laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
14 ore
Seseglio, non un wellness ma un'area verde per la popolazione
Una mozione di Us-I Verdi e Ppd invita il Municipio di Chiasso ad acquistare e bonificare il terreno. Sul piatto anche La Perfetta di Arzo
Locarnese
14 ore
Da Brissago a Zurigo, verso l'immortalità
La mummia egizia lascerà le rive del Verbano per essere trasferita all'Istituto di medicina evolutiva dell'Università della Limmat
Bellinzonese
22 ore
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
1 gior
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
1 gior
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
1 gior
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
1 gior
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
1 gior
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Ticino
27.09.2018 - 13:420
Aggiornamento : 14:24

Agente razzista, dalle comunità israelite 'preoccupazioni irrisolte'

Il presidente Herbert Winter risponde a Gobbi: I passi abbozzati non sono sufficienti per escludere ideologie antisemite dalla polizia ticinese

Il Direttore del Dipartimento delle istituzioni, accompagnato dal Comandante della Polizia cantonale, ha incontrato nelle scorse settimane il Presidente della Federazione svizzera delle comunità israelite Herbert Winter e il segretario generale Jonathan Kreutner. L’incontro ha permesso un proficuo scambio di opinioni tra le parti al fine di chiarire i dubbi che la Federazione aveva espresso sulla promozione di un agente della Polizia cantonale oggetto negli scorsi anni di una condanna penale sospesa condizionalmente, per alcune sue dichiarazioni sui social media".

Il termine "Alcune dichiarazioni" contenuto nel comunicato stampa del Dipartimento delle istituzioni, giunto questa mattina con il resoconto dell'incontro tra Norman Gobbi e il sopracitato Winter, nel comunicato di risposta della Federazione svizzera delle Comunità israelite (Fsci) è inteso come "interventi istigatori e razzisti su Facebook". Un comunicato di risposta così intitolato: "Convinzioni razziste devono essere un motivo di esclusione dalla polizia".

La Fsci apprezza la disponibilità del Consigliere di Stato, per un dialogo ritenuto "costruttivo e finalizzato alla ricerca di soluzioni", pur rimarcando come "molte preoccupazioni e riserve della Fsci non sono state dissipate". Cosa che sta nell'impossibilità di "raggiungere un’opinione condivisa sull’idoneità della persona in questione alla professione di agente o sottoufficiale di polizia né sulle circostanze della sua promozione". Il parere della Fsci è che "a causa della precedente condanna per esternazioni razziste nota e iscritta nel casellario giudiziario", quella promozione "non avrebbe dovuto aver luogo". Da qui la convinzione che "la permanenza nel Corpo di polizia di tale agente rimane un fatto molto preoccupante e inquietante. Siamo convinti che una mentalità e un atteggiamento irreprensibili e liberi da pregiudizi nei confronti di tutte le persone che vivono qui siano precondizioni essenziali per esercitare in maniera esemplare la funzione di agente di polizia".

La Fsci "constata con soddisfazione che nelle autorità ticinesi ci sono sia la disponibilità sia la volontà di trarre le conseguenze dal caso in questione" includendo "anche la sfera digitale nei criteri di valutazione nei processi di selezione e promozione". Tuttavia "i passi abbozzati non sono sufficienti per escludere ideologie razziste dalla polizia ticinese. Le esperienze fatte e le lacune identificate nei processi interni dovrebbero infatti dare adito a una revisione delle procedure di selezione e promozione".

Herbert Winter ritiene che "nella futura valutazione dei candidati alla scuola di polizia o a posizioni di comando dovrebbe essere garantita anche la ponderazione di comportamenti inadeguati e posizioni ideologiche non tollerabili, pur se non strettamente perseguibili penalmente". In particolare, "convinzioni incompatibili con la professione di agente di polizia dovrebbero costituire un motivo di esclusione".

 

© Regiopress, All rights reserved