In tutto sono 355 gli allievi e le allieve impegnati in stage in strutture e istituti che si occupano di malati, anziani, invalidi o prima infanzia (Ti-Press)
Ticino
07.04.2020 - 18:410

Per gli studenti Oss e Osa è attiva la hotline 'LineAscolto'

L'obiettivo del Decs è fornire accompagnamento agli studenti che stanno vivendo in prima linea l’esperienza professionale con il Covid-19

Da lunedì è attivo 'LineAscolto', hotline per gli allievi e le allieve del Centro professionale sociosanitario di Giubiasco e di Lugano che attualmente stanno facendo degli stage nelle strutture ospedaliere e sociosanitarie. Il servizio – promosso in collaborazione con la task force 'sostegno psicologico Covid-19’ - è rivolto agli studenti del percorso operatore/ice socio assistenziale (Osa) e operatore/ice socio sanitario/a (Oss). L’obiettivo del Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (Decs) è fornire ascolto e accompagnamento alle studentesse e agli studenti che stanno vivendo in prima linea l’esperienza professionale in questo particolare momento.

In tutto sono 355 gli allievi e le allieve impegnati in stage in strutture e istituti che si occupano di malati, anziani, invalidi o prima infanzia. Nei percorsi formativi del settore sociosanitario lo stage pratico è una parte essenziale nell’apprendimento delle competenze professionali.

"Visto che gli studenti possono essere confrontati con situazioni emotivamente forti – scrive il Decs in una nota –. la Divisione della formazione professionale, attraverso la Sezione della formazione sanitaria e sociale e la direzione scolastica, ha deciso di attivare 'LineAscolto' per completare e rafforzare le misure di accompagnamento". Il progetto è coordinato da 'Linea', servizio del Decs per il sostegno dei docenti in difficoltà e per la promozione del benessere. Il team è composto da sei persone, mediatori con lunga esperienza nell’ascolto e psicologi che potranno ascoltare e sostenere emotivamente gli studenti e le studentesse. A seconda del caso il team degli operatori potrà avvalersi della collaborazione delle altre cellule attive in questo momento, in particolare l’associazione ticinese degli psicologi.

 

© Regiopress, All rights reserved