata un’opera evocativa dell’artista Pierino Sulmoni
Luganese
1 gior

Francesco Hoch ricevuto a Savosa

Il Municipio ha organizzato nei giorni scorsi un ricevimento per il compositore di fama internazionale
Luganese
1 gior

Lugano, spettacolo delle Forze aeree svizzere

Il gruppo acrobatico PC-7 Team inscenerà delle dimostrazioni di volo sopra all’aerodromo di Agno
Luganese
1 gior

Filarmonica di Castagnola in concerto

Domenica 19 giugno al Lac il secondo concerto per gli ottant’anni del sodalizio, rinviato più volte a causa della pandemia
Locarnese
1 gior

Ascona, incontro con Luca Pfaff

Il direttore d’orchestra sarà ospite della Biblioteca popolare mercoledì prossimo. Presenterà il suo libro
Bellinzonese
1 gior

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina
Locarnese
1 gior

Maggia, l’ultima casalinga della squadra di calcio

Sabato in occasione della sfida col Cadenazzo grigliata e musica al termine del match. Su schermo gigante la finale di Champions
30.04.2020 - 14:02
Aggiornamento : 01.05.2020 - 16:47

Ecco come riaprono le scuole in Ticino dal 11 maggio

Frequenza scaglionata e mantenimento delle lezioni a distanza per le scuole Medie. È scontro con Lugano. Bertoli: 'Non possiamo accettare quel modello'

L’11 maggio si torna a scuola, ma a piccoli passi. Due giorni per alunno alla settimana – o quattro mattinate – alle scuole elementari e dell’infanzia, almeno un giorno alle medie (dove un eventuale sforzo aggiuntivo è a discrezione degli istituti e l’insegnamento a distanza resta attivo). Di volta in volta, in classe dovrà essere presente non più della metà degli allievi – 12 al massimo – per garantire il rispetto delle distanze sociali. Sarà facoltativa la frequenza per le scuole d’infanzia. È questo il risultato del negoziato tra il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs) e i Comuni, per combinare il diritto allo studio nelle scuole obbligatorie alle oggettive difficoltà logistiche segnalate sul territorio.

Il direttore del Decs Manuele Bertoli l’ha descritta come «la scelta più prudente di tutta la Svizzera». Eppure le difficoltà non mancano: con i genitori che tornano progressivamente al lavoro, aumenterà anche la pressione sui servizi di accudimento. I Comuni che avessero difficoltà nel reperire le necessarie risorse, o che riscontrassero problemi di natura logistica, potranno rendere facoltativa la frequenza anche per la prima e la seconda elementare. Chi è ancora più in difficoltà, infine, potrà aprire una settimana dopo. 

Insegnamento a distanza

L’insegnamento a distanza termina per le elementari, mentre rimane la spina dorsale alle scuole medie, alle quali è richiesto di garantire almeno un giorno in presenza a settimana (o due mezze giornate), eventualmente di più: «Confidiamo di poter arrivare fino a due giornate e mezza», ha notato Bertoli.

Si darà la precedenza alle materie giudicate più importanti dal punto di vista curricolare. La priorità è data alla matematica e alle principali materie scientifiche ed umanistiche. Escluse per motivi igienici le materie che prevedono contatti corporei o coi materiali, come educazione fisica e musicale e arti plastiche.

L'entrata e l'uscita da tutti gli istituti sarà da programmare in maniera scaglionata, onde evitare al massimo i contatti tra allievi, docenti e genitori. Le ricreazioni devono avvenire in sottogruppi e l'uso dei servizi igienici in modo organizzato, per ridurre i contatti. Allievi e docenti a rischio non andranno a scuola, mentre agli altri sarà concesso un momento per riprendere la naturalezza della scuola relazionale ed elaborare un periodo disorientante anche per loro.

Comuni d'accordo, ma c'è chi dice no

L’impressione, insomma, è che Decs e Comuni si siano venuti incontro. Andrea Pellegrinelli, Vicepresidente dell’Associazione comuni ticinesi e sindaco di Capriasca, ha ammesso che «tra classi e accudimento, ci aspetta un lavoro gigantesco», ma ha anche sottolineato «la consapevolezza da parte della maggioranza dei Comuni del fatto che il bambino ha il diritto di andare a scuola», e che «se non agiamo adesso, a settembre saremo di nuovo ai piedi della scala».

Non che tutti i comuni siano d’accordo: Locarno e Lugano hanno subito contestato le decisioni del Decs, ritenendole di difficile applicazione e richiedendo il rientro solo per le ultime classi della scuola d’infanzia e delle elementari. Una proposta che Bertoli ha respinto: applicando la loro proposta «non si tratterebbe di una vera riapertura. Non credo che Lugano e Locarno abbiano mezzi inferiori ad altri comuni che si sono detti pronti a riaprire. Dire solo 'non ce la facciamo' non è accettabile». Il rischio è quello che si riproponga la contrapposizione tra il Cantone e le due città vista quando le scuole si trattava di chiuderle (l’autorità in materia spetta al Decs, ma all’epoca la chiusura ebbe il sapore di una capitolazione alle pressioni municipali).

I più piccoli

Lasciate che i pargoli…

Ma la conferenza stampa di oggi è servita anche a rassicurare le famiglie. Il medico cantonale Giorgio Merlani ha ribadito che i bambini trovati positivi finora sono stati solo 12 nella fascia di età fino ai 9 anni, 62 tra 10 e 19. È vero che su quell’età sono stati effettuati meno tamponi, ma si tratterebbe comunque di un tasso di contagio estremamente basso – lo 0.3% tra i bambini – con decorsi generalmente assai lievi.

Lisa Kottanattu, capo servizio dell’Ente ospedaliero cantonale, ha aggiunto che mentre all’inizio dell’epidemia si temeva che i bambini potessero costituire un grave veicolo di contagio per adulti e categorie a rischio, ora quel timore si è ridimensionato: allo stato attuale delle conoscenze mediche «i dati pubblicati supportano l’ipotesi che i bambini non giocano un ruolo importante nella diffusione del virus. Inoltre vi sono forti indizi sul fatto che non siano loro i primi a infettarsi: spesso contraggono il virus dai genitori. È comunque importante ricordare che ogni anno, nella stagione invernale, siamo confrontati con altri virus che nei bimbi possono portare a decorsi ben più gravi». 

La specialista in pediatria e malattie infettive ha infine tranquillizzato chi ricordava come in alcuni casi di bambini positivi al Covid-19 si sia sviluppata la sindrome di Kawasaki, una pericolosa infiammazione delle arterie – in particolare di quelle coronariche – che può avere gravi conseguenze a lungo termine sulla salute cardiaca. In Ticino si è riscontrato un solo caso di questo tipo, mentre la stessa sindrome è nota e si sviluppa anche in bambini non contagiati: «Allo stato attuale della conoscenza scientifica, è impossibile stabilire se vi sia un nesso causale» tra Covid-19 e sindrome. 

Le tempistiche

Merlani: 'Avrei preferito più tempo tra le tappe della riapertura'

Il medico cantonale, da parte sua, pare più preoccupato dai tempi ristretti tra le due fasi di riapertura, il 27 aprile e l’11 maggio: i tempi di incubazione rendono difficile valutare le conseguenze dei primi allentamenti prima di procedere ulteriormente. «Personalmente avrei preferito avere un po’ più di tempo e agio per valutare gli effetti delle misure messe in atto e comprendere quali siano le più efficaci in un’ottica di lungo periodo», ha detto Merlani. Per il quale ora la priorità va data a tutte le forme di controllo e tracciamento dei contatti.

I test

Partite 1'500 lettere ad altrettanti ticinesi

Tanto che sono appena partite le lettere per proporre a 1'500 ticinesi dai 5 anni in su – un campione statisticamente rappresentativo dell’intera popolazione – la partecipazione a una grande mappatura tramite test sierologico: una ‘punturina’ sul dito simile a quelle che si fanno per misurare la glicemia, che però potrebbe permettere di identificare più chiaramente chi il virus l’ha già avuto, in modo da valutare l’esposizione della popolazione e lo sviluppo degli anticorpi, dei quali peraltro non è ancora chiara la durata. Il test, naturalmente, è facoltativo. Intanto, il caveat è sempre lo stesso: «Più aumenteranno le possibilità di contatto, più importanti diverranno le misure igieniche» che vanno rispettate non solo dalle imprese, ma anzitutto dai singoli individui.

I trasporti

'Tenere le distanze sarà più facile'

Per quanto riguarda i trasporti, Bertoli ha fatto notare come sul totale degli allievi delle medie, solo la metà (ovvero 6'000) impieghino quelli pubblici per recarsi a scuola. «Di questi, 4'500 dispongono di un abbonamento Arcobaleno, per cui si spostano con il trasporto di linea. Su questi mezzi non è comunque data un’indicazione vincolante di distanze, anche se la frequenza ridotta permetterà di lasciare più spazi vuoti. Gli altri 1'500 allievi si spostano su bus appositi. Anche in questo caso la frequenza ridotta permetterà più distanza».

 

Leggi anche:

Scuola, Lugano non ci sta e contesta le misure cantonali

Allegati
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved