la-sonda-parker-probe-verso-il-sole-sfida-anche-tecnologica
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
14.08.2018 - 07:00
di Andrea Manna

'La sonda Parker Probe verso il Sole, sfida anche tecnologica'

Temperature, vento e tempeste solari... Parla l'astrofisico ticinese Renzo Ramelli

«Questa missione non solo è di notevole importanza scientifica, permettendoci, se tutto andrà come da programma, di capire meglio i processi fisici che governano la vita del Sole e di riflesso l’evoluzione delle stelle simili alla nostra. Ma rappresenta pure una grossa sfida tecnologica». Renzo Ramelli fa parte del team di astrofisici dell’Irsol, l’Istituto di ricerche solari situato sulla collina di Locarno. E anche dall’osservatorio ticinese, che in collaborazione con università svizzere e di altri Paesi studia ogni giorno, nuvole permettendo, l’astro diurno, si guarda evidentemente con estremo interesse, e un po’ di apprensione, al viaggio spaziale della sonda Parker Solar Probe della Nasa, lanciata domenica mattina da Cape Canaveral. «Quando nel dicembre 2024, secondo i calcoli, si troverà a 6 milioni di chilometri dall’astro, la distanza più piccola dalla nostra stella che una macchina costruita dall’uomo avrà mai raggiunto, la navicella verrà investita da una radiazione solare cinquecento volte più intensa di quella che arriva sulla Terra – rileva Ramelli –. La sonda subirà così un riscaldamento superiore ai mille gradi. Grazie però allo schermo termico altamente sofisticato che protegge la navicella, gli strumenti scientifici installati al suo interno dovrebbero lavorare nelle giuste condizioni, cioè a temperatura ambiente, intorno ai venti gradi centigradi. Dovrebbero. Una sfida tecnologica piuttosto impegnativa, per l’appunto».

Dalla tecnologia alla ricerca scientifica: cosa vi aspettate in particolare dalla missione?

Si prevede che la sonda Parker nel suo progressivo avvicinamento al Sole trasmetta i primi dati già verso la fine di quest’anno. Le aspettative degli astrofisici sono ovviamente tante. La missione dovrebbe chiarire alcuni meccanismi che regolano il vento solare, flusso di protoni, ioni pesanti ed elettroni. E che regolano la corona, lo strato più esterno dell’“atmosfera” del Sole. Sulla base dei dati che la sonda ci invierà dovremmo inoltre capire meglio l’origine delle tempeste solari, che sulla Terra possono causare disturbi alle telecomunicazioni, blackout elettrici e problemi ai satelliti.

Insomma, la nostra avanzata tecnologia resta vulnerabile e la ‘minaccia’ in questo caso arriva dal Sole...

Sapere come si generano le tempeste solari significa anche prevederle. Si tratta allora di affinare le nostre capacità predittive e prendere le necessarie misure per scongiurare o limitare al massimo i danni provocati da queste tempeste.

Uno degli aspetti della fisica solare di cui non c’è ancora una spiegazione definitiva è la marcata differenza di temperatura fra la corona e la cosiddetta superficie della stella, la fotosfera. Su quest’ultima ci sono circa 5’500 gradi. Sopra, nella corona, ci sono invece alcuni milioni di gradi.

Le ipotesi sono diverse. Una è stata formulata dallo stesso Eugene Parker, l’astronomo statunitense da cui ha preso il nome la missione. Secondo Parker, il riscaldamento della corona sarebbe dovuto a microeruzioni che avvengono al suo interno e che trasformerebbero l’energia del campo magnetico in energia termica. Un’altra teoria attribuisce l’elevatissima temperatura al propagarsi nella corona di onde magnetoidrodinamiche provenienti dagli strati inferiori del Sole. I dati sperimentali raccolti dalla sonda dovrebbero dirci come stanno effettivamente le cose.

Nell’era delle missioni spaziali come vede il futuro della ricerca solare dalla Terra?

Le prime e la seconda sono complementari. Alle Hawaii gli americani stanno realizzando un telescopio per il Sole con uno specchio del diametro di quattro metri. Un telescopio di analoghe dimensioni lo si sta progettando a livello europeo e dovrebbe essere piazzato alle Canarie. A questo progetto partecipa anche l’Irsol, istituto specializzato nello sviluppo di metodi spettropolarimetrici per lo studio del campo magnetico solare. E poi osservare da terra costa meno che farlo dallo spazio...

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved