aiti-consigliato-un-piano-pandemico-per-il-coronavirus
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, il Palio lancia l’appello: ‘mancano asinelli’

Quest’anno la manifestazione compie 40 anni ma ‘non si trovano esemplari con le caratteristiche giuste per partecipare’. A settembre un evento speciale
Mendrisiotto
4 ore

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
4 ore

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
11 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
12 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
13 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
13 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
Ticino
14 ore

‘La pianificazione ospedaliera non dipende dalla pandemia’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa conferma il ruolino di marcia: entro la fine dell’estate arriverà il messaggio e per il 2023 i mandati
Ticino
14 ore

‘Carcere, nell’autunno 2023 l’apertura della sezione femminile’

Così Norman Gobbi in Gran Consiglio. Undici celle, di cui una per detenuta con bambino, per le donne in espiazione di pena o in esecuzione anticipata
Luganese
14 ore

Agno-Magliaso, nuotata popolare nella Festa nazionale

I due Comuni ripongono la traversata del golfo che diventa pure benefico con la collaborazione con Greenhope
Luganese
14 ore

Giovani indipendenti, ‘un contributo per tenerli a Lugano’

Il consigliere comunale leghista, Andrea Sanvido, propone in un’interrogazione versamenti di 2500 franchi una tantum
Ticino
14 ore

La lunga marcia dei senzapartito (soprattutto a destra)

Lo studio dell’Osservatorio della vita politica regionale riflette sul numero crescente di astenuti e schede senza intestazione
Mendrisiotto
14 ore

Custode cercasi per lo stand della Rovagina

Pubblicato un bando di concorso con l’obiettivo di assegnare l’incarico a partire da marzo
Mendrisiotto
15 ore

Luci sopra Meride e Tremona, ‘è il mio omaggio alle lucciole’

L’istallazione luminosa è opera dell’artista Lothar Drack e sarà visibile fino a fine febbraio. È stata realizzato con pannelli solari.
Bellinzonese
15 ore

Bodio, la tragedia della Nitrum in mostra fino al 5 febbraio

Il Municipio ha deciso di prolungarne l’apertura. La mostra si tiene nella sala multiuso comunale.
Bellinzonese
15 ore

Parcheggi a Bellinzona: ‘Nuova ordinanza complica e non agevola’

Il consigliere comunale Luca Madonna critica l’aggiornamento della tassa annua per i domiciliati che richiedono un permesso per disporre di un parcheggio
Mendrisiotto
15 ore

Capire la famiglia grazie al cinema

A Vacallo torna la rassegna cinematografica #CineWoMen dopo il successo della prima stagione
28.02.2020 - 18:300
Aggiornamento : 22:51

Aiti: 'consigliato un piano pandemico per il coronavirus'

Elaborato un documento indirizzato ai datori di lavori. L'Ocst chiede invece alla Seco di adottare misure straordinarie per le ditte ticinesi

a cura de laRegione

Dopo l'informazione trasmessa dal Consiglio di Stato, a seguito delle numerose richieste ricevute anche l'associazione Industrie ticinesi (Aiti) ha allestito un documento indirizzato ai datori di lavori, che verrà aggiornato in base all'evolversi della situazione relativa al coronavirus. "È immaginabile che nel caso in cui in azienda uno o più collaboratori risultassero positivi al coronavirus, bisognerà informare prontamente il medico curante rispettivamente la guardia medica all’estero, ma anche l’ufficio del medico cantonale. Sulla base dei controlli sanitari che saranno effettuati – si legge ancora nel comunicato – l’autorità competente prenderà le decisioni necessarie". 

Conseguenze in caso di pandemia

"Se si verificasse una grave pandemia influenzale, che colpisse fino al 25% della popolazione, non sarebbe priva di conseguenze per l'economia. Laddove i processi aziendali fossero fortemente perturbati, i datori di lavoro dovrebbero concentrarsi sulla garanzia delle funzioni fondamentali della loro azienda e, ad esempio, determinare quali prodotti potrebbero essere temporaneamente eliminati. In caso di una grave carenza di personale, dovrebbero essere definite anche le funzioni chiave e i sostituti indispensabili per le operazioni. In una fase iniziale dovrebbero essere prese in considerazione anche istruzioni di più ampia portata sul lavoro da casa o sullo spostamento delle riunioni personali in videoconferenze o conferenze telefoniche". 

Priorità attuale: ridurre al minimo il rischio di infezione sul posto di lavoro

Aiti sottolinea come la priorità attuale sia quella di ridurre al minimo il rischio di infezione sul posto di lavoro. "Per proteggere la salute dei suoi collaboratori, il datore di lavoro in Svizzera è tenuto ad adottare tutte le misure adeguate nell'ambiente di lavoro. Per adempiere a questo obbligo di diligenza, il datore di lavoro ha – a seconda della situazione – un diritto molto ampio di impartire istruzioni. Per l'esercizio responsabile di questo dovere di diligenza è necessaria una grande sensibilità, poiché occorre trovare un equilibrio tra il dovere di diligenza e la continuazione indisturbata dell'attività". 

Aiti ricorda di fare riferimento al manuale pandemico della Confederazione per l’implementazione in azienda delle misure organizzative, interne e di comunicazione.

Disposizioni 

Nel documento Aiti fornisce tutta una seria di risposte e indicazioni a situazioni in cui potrebbero trovarsi i datori di lavoro. Ne riportiamo alcune. 

  • se un dipendente non viene al lavoro per paura di essere contagiato, in mancanza di indicazioni da parte delle autorità il suo rifiuto di lavorare è infondato. l datore di lavoro non è tenuto a continuare a versare il salario e se il collaboratore persiste nel rifiuto di recarsi al lavoro può licenziarlo con effetto immediato
  • vista la situazione attuale, Aiti consiglia alla ditte di allestire un piano pandemico aziendale 
  • in caso di pandemia posso pianificare le vacanze aziendali per far fronte alle assenze dei miei lavoratori? In linea di massima no, anche se la legge prevede che le date delle vacanze aziendali siano stabilite dal datore di lavoro. Egli deve tuttavia consultare i suoi lavoratori e tenere conto dei loro desideri. 
  • quali sono le conseguenze per il versamento del salario se la mia azienda viene chiusa su ordine di un’autorità? Siccome l’azienda assume i rischi inerenti all’esercizio e all’economia, il lavoratore ha il diritto di ricevere il salario anche se ciò rappresenta un onere notevole per il datore di lavoro. A causa dell’obbligo di fedeltà, tuttavia, il lavoratore può essere tenuto a recuperare, in determinate situazioni, le ore di lavoro “mancate”. 
  • Quali sono le conseguenze per il versamento del salario se la mia azienda viene chiusa su ordine di un’autorità? Siccome l’azienda assume i rischi inerenti all’esercizio e all’economia, il lavoratore ha il diritto di ricevere il salario anche se ciò rappresenta un onere notevole per il datore di lavoro. A causa dell’obbligo di fedeltà, tuttavia, il lavoratore può essere tenuto a recuperare, in determinate situazioni, le ore di lavoro “mancate”. In questo caso si può far capo alle indennità per lavoro ridotto. 

L'Ocst scrive alla Seco: 'Lavoro ridotto unica soluzione per sostenere le aziende ticinesi'

Sempre sul fronte dell'economia, con una lettera inviata alla Segreteria di Stato dell'economia (Seco), il sindacato Ocst espone la preoccupazione che la situazione relativa al virus porti alla crisi di molte aziende ticinesi e a un importante aumento della disoccupazione. A tal proposito, il sindacato "ritiene che lo strumento del lavoro ridotto sia il solo in grado di sostenere le imprese in questo difficile momento", e chiede "che il Consiglio federale adotti le misure straordinarie previste dall’Ordinanza sull’Assicurazione disoccupazione. La situazione – continua l'Ocst – sta evolvendo velocemente e in maniera imprevedibile. Chiediamo per questo che le aziende possano far capo a questo strumento usufruendo di un termine di preannuncio di soli 3 giorni (art. 58 OADI), e non 10 come oggi, e che possano usufruire del lavoro ridotto fino a 6 mesi, qualora la situazione non dovesse evolvere al meglio". 

'Lavoro ridotto anche per il settore turistico'

Il sindacato evidenzia le conseguenze, ancor più marcate, per il settore turistico ticinese. "Parecchi hotel stanno ricevendo tantissime disdette relative a riservazioni effettuate dai clienti. Chiediamo per questo che le aziende legate al turismo possano usufruire del lavoro ridotto In un momento così straordinario, le perdite possono essere davvero ingenti. Per questo riteniamo necessario inoltre che vengano ridotti i giorni di attesa mensili da 2 a 1 (art. 50 OADI)". 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved