ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
27 min

Mendrisio, ‘Sagra del Borgo riuscita al 100 per cento’

Nella tre giorni di festa che ha caratterizzato il nucleo storico non ci sono stati interventi per risse o violenze. Sam sollecitato in due occasioni.
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, natura e paesaggio per il ‘nuovo’ Faloppia

Il Municipio presenta al Consiglio comunale la richiesta di un credito di 300mila franchi per elaborare il progetto definitivo di riqualifica
Mendrisiotto
2 ore

‘ProgettoAmore’ e i fondi per l’emergenza in Ucraina

I proventi della manifestazione sono stati donati all’associazione Insieme per la pace che grazie a due volontari ha portato provviste a Nikolaev
Ticino
2 ore

Il governo dice sì al fondo per apprendisti in difficoltà

Accolta la proposta di Fonio ed Ermotti-Lepori. Sarà gestito dal Decs, rifornito da pubblico e privato, e servirà a rifondere le direzioni delle sedi
Luganese
2 ore

Marco Valli cittadino onorario di Comano

La proclamazione con il voto unanime del Consiglio comunale per il suo impegno: 40 anni dedicati alla collettività
Luganese
3 ore

Parco Morosini di Vezia, inaugurazione col sole

Il polmone verde, restaurato e valorizzato, riaperto al pubblico. Gli edifici storici sono tornati all’antico splendore
Ticino
3 ore

Cantonali 2023, il Forum alternativo è corteggiato dall’Mps

A sinistra dell’area rossoverde continuano le manovre in vista delle elezioni. Dopo aver bocciato la lista con Ps e Verdi, si apre una nuova possibilità
Locarnese
4 ore

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
4 ore

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
5 ore

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
5 ore

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
5 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
7 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
laR
 
16.04.2020 - 11:40

I sindacati: 'Controlli per proteggere i posti di lavoro'

Per Unia e Ocst in vista delle riaperture è fondamentale la tutela della salute dei salariati. Ed è forte la preoccupazione per i possibili licenziamenti

i-sindacati-controlli-per-proteggere-i-posti-di-lavoro
Ti-Press

Convivere con il virus. Questo concetto è stato utilizzato più volte sia dalle autorità sanitarie sia da quelle politiche di tutto il mondo. Perché usciti dalla fase acuta dell'emergenza il Covid-19 non sparirà d'incanto, purtroppo. Rimarrà, almeno finché non sarà pronto un vaccino. Questa 'convivenza' forzata come si tradurrà in un mercato del lavoro già sotto stress a causa della chiusura di tutte le attività non essenziali chiesta a Berna dal Cantone per fronteggiare la diffusione del coronavirus e avallate dal Consiglio federale? Quando, lentamente e gradualmente, le attività riprenderanno che scenario si troveranno di fronte i salariati, anche a livello di disoccupazione?

Unia: 'Proteggere la salute, ma anche il reddito dei lavoratori"

"Dall'inizio abbiamo due priorità - risponde il segretario regionale di Unia Giangiorgio Gargantini -. Vale a dire proteggere la salute e proteggere il reddito". Evidentemente, "la garanzia del posto di lavoro è la pietra angolare nella lotta che ci aspetta per la protezione del reddito dei lavoratori". In una situazione, come rilevato all'infopoint di lunedì dalla caposezione del Lavoro Claudia Sassi, preoccupante: si rischia di salire, in linea con le previsioni della Seco, da 6 a 12mila disoccupati portando il tasso dal 3,6 attuale a oltre il 7 per cento. "Siamo assolutamente coscienti che questa situazione avrà conseguenze, ma siamo convinti che, al netto delle misure che mancano per gli indipendenti, quanto messo in campo finora è giusto e permetterà di limitare le conseguenze sul tasso di occupazione", riprende Gargantini.

Che però mette qualche puntino sulle i. "Il Ticino era un cantone già sofferente prima dell'epidemia, e adesso sarà ancora peggio. La nostra richiesta di chiusura delle attività è stata fatta a malincuore, chi è a lavoro ridotto perde quasi un quarto del salario. È chiaro, per noi, che dovrà esserci una sorta di progetto di rinascita che come sindacato chiediamo da tempo e oggi è ancora più impellente", continua. Un progetto che "comporta misure incisive, politiche anticicliche che richiederanno iniezioni di capitali importanti e salvaguardia del potere d'acquisto dei lavoratori". Perché per il segretario di Unia il punto è questo: "Se i cittadini non possono spendere, è tutto il territorio che si ferma".

E poi c'è il discorso dei controlli: "La sicurezza di chi lavora e della popolazione tutta sono fondamentali". Quindi ecco l'invito "a riflettere sulle misure di sicurezza assieme ai salariati, integrandoli a tutti i livelli di discussione compreso lo sviluppo di 'protocolli Covid-19' azienda per azienda". Tenendo bene a mente "che ci vorrà molta attenzione". Nel senso, conclude, "che tutto dovrà avvenire in piena e totale sicurezza, e gradualmente: da un'ipotetico secondo lockdown dovuto a una seconda impennata di contagi l'economia ticinese non si rialzerebbe più".

Ocst: 'I controlli nelle aziende fondamentali, e in prospettiva preoccupati per possibili licenziamenti"

Sui controlli spinge l'acceleratore anche Renato Ricciardi, segretario dell'Ocst. "Proteggere la salute dei lavoratori è la nostra massima priorità", spiega interpellato dalla 'Regione'. "I dati degli ultimi giorni dicono che c'è un calo dei contagi, ma bisogna mantenere un'elevata attenzione al rispetto delle misure di prevenzione dentro e fuori le aziende", aggiunge. Per poi spiegare come "la preoccupazione sta nel fatto che non ci sono molti strumenti a disposizione per fare controlli efficaci una volta che riapriranno le ditte: le autorità hanno questo compito importante, e ci ha fatto piacere la decisione di costituire un gruppo di lavoro assieme all'Ispettorato del lavoro e alla Suva per capire come renderli più mirati e funzionali". Ricciardi, non potrebbe essere altrimenti, è "preoccupato" anche per le prospettive occupazionali: "C'è un elevato rischio di essere confrontati con dei licenziamenti un po' in tutti i settori. Lo Stato sta discutendo di aiuti e piani di sostegno, potranno aiutare a salvare da chiusure di attività e conseguenti perdite di posti di lavoro. Ma si ripresenta in un qualche modo una situazione analoga alla prima fase dell'epidemia: c'erano aziende che non si preoccupavano a sufficienza di rispettare le regole di protezione, non vorremmo che ora la via del licenziamento diventasse una facile via per sistemare la propria attenzione". Insomma l'Ocst, chiosa Ricciardi, "terrà alta l'attenzione" in attesa che "domani (oggi, ndr.) il Consiglio federale possa fare chiarezza anche sugli indipendenti e sul personale domestico: di fatto si tratta di persone licenziate, non potendo più lavorare nelle case dove lavoravano". 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved