laRegione
Nuovo abbonamento
il-treno-batte-quasi-sempre-l-auto-ecco-quanto-si-risparmia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 ore

'Il Consiglio della magistratura non giochi a nascondino'

L'avvocato ed ex pp Luca Maghetti: i preavvisi non sono una decisione, d'accordo, ma il no all'accesso agli atti sì. Ed è inconcepibile in uno stato di diritto
Luganese
5 ore

Bedano, maxiprogetto e presunta truffa: 'Brama di denaro'

Il procuratore pubblico ha chiesto venti mesi di pena per il 44enne accusato di amministrazione infedele. La difesa chiede l'assoluzione.
Ticino
5 ore

Ghisletta: 'Direttive interne che limitano il telelavoro?'

Stando al deputato socialista vi sarebbero Divisioni, Sezioni e Uffici cantonali che rendono difficoltoso l'accesso al lavoro a distanza ai loro dipendenti
Ticino
6 ore

In carcere per presunti abusi su diverse dipendenti

Le manette sono scattate ai polsi del responsabile di due stazioni di servizio del Sottoceneri. Si indaga anche su un presunto tentato stupro
Mendrisiotto
7 ore

Direttive anticipate, se ne parla a Mendrisio

Senectute organizza un incontro che si terrà il prossimo 22 ottobre
Ticino
7 ore

'Sentiremo comunque i cinque pp, vogliamo fare chiarezza'

Così il presidente della commissione parlamentare 'Giustizia e diritti' dopo il no del Consiglio della magistratura all'accesso agli atti
Mendrisiotto
7 ore

Lavori in notturna a Mendrisio

Sarà interessata via Motta, dove è previsto l'allacciamento alle sottostrutture. Il cantiere è in programma lunedì e martedì prossimi
Mendrisiotto
7 ore

'IspiraTi'; per scoprire la formazione professionale

Tre giornate, rivolte soprattutto ai ragazzi di terza e quarta media, per conoscere il proprio percorso professionale
Locarnese
7 ore

Riazzino, 'Orizzonti filosofici' riparte

Dopo la pausa legata alla pandemia l'attività culturale riprende martedì con 'Aristotele e noi'
Ticino
7 ore

Presidenza Plr, è corsa tra Ferrara, Martinenghi e Speziali

Ufficializzati i candidati alla successione di Caprara. Il coordinatore della 'cerca' Farinelli: 'Tre profili diversi tra loro, volevamo dare scelta al congresso'
Bellinzonese
7 ore

Ffs, 'più lavoro a Castione a causa della manutenzione carente?'

Il consigliere nazionale Bruno Storni chiede lumi al Consiglio federale sul futuro stabilimento industriale
Gallery
Locarnese
7 ore

Minusio, vandali con la bomboletta spray all'opera

Imbrattate diverse strutture pubbliche, danni per migliaia di franchi, parte la denuncia. E l'autortà chiede la collaborazione dei cittadini
Bellinzonese
8 ore

Lo sfogo dell'imputata: 'Vi prego, credetemi, sono innocente'

Terminato il dibattimento in appello, la 41enne russa ha ribadito di non essere un'assassina. La sentenza verrà pronunciata settimana prossima
Mendrisiotto
8 ore

Finissage allo Spazio Lampo a Chiasso

Ultimi giorni per visitare la mostra personale dell'artista Erik Saglia 'Una tranquilla Apocalisse'
Luganese
8 ore

Dal Venezuela a Lugano corrono accuse di corruzione e riciclaggio

L'Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari ha avviato un'indagine nei confronti della Credinvest di Lugano, fra cui figura fra gli azionisti Alejandro Betancourt.
Ticino
8 ore

Negato l'accesso agli atti ai 5 procuratori 'bocciati'

La decisione sarebbe motivata con il fatto che il Consiglio della magistratura ha di fatto emesso un preavviso e non un giudizio definitivo
Luganese
9 ore

Dal maxiprogetto di Bedano al processo a Lugano: l'identikit

Che cosa prevedeva il mega centro polisportivo che avrebbe dovuto sorgere a Bedano, del quale l'imputato era uno dei principali promotori?
Luganese
9 ore

Lugano fra defibrillatori e risorse umane

Aperto un concorso quale responsabile del personale della Città e posati quattro salvavita nei quartieri di Gandria, Pazzallo, Ruvigliana e Centro.
Luganese
9 ore

Giocatori in erba fra cavalli, re e torri

Il torneo di scacchi è stato vinto da David Milutinovic di Lugano. Premi sono andati anche ad alunni di scuola elementare e d'asilo.
Luganese
9 ore

Sergio Vecchi, primo cittadino di Cadempino

Il Consiglio comunale ha anche approvato i consuntivi 2019 che hanno chiuso con un disavanzo di circa 10 milioni di franchi
Locarnese
9 ore

Centovallina, coincidenze a rischio

A causa di lavori lungo la linea, sono possibili ritardi dei treni locali e internazionali
gallery
Luganese
10 ore

Il senso di responsabilità dei diciottenni luganesi

Il Covid non ha annullato l'appuntamento che il Municipio di Lugano riserva per i giovani che arrivano alla maggiore età.
Bellinzonese
10 ore

Nei bar col Covid-19, focolaio nel Bellinzonese

Tutti gli otto contagiati hanno frequentato esercizi pubblici ed erano seduti allo stesso tavolo. In quarantena le persone a stretto contatto.
Ticino
10 ore

Allerta meteo di grado 4 da questa notte su tutto il Ticino

Sono previste piogge con accumuli fino a 150 - 250 mm, limite delle nevicate in discesa a 1800 metri e venti fino a 110 km/h in pianura
Ticino
09.03.2020 - 07:120

Il treno batte quasi sempre l'auto, ecco quanto si risparmia

In Lussemburgo trasporti gratuiti. In Ticino tanti sceglierebbero la ferrovia, se i biglietti fossero meno cari. Chi guadagna e chi perde su auto e treno

Il Lussemburgo ha fatto il grande passo: da qualche giorno, trasporti pubblici gratuiti per tutti. È il primo Paese al mondo a scegliere questa via verde per combattere i cambiamenti climatici. Per il governo di Xavier Bettel (che guida una coalizione formata da liberali, socialisti ed ecologisti) la svolta ecologista è “un'importante misura sociale”, che consentirà al 40% delle famiglie, che già usano i mezzi pubblici, di risparmiare 100 euro l’anno. La domanda legittima è chi paga direttamente ma anche indirettamente. La risposta è lo Stato. In ballo ci sono 41 milioni di euro l’anno, gli introiti della vendita di biglietti (l’8% dei 500 milioni di euro spesi ogni anno per far funzionare il sistema dei trasporti pubblici). È un passo praticabile anche in Svizzera, dove l’elevato costo di treni e bus è periodicamente messo in questione? Quanti sarebbero pronti a lasciare l’auto in garage e salire su treno e bus, se costassero meno? Quanto meno? Tra auto e treno, chi esce davvero vincente oggi a livello di prezzi?

Siamo andati a verificare, scoprendo che il trasporto pubblico é sempre economicamente vantaggioso per pendolari e viaggiatori assidui che hanno un abbonamento: in Ticino, il risparmio può arrivare a migliaia di franchi l’anno.

Questo emerge da una analisi dettagliata, una sorta di testa a testa tra auto e treno, fatta dell’esperto Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio. «La realtà talvolta differisce dalla percezione del singolo, che tendenzialmente non conosce o sottostima il costo della propria autovettura e sistematicamente ignora l’ampio spettro delle tariffe dei trasporti pubblici», spiega De Gottardi.

Nella sua analisi De Gottardi distingue tra traffico a lunga percorrenza con destinazioni al nord delle Alpi e traffico regionale e differenzia anche tra costi variabili (che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate) e costi fissi per l’auto (non dipendenti dall’uso del veicolo). «Il confronto di tariffe tra treno e automobile (pur considerando solo quelle variabili), mostra che il trasporto pubblico é sempre vantaggioso per chi si sposta giornalmente o comunque spesso ed ha un abbonamento», spiega l’esperto.

Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino che hanno un abbonamento Arcobaleno in tasca, la ferrovia batte l’auto, facendo risparmiare fino a 4mila franchi l’anno. Molti comuni offrono poi delle facilitazioni ai propri residenti che ne riducono il costo di un altro 20-30%. Facciamo un esempio. Un pendolare che ogni giorno fa Bellinzona-Mendrisio in 2classe sborsa 1’890 franchi, contro i 5’584 in auto, calcolando solo i costi variabili come carburante, servizi e riparazioni, senza conteggiare i costi di un eventuale posteggio al lavoro. Sulla stessa tratta, per chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici e fa capo alla carta giornaliera, la ferrovia batte le quattro ruote, se si ha l’abbonamento a metà prezzo: 16 franchi in treno, contro i 25 in auto.

«Per chi si sposta meno frequentemente in Ticino come verso mete d’oltralpe, l’arma vincente nel confronto dei costi è avere l’abbonamento a metà prezzo (185 franchi per adulti il primo anno e dal secondo 165 franchi, 120 per i giovani fino a 25 anni). In seconda classe permette un risparmio tra 30 e 130 franchi secondo le destinazioni fuori dal Ticino. Senza abbonamento, il biglietto a prezzo intero in 2classe é invece superiore all’auto». L’investimento per l’abbonamento a metà prezzo é conveniente «costa la metà o perfino un terzo della tassa annuale di circolazione o circa la metà del canone radiotelevisivo ed è presto ammortizzato».

Tariffe zero per bus e treni poco ipotizzabile in Ticino 

Prezzi a parte, in Ticino la discussione sui trasporti pubblici scivola spesso verso la richiesta di tariffe zero, come ha fatto il Lussemburgo. Poco ipotizzabile secondo De Gottardi: «È sostenibile per eventi specifici o periodi ben definiti a titolo promozionale. Diventa una proposta ingannevole se induce a credere che l’ostacolo all’uso dei trasporti pubblici sia essenzialmente il costo invece che le prestazioni e vengano così sottratte risorse per migliorare le prestazioni, che sono talvolta il vero problema da risolvere attraverso un loro potenziamento Peggio ancora se la tariffa zero porta a negligere il fatto che comunque anche il trasporto pubblico costa e, se non lo paga l’utente, dovrà farlo inevitabilmente il contribuente, che già oggi nel traffico regionale ne assume circa i due terzi», conclude.

Traffico regionale, i pendolari risparmiano fino a 4mila franchi

Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino con in tasca l’abbonamento annuale Arcobaleno, il confronto non lascia spazio a dubbi: il trasporto pubblico è nettamente più vantaggioso dell’auto, anche se si sceglie la 1classe. Il vantaggio aumenta in funzione della distanza percorsa: «Nell’esempio da Bellinzona, il risparmio in 2classe, si situa, secondo la destinazione, tra 1’500 e 4’400 franchi. In 1classe a partire da 3 zone, tra 500 e 3’200 franchi. Vanno aggiunti i risparmi del posteggio al lavoro (tra 500 e 1’000 franchi l’anno) e sconti fino al 30% per collaboratori di imprese che partecipano all’azione ‘abbonamento aziendale’», spiega De Gottardi. Chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici, di regola fa capo alla carta giornaliera. «Ipotizzando di partire da Mendrisio con l’abbonamento a metà prezzo, spostarsi coi trasporti pubblici è vantaggioso. Più il viaggio è lungo più il vantaggio è rilevante e può perfino dimezzare il costo rispetto all’automobile. Se si sceglie la 1classe l’auto è vincente sulle brevi distanze, pareggia i conti sulle medie, mentre la ferrovia prevale solo per i tragitti lunghi», conclude.


Traffico nazionale, più lontano vai, più puoi risparmiare

 Per trasferte più lunghe da Lugano o Locarno a Lucerna, Zurigo, Berna e Losanna, la ferrovia batte sempre le 4 ruote se consideriamo i costi totali (fissi e variabili). Se invece l’automobile è comunque a disposizione come elemento indispensabile dell’economia domestica, e di conseguenza consideriamo nel confronto i soli costi variabili, allora il quadro è più differenziato. «L’abbonamento a metà prezzo è l’elemento decisivo: in seconda classe permette un risparmio tra 30 e 130 franchi per tutte le destinazioni. Anche scegliendo la prima classe è vincente sulle città più distanti. Il costo del biglietto a prezzo intero in 2classe é invece superiore all’auto. Chi sceglie la ferrovia ha inoltre altre possibilità di risparmio se usa treni specifici, generalmente al di fuori delle ore di punta e acquista i biglietti online, che possono arrivare a sconti fino al 70%,. Parecchi comuni offrono inoltre ai propri domiciliati carte giornaliere per le trasferte nazionali al prezzo di 35-45 franchi», precisa De Gottardi. 

Ecco quanto spendiamo per l’auto tra costi fissi e variabili

I costi dell’automobile si distinguono in fissi (non dipendenti dall’uso del veicolo) e variabili che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate. Tra i primi: ammortamento, interessi sul capitale investito, imposta di circolazione, assicurazione responsabilità civile, assicurazione casco, parcheggi… I costi variabili comprendono invece svalutazione delveicolo, carburante, pneumatici, servizi e riparazioni. «Se prendiamo alcuni modelli con un prezzo di catalogo tra i 25’000 e i 45’000 franchi (con trazione a benzina, ibrida o diesel) e una percorrenza annuale di 15’000 km i costi totali si situano tra 60 e 80 centesimi, quelli variabili tra i 25 e i 35 cts/km. Per la nostra analisi usiamo (come proposto dal TCS per il 2020) un veicolo medio dal prezzo di acquisto di 35’000 franchi, un costo totale di 71 cts/km, di cui 27 cts/km variabili», spiega De Gottardi. Vale anche la pena chiedersi quanto costa la seconda automobile in famiglia. «Rinunciandovi, facilmente il risparmio si potrebbe situare tra i 7'000 e i 10'000 franchi all’anno».

 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved