il-treno-batte-quasi-sempre-l-auto-ecco-quanto-si-risparmia
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Polo sportivo, dalla Curva Nord intimidazioni ai contrari

Mentre a Lugano la politica si spacca e il Pse diventa il tema principale della campagna elettorale, sale alle stelle la tensione sui social
Locarnese
1 ora

Locarnese, nella marea delle richieste di aiuto

L’elenco dei sostegni elargiti come salvagenti nelle acque alte della pandemia è ampio, ma a lungo andare in molti rischiano di affondare
Locarnese
9 ore

‘Insicura’. ‘No, conforme’. La ciclopista è un saliscendi

Per la nuova corsia cantonale Mappo-Verbanella a Minusio il Municipio auspica da mesi ulteriori interventi del Cantone. Che però non ci sente
Ticino
10 ore

'Formazione teorica e gratuita per i detentori di cani'

Dopo la decisione del 2016 delle Camere federali ('un errore'), la maggioranza della Costituzione e leggi chiede al Consiglio di Stato di (re)introdurre in Ticino il corso
Luganese
10 ore

Fiamme all'esterno di un magazzino in via Stazione a Cadro

L'incendio è divampato oggi verso le 17. I pompieri di Lugano hanno domato il rogo prima si propagasse agli stabili adiacenti. I danni sarebbero contenuti
Ticino
10 ore

Vaccinazioni: Modello inglese? Non in Ticino

Il farmacista cantonale: ‘Non ci sono studi che dimostrano l'efficacia di questo schema’
Ticino
11 ore

Aiuti alla stampa, per il governo bastano quelli di Berna

Secondo il Consiglio di Stato la mozione Jelmini ‘per un’informazione a km 0’ sarebbe di fatto evasa. Delusa l’Associazione ticinese dei giornalisti
Bellinzonese
11 ore

Riapre i battenti, con Vicari, la Casa Rotonda di Corzoneso

Dal 6 marzo e fino al 13 giugno prolungata la mostra con immagini scattate dal celebre fotografo luganese
Ticino
11 ore

'L'Ufficio di statistica rimanga nel Dfe'. Ma il Ps non ci sta

La maggioranza della commissione respinge la proposta di Simona Arigoni Zürcher (Mps-Pop-Indipendenti). I socialisti annunciano un rapporto di minoranza
Mendrisiotto
11 ore

Palazzo Turconi ha fatto spazio alla biblioteca

Il servizio ha traslocato nell'edificio. A disposizione di un patrimonio di libri e documenti ci sono 1'800 metri quadri
Bellinzonese
11 ore

Bellinzona e progetto Chiè d’Lena: ‘Sia abbandonato’

Dal Consiglio comunale la voce critica di Luigi Calanca, che chiede lumi sul previsto investimento milionario e sull'utilizzo come scuola montana
Ticino
12 ore

Covid, ‘In Ticino scuola in presenza finché sarà possibile’

Nel frattempo alcune zone italiane confinanti con la Svizzera hanno reintrodotto la didattica a distanza a causa dell'aumento dei contagi
Luganese
12 ore

Caslano, nuova perizia psichiatrica sull'omicida

Secondo un nuovo referto il giovane che uccise sua nonna può beneficiare di una scemata imputabilità di grado medio. Il caso torna in Appello
Ticino
13 ore

‘Annunci su Airbnb solo con un numero identificativo’

Cambia la procedura per affittare online gli alloggi ad uso turistico. La commissione ‘Economia’ firma il rapporto di Pini (Plr): ‘Snella e digitale’
Luganese
13 ore

Campione d'Italia da domani zona arancione rafforzata

Le scuole saranno chiuse almeno fino al 10 marzo. Intanto nell'enclave è anche iniziata la vaccinazione
Luganese
13 ore

Monteceneri, la lista rossoverde è compatta

Obiettivo: confermare il seggio in Municipio e rafforzarsi a livello di Consiglio comunale in modo da proporsi come forza di cambiamento
Locarnese
13 ore

Giallo di Muralto, il processo dal 1° luglio

Previsti tre giorni di dibattimento a carico del germanico accusato dell'assassinio delle 22enne inglese all'albergo La Palma
Mendrisiotto
13 ore

A Monte migliorerà la qualità di vita degli anziani

Il Consiglio comunale di Castel San Pietro accoglie, ma con alcuni emendamenti, il progetto modello proposto dal Municipio
Luganese
13 ore

Restauro Cattedrale di Lugano, sorpasso di mezzo milione

La Commissione gestione e finanze del Gran Consiglio approva il sussidio supplementare. Rincaro per il nuovo museo, l'organo e indagini archeologiche
Mendrisiotto
14 ore

Il Museo dei fossili aumenta l'offerta per i giovani

In occasione della riapertura, presentati un libro per ragazzi e un nuovo articolo divulgativo
Luganese
14 ore

Rapina di Fornasette, arrestati due uomini

Sono sospettati di aver agito a mano armata. L'identikit coincide. Avviato lo scambio di informazioni con le forze dell'ordine ticinesi
Mendrisiotto
14 ore

Il terzo Càvea Festival non ci sarà

La terza edizione del Festival alle cave di Arzo è stata annullata per il perdurare della situazione di incertezza legata al Covid-19
Bellinzonese
15 ore

Concerti per la comunità e in memoria delle vittime di Covid

L'Associazione 753 ArteBellezza di Bellinzona propone un fitto programma all'insegna della cultura di prossimità e dell'inclusione
Bellinzonese
15 ore

Dibattito dei Verdi sul Quartiere Officine di Bellinzona

A confronto più visioni (da quella istituzionale a quella minimalista) su come sviluppare il vasto comparto
Ticino
09.03.2020 - 07:120

Il treno batte quasi sempre l'auto, ecco quanto si risparmia

In Lussemburgo trasporti gratuiti. In Ticino tanti sceglierebbero la ferrovia, se i biglietti fossero meno cari. Chi guadagna e chi perde su auto e treno

Il Lussemburgo ha fatto il grande passo: da qualche giorno, trasporti pubblici gratuiti per tutti. È il primo Paese al mondo a scegliere questa via verde per combattere i cambiamenti climatici. Per il governo di Xavier Bettel (che guida una coalizione formata da liberali, socialisti ed ecologisti) la svolta ecologista è “un'importante misura sociale”, che consentirà al 40% delle famiglie, che già usano i mezzi pubblici, di risparmiare 100 euro l’anno. La domanda legittima è chi paga direttamente ma anche indirettamente. La risposta è lo Stato. In ballo ci sono 41 milioni di euro l’anno, gli introiti della vendita di biglietti (l’8% dei 500 milioni di euro spesi ogni anno per far funzionare il sistema dei trasporti pubblici). È un passo praticabile anche in Svizzera, dove l’elevato costo di treni e bus è periodicamente messo in questione? Quanti sarebbero pronti a lasciare l’auto in garage e salire su treno e bus, se costassero meno? Quanto meno? Tra auto e treno, chi esce davvero vincente oggi a livello di prezzi?

Siamo andati a verificare, scoprendo che il trasporto pubblico é sempre economicamente vantaggioso per pendolari e viaggiatori assidui che hanno un abbonamento: in Ticino, il risparmio può arrivare a migliaia di franchi l’anno.

Questo emerge da una analisi dettagliata, una sorta di testa a testa tra auto e treno, fatta dell’esperto Riccardo De Gottardi, che per 30 anni si è occupato di pianificazione del territorio e della mobilità al Dipartimento del territorio. «La realtà talvolta differisce dalla percezione del singolo, che tendenzialmente non conosce o sottostima il costo della propria autovettura e sistematicamente ignora l’ampio spettro delle tariffe dei trasporti pubblici», spiega De Gottardi.

Nella sua analisi De Gottardi distingue tra traffico a lunga percorrenza con destinazioni al nord delle Alpi e traffico regionale e differenzia anche tra costi variabili (che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate) e costi fissi per l’auto (non dipendenti dall’uso del veicolo). «Il confronto di tariffe tra treno e automobile (pur considerando solo quelle variabili), mostra che il trasporto pubblico é sempre vantaggioso per chi si sposta giornalmente o comunque spesso ed ha un abbonamento», spiega l’esperto.

Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino che hanno un abbonamento Arcobaleno in tasca, la ferrovia batte l’auto, facendo risparmiare fino a 4mila franchi l’anno. Molti comuni offrono poi delle facilitazioni ai propri residenti che ne riducono il costo di un altro 20-30%. Facciamo un esempio. Un pendolare che ogni giorno fa Bellinzona-Mendrisio in 2classe sborsa 1’890 franchi, contro i 5’584 in auto, calcolando solo i costi variabili come carburante, servizi e riparazioni, senza conteggiare i costi di un eventuale posteggio al lavoro. Sulla stessa tratta, per chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici e fa capo alla carta giornaliera, la ferrovia batte le quattro ruote, se si ha l’abbonamento a metà prezzo: 16 franchi in treno, contro i 25 in auto.

«Per chi si sposta meno frequentemente in Ticino come verso mete d’oltralpe, l’arma vincente nel confronto dei costi è avere l’abbonamento a metà prezzo (185 franchi per adulti il primo anno e dal secondo 165 franchi, 120 per i giovani fino a 25 anni). In seconda classe permette un risparmio tra 30 e 130 franchi secondo le destinazioni fuori dal Ticino. Senza abbonamento, il biglietto a prezzo intero in 2classe é invece superiore all’auto». L’investimento per l’abbonamento a metà prezzo é conveniente «costa la metà o perfino un terzo della tassa annuale di circolazione o circa la metà del canone radiotelevisivo ed è presto ammortizzato».

Tariffe zero per bus e treni poco ipotizzabile in Ticino 

Prezzi a parte, in Ticino la discussione sui trasporti pubblici scivola spesso verso la richiesta di tariffe zero, come ha fatto il Lussemburgo. Poco ipotizzabile secondo De Gottardi: «È sostenibile per eventi specifici o periodi ben definiti a titolo promozionale. Diventa una proposta ingannevole se induce a credere che l’ostacolo all’uso dei trasporti pubblici sia essenzialmente il costo invece che le prestazioni e vengano così sottratte risorse per migliorare le prestazioni, che sono talvolta il vero problema da risolvere attraverso un loro potenziamento Peggio ancora se la tariffa zero porta a negligere il fatto che comunque anche il trasporto pubblico costa e, se non lo paga l’utente, dovrà farlo inevitabilmente il contribuente, che già oggi nel traffico regionale ne assume circa i due terzi», conclude.

Traffico regionale, i pendolari risparmiano fino a 4mila franchi

Per i pendolari del lavoro e della formazione in Ticino con in tasca l’abbonamento annuale Arcobaleno, il confronto non lascia spazio a dubbi: il trasporto pubblico è nettamente più vantaggioso dell’auto, anche se si sceglie la 1classe. Il vantaggio aumenta in funzione della distanza percorsa: «Nell’esempio da Bellinzona, il risparmio in 2classe, si situa, secondo la destinazione, tra 1’500 e 4’400 franchi. In 1classe a partire da 3 zone, tra 500 e 3’200 franchi. Vanno aggiunti i risparmi del posteggio al lavoro (tra 500 e 1’000 franchi l’anno) e sconti fino al 30% per collaboratori di imprese che partecipano all’azione ‘abbonamento aziendale’», spiega De Gottardi. Chi usa meno frequentemente i mezzi pubblici, di regola fa capo alla carta giornaliera. «Ipotizzando di partire da Mendrisio con l’abbonamento a metà prezzo, spostarsi coi trasporti pubblici è vantaggioso. Più il viaggio è lungo più il vantaggio è rilevante e può perfino dimezzare il costo rispetto all’automobile. Se si sceglie la 1classe l’auto è vincente sulle brevi distanze, pareggia i conti sulle medie, mentre la ferrovia prevale solo per i tragitti lunghi», conclude.


Traffico nazionale, più lontano vai, più puoi risparmiare

 Per trasferte più lunghe da Lugano o Locarno a Lucerna, Zurigo, Berna e Losanna, la ferrovia batte sempre le 4 ruote se consideriamo i costi totali (fissi e variabili). Se invece l’automobile è comunque a disposizione come elemento indispensabile dell’economia domestica, e di conseguenza consideriamo nel confronto i soli costi variabili, allora il quadro è più differenziato. «L’abbonamento a metà prezzo è l’elemento decisivo: in seconda classe permette un risparmio tra 30 e 130 franchi per tutte le destinazioni. Anche scegliendo la prima classe è vincente sulle città più distanti. Il costo del biglietto a prezzo intero in 2classe é invece superiore all’auto. Chi sceglie la ferrovia ha inoltre altre possibilità di risparmio se usa treni specifici, generalmente al di fuori delle ore di punta e acquista i biglietti online, che possono arrivare a sconti fino al 70%,. Parecchi comuni offrono inoltre ai propri domiciliati carte giornaliere per le trasferte nazionali al prezzo di 35-45 franchi», precisa De Gottardi. 

Ecco quanto spendiamo per l’auto tra costi fissi e variabili

I costi dell’automobile si distinguono in fissi (non dipendenti dall’uso del veicolo) e variabili che aumentano in funzione delle percorrenze effettuate. Tra i primi: ammortamento, interessi sul capitale investito, imposta di circolazione, assicurazione responsabilità civile, assicurazione casco, parcheggi… I costi variabili comprendono invece svalutazione delveicolo, carburante, pneumatici, servizi e riparazioni. «Se prendiamo alcuni modelli con un prezzo di catalogo tra i 25’000 e i 45’000 franchi (con trazione a benzina, ibrida o diesel) e una percorrenza annuale di 15’000 km i costi totali si situano tra 60 e 80 centesimi, quelli variabili tra i 25 e i 35 cts/km. Per la nostra analisi usiamo (come proposto dal TCS per il 2020) un veicolo medio dal prezzo di acquisto di 35’000 franchi, un costo totale di 71 cts/km, di cui 27 cts/km variabili», spiega De Gottardi. Vale anche la pena chiedersi quanto costa la seconda automobile in famiglia. «Rinunciandovi, facilmente il risparmio si potrebbe situare tra i 7'000 e i 10'000 franchi all’anno».

 

Guarda le 4 immagini
© Regiopress, All rights reserved