laRegione
Nuovo abbonamento
rimborsi-al-governo-per-la-procura-non-c-e-alcun-reato-penale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 min

Coronavirus, tre casi in Ticino, nessun decesso

Continuano a rimanere bassi i nuovi contagi giornalieri a sud delle Alpi, dove da inizio pandemia sono risultate positive 3'466 persone
foto
Bellinzonese
4 ore

S. Antonino: le protesi volano sempre più alto

Smb Medical verso l’espansione del sito di produzione e del numero dei suoi dipendenti. Durante la pandemia neanche un contagio
Mendrisiotto
4 ore

Alla ‘Piccola velocità’ di Chiasso spunta un’area di svago

Il comparto delle Ffs si prepara a cambiare vocazione ai magazzini, aprendo al Comune. Che sogna un suo ‘Gleis 4’
Ticino
4 ore

Tassa di collegamento, parte il conto alla rovescia

Il governo si appresta a decidere il futuro del balzello, alla luce pure dei paletti del Tf. C’è chi chiede l'abrogazione, chi il congelamento, chi la sostiene
Bellinzonese
15 ore

'Copertura telefonica insufficiente in Val Pontirone'

Due consiglieri comunali Plr interpellano il Municipio di Biasca, chiedendo anche aggiornamenti sulla frana di Biborgo
Luganese
15 ore

Artisti dal Ceresio alla Moravia: conferenza a Curio

L'evento è organizzato dall'Associazione storici dell'arte della Svizzera italiana e si terrà al Museo etnografico il 22 agosto
Luganese
16 ore

Rock&Roll Waves: radio, musica e navigazione sul Ceresio

Radio Morcote International farà rivivere i fasti delle radio pirata inglesi anni Sessanta in una serata speciale sabato 22 agosto
Ticino
16 ore

Operazione Imponimento, convalida di arresto per 4 svizzeri

L'ordinanza di custodia cautelare, firmata ieri dall'Antimafia di Catanzaro, riguarda 75 indagati: fra questi anche il luganese.
Locarnese
16 ore

Elisarion a Minusio, ultimi giorni della mostra di Tallone

Al centro culturale lavori da settembre, ma la programmazione continuerà fuori sede
Locarnese
17 ore

Poncione di Braga, mezzo secolo in capanna

Il rifugio fu costruito in tre anni da alcuni volontari. Poi è passato all'Utoe di Locarno, che lo ha ampliato
Luganese
17 ore

Collina d'Oro, da lunedì sport gratis per i domiciliati

Yoga, allenamenti intensivi, pilates, percorsi vita e presto corsi di Mountain Bike: il Comun crea 'Gazebo Sport', aperto a tutti ma gratis per i locali
Mendrisiotto
17 ore

Un InterCity per il Mendrisiotto: chiesto supporto ai politici

Sulla scia della petizione il gran consigliere Massimiliano Robbiani coinvolge Comuni e parlamento per fare squadra
Ticino
18 ore

Estradato in Italia latitante albanese catturato in Svizzera

L'uomo si è reso responsabile di una serie di pericolosi reati: violenza sessuale, sfruttamento della prostituzione e immigrazione clandestina
Ticino
18 ore

Dalla Supsi un dispositivo per testare il Covid in tempo reale

A ottobre parte un progetto di ricerca congiunto assieme al Poli di Losanna e lo Ior che mira a sviluppare l'apparecchio portatile in due anni
Locarnese
18 ore

Locarno, la Polizia in piazza

Torna l'iniziativa che vuole rafforzare il concetto di prossimità territoriale
Luganese
19 ore

Assunzione, celebrazione eucaristica in San Lorenzo a Lugano

Sarà presieduta alle 10 dal vescovo Valerio Lazzeri. Annullata invece la processione al monastero di Santa Maria Assunta in Claro
Ticino
21.02.2018 - 05:500

Rimborsi al governo, per la procura non c'è alcun reato penale

Ma nel decreto d'abbandono composto da nove pagine firmato da John Noseda non vengono risparmiate critiche al Consiglio di Stato

Il caso sollevato dal Movimento per il socialismo (Mps) sui rimborsi e le regalie ai consiglieri di Stato si avvia, almeno per quanto riguarda la parte penale, alla conclusione. Il 14 febbraio, infatti, il procuratore generale John Noseda ha firmato un decreto d’abbandono per il reato di abuso d’autorità, un procedimento innescato dalla denuncia del deputato dell’Mps Matteo Pronzini. Nell’ambito dell’indagine Noseda, nei giorni scorsi, ha anche convocato il presidente del Consiglio di Stato, Manuele Bertoli, per chiedere alcuni chiarimenti relativi all’incarto inviato da Pronzini. Ma se, per quanto concerne il penale, dalla Procura non sono stati ravvisati gli estremi per procedere, la questione politica è ancora aperta. Sì, perché pur avendo abbandonato il procedimento contro ignoti, il procuratore generale nel suo decreto è stato duro nei confronti del governo. Nove pagine dense, nelle quali non vengono risparmiate critiche. E proprio su queste nove pagine discuterà, domani mattina, l’Ufficio presidenziale del Gran Consiglio, il quale dovrà decidere come comportarsi davanti a questo decreto. La discussione verrà affrontata dal plenum nel pomeriggio. Quello che Giuseppe Sergi, coordinatore dell’Mps, raggiunto dalla ‘Regione’ auspica, pur basandosi su indiscrezioni e non disponendo del decreto, è che «il Consiglio di Stato riconosca perlomeno delle responsabilità politiche per la situazione ancora oggi presente, e che soprattutto la discussione venga riaperta. Ci sono delle questioni ancora da chiarire in merito ai rimborsi spese, e noi ci aspettiamo che il tema venga affrontato una volta per tutte». Non sono state risparmiate critiche al Consiglio di Stato in questo decreto d’abbandono, si diceva, e sono critiche che per Sergi «confermerebbero le nostre tesi. Se, perlomeno da quanto filtra, è confermato che il governo viene bacchettato dal procuratore generale è possibile che le accuse di carattere amministrativo siano rimaste in piedi, che abbiano una base di fondamento. Inoltre – continua il coordinatore dell’Mps – se davvero fosse così sarebbe un riconoscimento, un’attestazione alla richiesta di risarcimento inoltrata da Pronzini».

E poi, va da sé, c’è la questione politica. Aperta, anzi, apertissima. «In questo cantone, non più tardi di qualche mese fa, è scoppiata una vicenda in cui una funzionaria dipartimentale è stata invitata a cena a Bormio con il suo compagno, e le è stata regalata una cena da 150 franchi. È stato detto che la faccenda non aveva alcuna rilevanza penale, ed è vero. Ma tutti hanno detto che la rilevanza politica c’è, eccome se c’è». E con la storia delle indennità dei consiglieri di Stato la questione per Sergi è la stessa, ed è, appunto, politica. «Matteo Pronzini, nel suo esposto al procuratore generale, non aveva lanciato accuse di carattere penale, si era limitato a segnalare quelle che secondo lui erano delle gravi infrazioni compiute dal Consiglio di Stato nel corso di diversi anni». La vicenda, lo ricordiamo, concerne i rimborsi e le regalie a Consiglio di Stato e cancelliere. A sostegno della tesi che queste indennità siano illegali, l’Mps il primo febbraio, in conferenza stampa, ha affermato come dopo l’altolà del Controllo cantonale delle finanze, che nel 2010 segnalò al governo come dal 1999 il loro modo di agire «non fosse stato conforme alla legge», la risposta è stata «una toppa peggiore del buco». Due note a protocollo: una «nera e una bianca». Se nella prima sono stati iscritti i rimborsi coperti da base legale, che devono essere approvati dall’Ufficio presidenziale, nell’altra, quella «nera», figurano i rimborsi che secondo il Movimento per il socialismo sono senza copertura di legge. Spese telefoniche, dono di 10mila franchi esentasse e due mensilità extra alla fine dell’incarico, che si è continuato, quindi, a distribuire «illegalmente».

Dibattito in GC: 'Chi denuncia sarà più protetto'

È evidente l’abuso o un comportamento penalmente evidente? Si dia al dipendente pubblico la possibilità di denunciarlo senza per questo temere ripercussioni negative (perché magari denuncia un superiore). È quanto ritiene il Gran Consiglio che praticamente all’unanimità ha accolto il rapporto commissionale di Franco Celio favorevole alla mozione del collega di partito Giorgio Galusero, entrambi liberali radicali. Quest’ultimo in buona sostanza chiedeva di considerare – con una modifica della Lord, la legge sui dipendenti dello Stato – maggiore tutela al dipendente denunciante. Una necessità indispensabile, a detta del relatore Celio, che tutto il parlamento ieri ha fatto propria. Pur tuttavia c’è chi, come Lorenzo Jelmini sindacalista e deputato Ppd, ha ricordato la necessità di tutelare anche il denunciato di fronte a segnalazioni fatte in malafede; necessità oggi data anche dall’eccessiva esposizione mediatica – sempre secondo l’esponente popolare democratico – che finisce col mettere in croce il presunto “colpevole”. Se la denuncia è mendace, va da sé che la vittima deve poter contare sulla protezione del caso, è stata la replica di Celio. Accolta la mozione, e dunque il principio, la proposta verrà ora affrontata da un “gruppo di lavoro” coordinato dalla Cancelleria, come ha precisato Christian Vitta, consigliere di Stato e direttore del Dfe. In quella sede si terrà conto di ogni aspetto. Dopodiché seguirà il messaggio governativo per la relativa revisione della legge in questione, la Lord appunto.

© Regiopress, All rights reserved