contratto-di-lavoro-vendita-e-orari-unia-andra-in-tribunale
Aperture prolungate dal 1° gennaio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Il cinema di Pieraccioni sotto le stelle di Dalpe

Giovedì 11 agosto alle 21.15 nei prati allo scilift Bedrina verrà proiettato il nuovo film del regista italiano. Entrata libera
Mendrisiotto
2 ore

Chiasso, torna in settembre Penz...iamo

Alla tradizionale corsa podistica di 10 chilometri, si aggiunge un percorso di due miglia per chi vuole divertirsi senza l’assillo della competizione.
Locarnese
2 ore

Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali

Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Bellinzonese
2 ore

Alla scoperta della villa di Mèdra tra natura e cultura

L’omonima associazione domenica 21 agosto organizza una visita guidata per conoscere la storia e gli aspetti naturalistici del territorio
Bellinzonese
3 ore

Carì, serata jazz a 2’000 metri

Sabato 13 agosto a partire dalle 17 il clarinettista Marco Santilli si esibirà in un trio ad-hoc sulla terrazza dell’osteria Belvedere
Luganese
3 ore

Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia

Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
5 ore

Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova

Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
Bellinzonese
8 ore

I turisti incolonnati tolgono segnale ai cellulari sui monti

Il problema si è acuito quest’estate. Swisscom evidenzia la grande difficoltà nel realizzare nuove antenne a causa delle contestazioni
Ticino
8 ore

Pensioni statali, c’è chi chiede di fare retromarcia

Mozione dell’Mps: ‘Assurdo affidare la cassa al mercato azionario, si torni almeno alla proposta iniziale del governo’. La Lega: ‘Sarà referendum’.
Ticino
8 ore

Il Plr: ‘Un Piano d’azione per razionalizzare la luce pubblica’

Illuminazione e lotta agli sprechi, con una mozione Michela Ris chiede al Cantone di fare la sua parte. Nostra panoramica nei Comuni, che fanno già molto
09.01.2020 - 06:10

Contratto di lavoro vendita e orari, Unia andrà in tribunale

I legali del sindacato stanno preparando il ricorso che verrà presentato nei prossimi giorni. Si contesta la procedura adottata dal Consiglio di Stato

La lunga diatriba tra sindacato Unia e Divisione dell’economia del Dfe sull’accesso agli atti che hanno portato alla decisione di dare l’obbligatorietà generale al Contratto collettivo di lavoro per il commercio al dettaglio, sfocerà certamente davanti al Tribunale federale. «I legali di fiducia del nostro sindacato stanno lavorando al ricorso», afferma Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia, da noi contattato.

Ricordiamo che i termini di ricorso sono di trenta giorni a partire dalla data di pubblicazione sul Bollettino ufficiale delle leggi avvenuta lo scorso 13 dicembre. A questi bisogna aggiungere le ferie giudiziarie (tra il 18 dicembre e il 2 di gennaio) che prolungano il termine di altri 15 giorni. Un eventuale ricorso non sospenderà comunque né l’entrata in vigore della legge, né del Ccl.

«Prima della fine del mese di gennaio renderemo noto pubblicamente cosa contestiamo al Consiglio di Stato», precisa ancora Gargantini, il quale lo scorso 20 dicembre si diceva ancora possibilista su un esito non giudiziario. «Una volta verificata la bontà della procedura (raccolta delle firme da parte dei datori di lavoro e correttezza del numero dei negozi) non faremo certamente ricorso», aveva spiegato. Ma non è ancora stato il caso. L’accesso agli atti non c’è stato nei termini richiesti da Unia. Da qui l’avvio della pratica per contestare il Decreto di obbligatorietà generale al Ccl per il commercio al dettaglio è legato a doppio filo alla Legge sull’apertura dei negozi che dallo scorso primo gennaio permette mezz’ora in più di vendita (fino alle 19 in settimana e alle 18.30 il sabato). Per i piccoli negozi situati nelle zone turistiche e di confine teoricamente e a determinate condizioni è possibile tenere aperto fino alle 22.30.

Opposizione respinta in ottobre

Il Consiglio di Stato aveva già rigettato lo scorso 16 ottobre un’opposizione di Unia maturata durante la pubblicazione della domanda di conferimento dell’obbligatorietà generale al Ccl per il commercio al dettaglio, negando al sindacato di essere parte in causa. In sostanza, Unia che non è firmatario del Ccl, contestava la ‘procedura segreta’ con la quale l’autorità si accingeva a dare l’obbligatorietà generale a tale contratto. In particolare si contestava il raggiungimento dei tre quorum (due vincolanti) previsti dalla legge: maggioranza (oltre il 50%) dei datori di lavoro; i lavoratori vincolati dal Ccl devono essere la maggioranza e, infine, i datori di lavoro vincolati devono impiegare oltre la metà dei lavoratori che risulteranno assoggettati al Ccl dopo l’obbligatorietà generale. Per il Consiglio di Stato le osservazioni prodotte da Disti e Federcommercio, inoltrate a Unia lo scorso 22 luglio, contengono tutte le informazioni richieste.

Come sia stato possibile raggiungere contemporaneamente questi tre quorum per Unia resta un mistero visto che – spiega Gargantini – «sono stati conteggiati soltanto 979 datori di lavoro nel ramo del commercio al dettaglio, quando tutte le altre statistiche presentano cifre molto superiori».

Alla seconda pubblicazione sul Foglio ufficiale in dicembre del decreto, Unia è tornato alla carica chiedendo ancora una volta l’accesso a questa documentazione proprio per inoltrare un’opposizione argomentata. «E se per ottenerla dovremo rivolgerci al Tribunale federale, lo faremo», aveva affermato a suo tempo Giangiorgio Gargantini.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved