ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Paradiso accoglie i suoi diciottenni

Il Municipio ha incontrato i quattro ragazzi e le tre ragazze che hanno raggiunto la maggiore età
Mendrisiotto
7 min

Mendrisio, il burraco sostiene il calcio femminile

La prima edizione del ‘Cartamante’ organizzato dal Lyons Club Monteceneri si è svolta a LaFilanda
Bellinzonese
14 min

Apre l’alambicco di Monte Carasso

Il locale sarà disponibile da lunedì 17 ottobre fino al 28 gennaio (eccetto durante le vacanze natalizie, dal 17 dicembre all’8 gennaio)
Luganese
16 min

Viganello, cerimonia di consegna del premio Americo Caratti

Nel giugno scorso Lorenzo Masiero e Alessandra Mocellin hanno conseguito la miglior licenza di scuola media
Bellinzonese
21 min

Bellinzona, corso di carboncino con Pro Senectute

Dal 4 ottobre al 20 dicembre, ogni martedì dalle 14 alle 16 al Centro diurno socioassistenziale ‘La Turrita’
Luganese
26 min

Lugano, cambia il direttore del Consorzio depurazione Acque

Francesco Poretti subentra a Laurent Kocher, giunto al beneficio della pensione dopo 21 anni di servizio
Luganese
36 min

Sorengo, conferenza con degustazione di prodotti fermentati

All’evento, promosso da Slow Food Ticino, è abbinata anche una degustazione. Le iscrizioni sono aperte
Locarnese
53 min

Ronco, passeggiata guidata gratuita

Consueto appuntamento con le uscite alla scoperta delle bellezze del nucleo collinare, mercoledì prossimo, dalle 14.30
Luganese
57 min

Caffè-quartiere a Breganzona e Molino Nuovo

Riprendono il 4 ottobre gli incontri dove i cittadini possono condividere informazioni, suggerimenti o iniziative sulla vita nel quartiere
Luganese
1 ora

Cassarate, un canyon per l’area giochi in via Pico

L’inaugurazione della rinnovata area è in programma sabato 8 ottobre. Durante la giornata musica e attività per i bambini
20.03.2020 - 15:14
Aggiornamento: 16:40

Coronavirus, l'aggiornamento: 834 casi in Ticino, 22 decessi

Il medico cantonale: 'Il picco è atteso fra due o tre settimane'. Cocchi: 'Over 65 vadano in letargo'. Segui la conferenza stampa in diretta sul sito de 'laRegione'

coronavirus-l-aggiornamento-834-casi-in-ticino-22-decessi

Gli aggiornamenti sul coronavirus in Ticino arrivano dal medico cantonale Giorgio Merlani: «Oggi abbiamo 834 casi confermati e 22 decessi. 169 sono le persone ricoverate, di queste 35 in terapia intensiva. Il picco è atteso fra due o tre settimane da ora. Il problema più grande con il quale siamo confrontati è la velocità di progressione dei contagi». E qui l'invito  accorato del medico cantonale a quanti stanno ancora sottovalutando la pericolosità del virus: "State a casa". Il virus - ha spiegato - ha bisogno di un corpo umano per spostarsi e riprodursi. "Più le persone si muovono e più la malattia si propaga". "Porteggendo voi stessi, proteggete gli altri", ha poi commentato.

"Se vuoi uscire ancora, devi stare a casa ora". Con questo slogan, il comandante della polizia cantonale Matteo Cocchi ha ribadito le regoli sociali da seguire in questo frangente molto particolare: "Seguite le indicazioni delle autorità, evitate le passeggiate. In poche parole seguite quello che da giorni vi diciamo", ha ricordato Cocchi che a una precisa domande su possibili misure coercitive, ha risposto: "Se dei comportamenti irresponsabili della popolazione continueranno, probabilmente porteranno a un giro ulteriore di vite da parte delle Autorità. Nel caso della possibilità di dare multe disciplinari, sarò io il primo a dare l'ordine di fare cassetta». Per Cocchi una misura come il coprifuoco per gli over 65 deciso dal Canton Uri «diverrebbe molto problematica da applicare per un cantone come il nostro» e aggiunge: «Persone anziane, dovete andare per un po' in letargo». 

In questo contesto di emergenza sanitaria, le voci che giungono dall'Italia e che parlano di un precetto d'obbligo per medici e infermieri attivi all'estero (soprattutto in Ticino) sono tutt'altro che rassicuranti secondo il medico cantonale, il quale ribadisce che si tratta «di uno scenario contemplato in crisi di grandi proporzioni come questa, scenario che si analizza e che si teme». In ogni caso la priorità, afferma Merlani, è garantire l'operatività del sistema sanitario «con o senza il personale frontaliere». Anche se, riconosce, una tale ipotesi «sarebbe un duro colpo».

Il picco di malati è atteso tra 2-3 settimane

Giorgio Merlani: "Quello che preoccupa è la velocità di progressione. Se i casi Covid-19 raddoppiano ogni tre giorni, avremo un problema grosso". Quanto affermato giovedì sera alla Rsi, durante la trasmissione 'Falò dai vertici dell'ospedale 'La Carità' di Locarno è confermato: "C'è ancora margine di manovra, ma la situazione sta diventando ogni giorno più difficile e chi sta al fronte lo vede chiaramente". Quanto alta e quanto pericolosa può diventare questa emergenza? "Questo lo decidiamo noi, ognuno di noi, con il proprio comportamento ed facile passare da un comportamento irresponsabile a uno criminale", ha aggiunto con preoccupazione il medico cantonale il quale ha anche fatto riferimento a risorse, comprese quelle umane, non infinite. "In questo momento ci sono famiglie con cari in ospedale che non possono vedere. È la combinazione più brutta che potesse accadere e che si possa vivere". "Devastante", l'ha definita Merlani. Attualmente è previsto un sostegno psicologico in primis verso i malati e i curanti. "Anche i familiari, nel limite del possibile, possono beneficiare di questo sostegno psicologico che rischia di venire meno se la situazione precipitasse ulteriormente"

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved