laRegione
Nuovo abbonamento
una-promozione-che-divide
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Racconti al telefono in piazza Governo a Bellinzona

La bibliocabina si trasforma. Alzando la cornetta si potranno ascoltare narrazioni registrate in diverse lingue
Locarnese
15 ore

Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio

Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
15 ore

Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo

Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
23 ore

Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto

Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
1 gior

Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi

L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Ticino
1 gior

Tutti i radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Caslano
1 gior

È disturbato mentalmente l'anziano piromane

Secondo la perizia psichiatrica, c'è un rischio medio-alto di recidiva, senza cure adeguate
Bellinzonese
1 gior

‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona

Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps
Ticino
1 gior

Presidio antirazzista a Lugano

Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

A Stabio si festeggia il Pedibus

Il Comune è stato il 'cuore' della Giornata internazionale a scuola a piedi. Per Ata in Ticino è stato un 'grande successo'
Ticino
1 gior

Regio Insubrica, la presidenza tocca al Piemonte

L'assessore Matteo Marnati subentra al lombardo Massimo Sertori. Passaggio di consegne questa mattina ad Arona
Ticino
14.08.2018 - 06:000

Una promozione che divide

Poliziotto promosso nonostante una condanna per razzismo: il governo glissa, la politica discute

Nonostante il silenzio del governo, la vicenda del poliziotto condannato per discriminazione razziale recentemente promosso per decisione del Consiglio di Stato continua a tenere banco. Una promozione che Martine Brunschwig Graf, presidente della Commissione federale contro il razzismo, interpellata domenica dalla ‘Rsi’, non ha esitato a definire ‘‘un cattivo messaggio’’ da parte delle autorità ticinesi. Autorità che ieri abbiamo provato a raggiungere per approfondire sia il tema, sia l’iter della promozione. E per verificare se, risalendo la condanna a due anni fa, era stato posto all’attenzione dei consiglieri di Stato, insomma ricordato, il fatto che, tra i candidati, uno aveva precedenti penali. Domande puntuali che non abbiamo potuto sottoporre, giacché Norman Gobbi, direttore del Dipartimento delle istituzioni, tramite una portavoce, ha fatto sapere di non avere altro da dichiarare rispetto a quanto già detto: vale a dire che prende atto delle dichiarazioni di Brunschwig Graf e che presto la incontrerà per approfondire il dossier. Peccato.
La vicenda resta però di stringente attualità, e a chiedere risposte al Consiglio di Stato è anche Ivo Durisch, capogruppo del Partito socialista, che, raggiunto dalla ‘Regione’, rileva come «la questione è chiara, siamo davanti a una promozione inopportuna». Ma non solo: «Quando un agente è attivo sul territorio deve portare il più possibile ordine e serenità, il fatto di sapere che si è prodotto in esternazioni inneggianti al nazifascismo non trasmette tranquillità alla popolazione. Un poliziotto deve essere super partes, e deve essere percepito come tale dalle persone». Su questa decisione, nei giorni scorsi, Durisch ha inoltrato un’interrogazione al Consiglio di Stato, scrivendo come ‘‘l’imperversare dell’istigazione alla discriminazione e all’odio razziale, ma anche sessista, relativa all’etnia e alla religione (...) è un allarmante fenomeno che dilaga sempre più’’ e, di conseguenza, chiedendo al governo ‘‘come valuta l’esempio dato con la promozione dell’agente in questione’’. Difatti, ribadisce Durisch, «ha ragione la signora Brunschwig Graf nell’affermare che siamo davanti a un cattivo messaggio. Il Dipartimento delle istituzioni non considera l’importanza di un fenomeno come quello del razzismo. E sbaglia, perché dovrebbe esserne preoccupato vista la gravità della situazione».

Per Maurizio Agustoni, capogruppo del Ppd, «sarebbe interessante capire se l’Amministrazione cantonale ha delle linee direttive su come comportarsi quando dei suoi funzionari sono coinvolti in procedimenti penali o hanno ricevuto delle condanne». Questo è il contendere, perché «al di là del caso concreto, a parità di qualifiche si dovrebbe dare la precedenza a chi ha la fedina penale pulita. Ma quando qualcuno, pur avendo un precedente penale, è più qualificato? Ci sono reati e reati, chiaro, ma è questa la vera domanda da porsi». Comunque, per Agustoni, «se è stato deciso che poteva continuare a lavorare in Polizia, scontate le sue pene, valutato il pentimento e l'assenza di rischi di recidiva, è un poliziotto a tutti gli effetti, con il diritto a fare dei concorsi». Secondo Alex Farinelli, capogruppo del Plr, «questa persona un po’ di anni fa ha fatto qualcosa che non doveva fare, ed è stata punita anche pesantemente. Senza assolutamente minimizzare quello che ha fatto, mi domando se nel nostro sistema arriva un giorno in cui una persona può dire di aver espiato la propria pena». Una volta fatto, «occorre permettergli di tornare a un percorso di vita normale. Le promozioni nel corpo della Polizia – continua Farinelli – avvengono se uno ha determinati requisiti. Se questo poliziotto è ritenuto idoneo a coprire un certo ruolo, bisogna essere in grado di concedere una seconda chance». A un certo momento, insomma, «bisogna chiedersi se una punizione è eterna o se è giusto accordare un’altra possibilità a chi sbaglia e paga».

© Regiopress, All rights reserved