rilancio-economico-vitta-cosi-si-muovera-la-task-force
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
5 min

Incidente a Maggia: si cercano testimoni

Un’auto e una moto si erano scontrate sabato scorso poco prima delle 15. Deceduto un 19enne.
Locarnese
5 ore

Deceduto il 19enne vittima di un incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
18 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
20 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
21 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
21 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
21 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
22 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
22 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
22 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
22 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
22 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
22 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
23 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
23 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
Luganese
23 ore

Il summit per l’Ucraina muta anche l’accesso al Lido di Lugano

L’entrata sarà possibile esclusivamente da via Lido essendo l’accesso su via Foce chiuso poiché a ridosso della zona rossa
15.04.2020 - 06:00

Rilancio economico, Vitta: così si muoverà la task force

Coronavirus, il presidente del Consiglio di Stato: 'Tra una o due settimane la prima riunione del Gruppo'. 'Risorse, erogati già oltre 1,2 miliardi di franchi'

Centomila lavoratori in Ticino in orario ridotto, quasi la metà degli occupati. Spaventa, quantomeno non lascia indifferenti, ora e in prospettiva, il dato comunicato nella conferenza stampa di lunedì dalla responsabile, al Dipartimento finanze ed economia, della Sezione del lavoro Claudia Sassi. A complicare il quadro c’è l’incertezza. L'incertezza sulla durata di questa dannata pandemia. E quindi sulla ripartenza delle attività economiche; meglio, sulle modalità di riavvio della macchina produttiva (ieri, come annunciato la scorsa settimana dal governo, c’è stata qualche riapertura). Già da oggi occorre però pianificare, anche a livello cantonale, per dare appena possibile risposte concrete a chi – imprenditori e salariati – nutre grandi preoccupazioni per il futuro della propria impresa, del proprio impiego. Bisogna insomma evitare che il post emergenza sanitaria diventi una Caporetto per l’economia ticinese. Per questo la politica, nella fattispecie il Consiglio di Stato, ha deciso di dar vita al ‘Gruppo di lavoro per il rilancio del Paese’. Spiega il governo in una lettera indirizzata all’inizio della settimana passata all’Ufficio presidenziale del parlamento cantonale: “La necessità di contenere la diffusione del coronavirus ha richiesto l’adozione di misure importanti e incisive che hanno e avranno un impatto di rilievo sull’economia cantonale. Vi è pertanto la necessità di implementare, una volta superata la fase acuta di diffusione del virus e accanto agli interventi di corto termine già messi in campo e che perseguono l’obiettivo di salvaguardare la liquidità, anche delle misure di sostegno strutturali a più lungo termine, con l’obiettivo di supportare le aziende e di riflesso di tutelare gli impieghi”.

Per saperne di più su questa task force ci siamo rivolti al presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento finanze ed economia Christian Vitta.

Presidente Vitta, di quanti membri si compone il Gruppo di lavoro e chi ne farà parte, ovvero quali saranno le cerchie rappresentate (associazioni imprenditoriali, sindacali e professionali, politici...)?

In una prima fase abbiamo chiesto alle associazioni padronali, ai sindacati e all’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio di indicarci i nomi dei loro rappresentanti. In questi giorni stanno arrivando le risposte con i nominativi proposti, che saranno integrati con alcuni specialisti. Una volta rientrati tutti i nomi avremo un’indicazione esatta della composizione. Questo consesso potrà in seguito attivare dei gruppi di approfondimento tecnico in funzione dei temi che deve affrontare.

Quando la prima riunione della task force?

È prevista a breve, tra una o due settimane, appena sarà ultimata la composizione. Nella prima riunione si discuterà del raggio di attività, del metodo di lavoro e anche del calendario dei lavori.

A questo Gruppo toccherà anche proporre tempi e modalità di riapertura delle attività aziendali?

Sarà un gruppo consultivo che non avrà competenze a livello operativo e non tratterà quindi il tema della modalità e dei tempi di allentamento delle misure restrittive attualmente in vigore. In questo gruppo si confronteranno idee e opinioni e potranno essere discusse delle misure strutturali per il rilancio del Paese. Avrà l’obiettivo di lavorare anche sul medio e lungo termine in quanto dovremo convivere ancora per vari mesi con il virus e con tutti i condizionamenti che ne derivano per l’attività economica e il mercato del lavoro.

Il Gruppo aprirà un canale di dialogo con Berna e cioè con il Consiglio federale e la deputazione ticinese alle Camere?

La parte operativa resterà di competenza dell’organizzazione già oggi attiva. Il Gruppo dovrà sicuramente attingere anche alle informazioni provenienti da Berna. Infatti il rilancio del Paese interessa tutti i Cantoni, la Confederazione e anche i Comuni. Sarà dunque fondamentale un coordinamento dell’azione di rilancio del Paese. Servirà, in un certo senso, un patto di Paese.

E a proposito di Berna, il Consiglio di Stato intende proporre nuove misure tenendo conto della realtà ticinese?

Vi è un costante contatto con Berna, con la deputazione ticinese alle Camere federali e con la sua presidente. Attualmente, per esempio, stiamo seguendo da vicino il tema degli indipendenti. Un primo successo lo abbiamo già ottenuto negli scorsi giorni con il riconoscimento delle limitazioni imposte solo nel nostro Cantone. Altre proposte ticinesi sono state portate nelle Commissioni competenti e a breve, nelle prossime settimane, siamo fiduciosi che possa esserci un’ulteriore evoluzione positiva per la categoria degli indipendenti.

Christian Vitta, come commenta il dato segnalato l’altro ieri dalla responsabile della Sezione del lavoro: in Ticino si contano già circa 100mila persone a lavoro ridotto?

È un dato che non sorprende in quanto già nei primi giorni della crisi avevamo assistito a un importante numero di richieste. Queste risorse, unitamente ad altre messe in campo fra cui i crediti garantiti dall’ente pubblico, hanno permesso, in poco tempo, di erogare in Ticino oltre 1,2 miliardi di franchi. È una cifra molto elevata. Per questo motivo le misure strutturali di rilancio del Paese dovranno essere ben calibrate, tenendo conto della situazione nei vari settori economici e delle differenti situazioni in cui si trovano. Si tratta di soldi pubblici che vanno utilizzati in maniera efficace.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved