Lazio
0
Atalanta
0
fine
(0-0)
Zugo
8
Langnau
2
fine
(3-0 : 1-2 : 4-0)
Ambrì
3
Davos
2
fine
(2-1 : 0-1 : 1-0)
Friborgo
3
Lakers
2
fine
(0-1 : 2-0 : 0-1 : 1-0)
Ginevra
3
Bienne
2
fine
(1-0 : 0-2 : 1-0 : 1-0)
Lugano
3
Berna
2
fine
(0-1 : 1-1 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
Kloten
7
Sierre
0
fine
(1-0 : 4-0 : 2-0)
BOS Bruins
3
WIN Jets
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
contratto-di-lavoro-vendita-e-orari-unia-andra-in-tribunale
Aperture prolungate dal 1° gennaio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
17 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
17 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
1 gior

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 gior

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 gior

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
1 gior

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
1 gior

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
09.01.2020 - 06:100

Contratto di lavoro vendita e orari, Unia andrà in tribunale

I legali del sindacato stanno preparando il ricorso che verrà presentato nei prossimi giorni. Si contesta la procedura adottata dal Consiglio di Stato

La lunga diatriba tra sindacato Unia e Divisione dell’economia del Dfe sull’accesso agli atti che hanno portato alla decisione di dare l’obbligatorietà generale al Contratto collettivo di lavoro per il commercio al dettaglio, sfocerà certamente davanti al Tribunale federale. «I legali di fiducia del nostro sindacato stanno lavorando al ricorso», afferma Giangiorgio Gargantini, segretario regionale di Unia, da noi contattato.

Ricordiamo che i termini di ricorso sono di trenta giorni a partire dalla data di pubblicazione sul Bollettino ufficiale delle leggi avvenuta lo scorso 13 dicembre. A questi bisogna aggiungere le ferie giudiziarie (tra il 18 dicembre e il 2 di gennaio) che prolungano il termine di altri 15 giorni. Un eventuale ricorso non sospenderà comunque né l’entrata in vigore della legge, né del Ccl.

«Prima della fine del mese di gennaio renderemo noto pubblicamente cosa contestiamo al Consiglio di Stato», precisa ancora Gargantini, il quale lo scorso 20 dicembre si diceva ancora possibilista su un esito non giudiziario. «Una volta verificata la bontà della procedura (raccolta delle firme da parte dei datori di lavoro e correttezza del numero dei negozi) non faremo certamente ricorso», aveva spiegato. Ma non è ancora stato il caso. L’accesso agli atti non c’è stato nei termini richiesti da Unia. Da qui l’avvio della pratica per contestare il Decreto di obbligatorietà generale al Ccl per il commercio al dettaglio è legato a doppio filo alla Legge sull’apertura dei negozi che dallo scorso primo gennaio permette mezz’ora in più di vendita (fino alle 19 in settimana e alle 18.30 il sabato). Per i piccoli negozi situati nelle zone turistiche e di confine teoricamente e a determinate condizioni è possibile tenere aperto fino alle 22.30.

Opposizione respinta in ottobre

Il Consiglio di Stato aveva già rigettato lo scorso 16 ottobre un’opposizione di Unia maturata durante la pubblicazione della domanda di conferimento dell’obbligatorietà generale al Ccl per il commercio al dettaglio, negando al sindacato di essere parte in causa. In sostanza, Unia che non è firmatario del Ccl, contestava la ‘procedura segreta’ con la quale l’autorità si accingeva a dare l’obbligatorietà generale a tale contratto. In particolare si contestava il raggiungimento dei tre quorum (due vincolanti) previsti dalla legge: maggioranza (oltre il 50%) dei datori di lavoro; i lavoratori vincolati dal Ccl devono essere la maggioranza e, infine, i datori di lavoro vincolati devono impiegare oltre la metà dei lavoratori che risulteranno assoggettati al Ccl dopo l’obbligatorietà generale. Per il Consiglio di Stato le osservazioni prodotte da Disti e Federcommercio, inoltrate a Unia lo scorso 22 luglio, contengono tutte le informazioni richieste.

Come sia stato possibile raggiungere contemporaneamente questi tre quorum per Unia resta un mistero visto che – spiega Gargantini – «sono stati conteggiati soltanto 979 datori di lavoro nel ramo del commercio al dettaglio, quando tutte le altre statistiche presentano cifre molto superiori».

Alla seconda pubblicazione sul Foglio ufficiale in dicembre del decreto, Unia è tornato alla carica chiedendo ancora una volta l’accesso a questa documentazione proprio per inoltrare un’opposizione argomentata. «E se per ottenerla dovremo rivolgerci al Tribunale federale, lo faremo», aveva affermato a suo tempo Giangiorgio Gargantini.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved