laRegione
quel-che-c-e-da-sapere-sul-5g-e-perche-oggi-cambia-poco
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Porto Letizia a Porlezza, un doppio flop le aste

Confermati i dubbi della vigilia: il vincolo turistico smorza l'entusiasmo dei potenziali acquirenti degli appartamenti
Luganese
8 ore

Manor aumenta la sicurezza, ma per il Black Friday

Fabian Hilbrand (responsabile della comunicazione) riferendosi all'accoltellamento avvenuto a Lugano: ‘Un caso assolutamente eccezionale’
Luganese
8 ore

Covid-19, sospesi gli incontri del Caffé-Brega

Le nuove direttive emanate dal governo cantonale per evitare la diffusione del virus impongono l'interruzione dell'iniziativa
Luganese
8 ore

Lugano, quale impatto di autodenunce e sopravvenienze?

Interrogazione Plr, con la prudenza necessaria, chiede di valutare meglio quanto potrebbe arrivare nell'erario dalle imposte suppletorie
Luganese
8 ore

Jihad o follia? Il confine è labile, la minaccia da soppesare

Uno studioso del radicalismo islamico 'legge' l'attacco di Lugano e lo inserisce nel contesto europeo, per capire rischi e limiti del terrorismo in Europa
Luganese
9 ore

Caso Chiappini, Curia e facoltà non parlano

Senza risposte gli interrogativi posti dal fermo del sacerdote indagato per sequestro di persona. La Facoltà di teologia sospende le sue lezioni
Grigioni
9 ore

Altra forma di violenza: lettere anonime alla sindaca Noi-Togni

Nicoletta Noi-Togni condanna gli attacchi fatti sulla sua età: 'Criticare qualcuno su un argomento incontestabile la considero una forma di violenza'
Luganese
9 ore

Accoltellamento alla Manor, l'Udc: 'Sessione straordinaria'

Il partito vuole revocare il passaporto a chi ha doppia nazionalità ed è sospettato di jihadismo. Gobbi chiede più strumenti legislativi nella prevenzione
Luganese
10 ore

Mulino di Maroggia, il titolare vuole ricostruire

A due giorni dal rogo che ha cancellato la struttura, Alessandro Fontana pensa al rilancio di quello che era un faro per tutta la comunità
Grigioni
10 ore

Grono, un successo la vendita benefica di abiti usati

16mila i franchi raccolti, devoluti in parti uguali a favore della biblioteca comunale e del Fondo Borse di studio per ragazze e donne in difficoltà di Soroptmist
Bellinzonese
11 ore

'Chiudere al traffico le strade di accesso all'asilo di Gnosca'

È la proposta dei Verdi, che sollevano una "situazione di disagio" dovuta al fatto che alcuni genitori "portano i figli in auto fino davanti alla scuola dell'infanzia"
Luganese
11 ore

Accoltellamento alla Manor, Ongaro: 'L'ho vista crescere'

Esprime sorpresa il sindaco di Vezia sulla 28enne fermata ieri a causa del grave fatto di sangue avvenuto a Lugano; 'I genitori hanno fatto di tutto per lei'
Bellinzonese
12 ore

Cinema Leventina, divertimento e cultura da tre decenni

Il prossimo 6 dicembre si celebra il 30esimo anniversario. Per l'occasione, sabato 5 compreso, le entrate in sala saranno gratuite
Mendrisiotto
12 ore

Castello, una seconda vita per lo stabile ex Diantus

Il Consiglio comunale ha dato luce verde all'acquisto dell'edificio: approvato un credito da oltre 2,2 milioni di franchi
Ticino
13 ore

Coronavirus in Ticino, misure in vigore fino al 18 dicembre

Il Consiglio di Stato ha deciso di prolungare le misure. Aumentato il numero dei letti e potenziato il prestito di personale medico in caso di necessità
Ticino
13 ore

Innovazione, il Ticino entra nella rete svizzera

La candidatura fatta nell’estate del 2019 è stata accolta dal consiglio di fondazione di Switzerland Innovation
Mendrisiotto
13 ore

Monete, medaglie e banconote in convegno a Chiasso

L'evento, promosso dal Centro culturale, potrà essere seguito a distanza grazie al canale Youtube del m.a.x museo
Mendrisiotto
13 ore

Morbio Inferiore, arriva la tassa base per l'acqua potabile

Il Municipio propone lo scioglimento dell'Azienda acqua potabile e un nuovo regolamento comunale per la fornitura dell'acqua. Parola al Consiglio comunale
Mendrisiotto
13 ore

Anziani soli, Vacallo riattiva il gruppo di volontari

Attivi per avere informazioni sulla stato di salute, capire eventuali necessità e per alleviare un po' la solitudine
L'APPROFONDIMENTO
02.07.2019 - 07:390
Aggiornamento : 09:42

Quel che c'è da sapere sul 5G e perché (oggi) cambia poco

Il tema è complesso e dibattuto. Notizie vere si mescolano a mezze verità e bufale. Ecco una serie di risposte per iniziare a farsi un'idea

Cos’è il 5G?

Il 5G è uno standard per la comunicazione mobile. Il suo scopo è aumentare la velocità di comunicazione e diminuire i tempi di risposta.

Cosa non è il 5G?

Il 5G non è “onde millimetriche”. Lo standard è sì pensato per essere impiegato anche nello spettro citato, ma attualmente in Svizzera può essere installato solo su frequenze analoghe a quelle già utilizzate per la telefonia mobile.

Cosa sono le onde millimetriche?

Sono onde con frequenza dai 24 GHz in poi. Il loro effetto sulla biologia umana è tuttora poco studiato.

Il 5G impiega onde millimetriche?

In Svizzera no, il suo uso per la telefonia è vietato: la concessione attuale non ne prevede l’impiego e l’attribuzione di queste frequenze (dai 24 GHz in su) dovrebbe comunque passare da un nuovo iter di assegnazione, per ora non previsto. È corretto invece dire che la rete 5G è pensata per essere completata con microantenne posizionate in luoghi strategici per garantire maggiore velocità di connessione. Queste userebbero lo spettro dai 24 GHz in su. Dell’impiego eventuale di queste frequenze a livello internazionale si discuterà a novembre alla World Radiocommunication Conference di Sharm el-Sheikh.

Servono nuove antenne?

L’Associazione svizzera delle telecomunicazioni stima che dovranno essere posate altre 15mila antenne oltre alle 18’500 già in funzione.

Perché servono altre antenne?

Nei centri città la capacità di emissione è già sfruttata al 90%. Per creare nuovo “spazio” bisogna innalzare i limiti o posare altre antenne.

Più antenne significa più radiazioni?

Sì e no. Spesso è vero il contrario: con più antenne, ogni singola antenna irradia meno.

Abbiamo bisogno del 5G?

Oggi no. Per l’uso che viene fatto attualmente dei dispositivi mobili non è generalmente necessaria maggiore velocità di navigazione. Per consultare i social network, scrivere messaggi e vedere dei video basta il 4G. Va considerato però che il volume di dati via rete mobile raddoppia ogni anno, con la costante richiesta di maggiore banda. In questo senso il 5G garantisce i giusti margini di “espansione”. Il 5G sarà invece indispensabile per applicazioni in cui il tempo di risposta è critico, come le auto a guida autonoma.

L’irraggiamento maggiore proviene dalle antenne?

No. Il 90% delle radiazioni “subite” da un individuo è generato da apparecchi personali come telefonini, tablet o dalla rete WiFi casalinga. L’intensità di un campo elettromagnetico diminuisce con la distanza, per cui un oggetto molto vicino (come il telefono) sottopone l’individuo a un campo elettromagnetico maggiore rispetto ad un’antenna a una certa distanza.

Il 5G è pericoloso?

Intanto bisogna capire di quali frequenze si sta parlando. Attualmente in Svizzera le uniche autorizzate per il 5G sono del tutto analoghe a quelle impiegate per il 4G e per il WiFi. L’Oms ha classificato il campo elettromagnetico delle radiofrequenze come “possibilmente cancerogeno” (gruppo 2B), assieme a piombo, cobalto, diesel e benzina. Ma anche assieme all’estratto di ginkgo biloba, l’estratto di foglie di aloe vera, la cocamide Dea (agente schiumogeno per bagnischiuma e saponette) e all’acido caffeico. Allo stato attuale è considerata più cancerogena la carne rossa (gruppo 2A: probabilmente cancerogeno), il fumo (gruppo 1: cancerogeno) e le bevande alcoliche (sempre gruppo 1) . Alcune ricerche sperimentali suggeriscono però che tale grado debba essere innalzato e l’Oms analizzerà l’eventualità in uno dei prossimi aggiornamenti della lista. Sino ad ora l’unico effetto attribuibile con certezza alle radiofrequenze è il riscaldamento delle cellule. L’insorgenza di malattie come diabete, deficit d’attenzione, danni neurali, è citata in altri studi, ma mancherebbero prove conclusive. Gli effetti delle onde millimetriche (non in uso) non sono per ora studiati.

Il 5G arriverà anche dai satelliti

Esistono progetti, come lo StarLink di cui SpaceX ha recentemente lanciato i primi satelliti di test, per fornire internet a tutto il pianeta tramite satellite. StarLink utilizzerà onde millimetriche che vanno da 40 a 75 GHz. Non si tratta di 5G però e i limiti applicabili in Svizzera sarebbero quelli per gli apparecchi mobili (non quelli per le antenne). In ogni caso, fa sapere l’Ufcom, per la messa in funzione nella Confederazione sarebbe comunque necessaria una concessione.

In Svizzera i limiti sono 10 volte più bassi?

È vero, ma solo nei luoghi in cui la popolazione risiede o lavora (il limite elvetico è di 6 V/m), nelle zone di transito sono più alti, ma al di sotto di quanto raccomandato dai valori limite (61 V/m). Raramente, comunque, i valori reali sono alti: in Ticino le misure del Cantone evidenziano valori tra gli 0,40 e i 2 V/m (www.oasi.ti.ch)

Le compagnie telefoniche che operano in Svizzera vogliono alzare i limiti?

Gli operatori chiedono di elevare la soglia ad almeno 20 V/m, contro gli attuali 6. Nel marzo del 2018 il Consiglio degli Stati ha respinto per la seconda volta questa richiesta. L’innalzamento è considerato dagli ambienti economici, operatori in primis, indispensabile per permettere un’introduzione veloce ed efficace del 5G in Svizzera.

Siamo di fronte a una psicosi collettiva?

Il dibattito sul 5G unisce spesso informazioni vere a supposizioni, mezze verità e informazioni false. Ciò non aiuta sicuramente i cittadini a farsi un’opinione chiara.

Chi ci guadagna dal 5G?

Le tre principali compagnie telefoniche svizzere hanno investito poco meno di 380 milioni per acquistare le frequenze. Dovranno poi investire pesantemente nell’ammodernamento della rete e in nuove antenne. È evidente che prevedano un ritorno economico. Stando a un recente studio dell’Associazione svizzera delle telecomunicazioni, l’introduzione rapida del 5G in Svizzera porterebbe tuttavia alla creazione di 137mila posti di lavoro in Svizzera e a un aumento del valore della produzione annua fino a 42,4 miliardi entro il 2030. A beneficiarne maggiormente sarebbe l’industria manifatturiera. 

© Regiopress, All rights reserved