ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 ore

‘Dovete osare, la possibilità di fare bene è concreta’

Le elezioni cantonali e il Congresso del Centro, il presidente Dadò sprona candidati e candidate a scendere in campo. Ovvero, a fare campagna
Ticino
16 ore

‘Approfondiremo il tema, ma così su due piedi sono scettico’

Speziali dice la sua sulla congiunzione delle liste con l’Udc per le ‘federali’. Per il presidente Plr: ‘Differenze piuttosto evidenti tra i due partiti’
Bellinzonese
18 ore

‘Fin lì era filato tutto liscio, poi la bottigliata in testa’

Per il sindaco di Cadenazzo Marco Bertoli, il battibecco di Carnevale sarebbe nato da una sigaretta accesa all’interno del capannone
Bellinzonese
22 ore

Coriandoli ma non solo: a Cadenazzo volano pure pugni e calci

Prima serata di bagordi carnascialeschi segnata da una persona ferita al capannone. Il presidente: ‘Episodio fortunatamente isolato e circosrcritto’
Locarnese
1 gior

Brissago, il bando di pesca finisce imbrigliato nelle reti

Il Tribunale amministrativo concede l’effetto sospensivo al ricorso di un professionista che contesta l’ampliamento dell’area inizialmente concordata
Luganese
1 gior

‘Spetta agli organizzatori gestire i propri rifiuti’

Il Municipio risponde a un’interrogazione in cui si questionava sull’impatto ambientale delle manifestazioni pubbliche
Luganese
1 gior

Lac, bilancio condizionato dalla pandemia del Covid

L’ente culturale fa segnare un leggero utile d’esercizio, i conti in Consiglio comunale
Bellinzonese
1 gior

Bodio: riprendono i mercatini benefici dell’Associazione Alessia

A partire da mercoledì 1 febbraio nello stabile ex Monteforno
Ticino
1 gior

Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’

Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
1 gior

Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi

Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Bellinzonese
1 gior

Porte aperte alle Scuole Santa Maria di Bellinzona

Giovedì 9 febbraio possibilità di assistere alle lezioni e incontrare i docenti di scuole elementari e medie
Luganese
1 gior

Gli orologi... del crimine, confiscati e messi all’asta

Rolex, Cartier, e una quantità di monili a un incanto giudiziario a Rivera
Ticino
1 gior

Ufficio anziani e cure a domicilio, nominato Daniele Stival

Prende il posto di Francesco Branca, in pensione dopo una lunga carriera. La nomina è stata decisa nella riunione di mercoledì dal Consiglio di Stato
Ticino
1 gior

Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme

I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
1 gior

‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’

Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
1 gior

‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar

Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
laR
 
01.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 16:11

Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’

Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’

piscina-coperta-regionale-il-cantone-dia-delle-certezze
Ti-Press
Sognando una struttura stabile e regionale

Il Mendrisiotto attende (da un po’) un segnale da Palazzo delle Orsoline. Una alleanza tra le istituzioni del Distretto e il governo cantonale spianerebbe, di fatto, la via verso la costruzione di una piscina coperta a valenza regionale. Il progetto è nel cassetto da qualche anno, ma mai come adesso enti locali e territorio avvertono la mancanza di una tale struttura. Le disavventure in cui sono incappati, prima, il Comune di Chiasso – costretto a rinunciare alla sua stagione invernale di tuffi sotto il pallone –, poi, la Città di Mendrisio – con lo stop forzato della vasca alle scuole di Canavée – hanno, infatti, reso ancora più urgente la necessità di non lasciare all’asciutto una regione nei mesi freddi.

Adesso occorre concretezza

Decisi a marcare stretto il dossier e le autorità superiori, a distanza di un anno e mezzo dal loro atto parlamentare tre deputati momò del Centro – Maurizio Agustoni, Giorgio Fonio e Luca Pagani – sono, quindi, tornati alla carica, sollecitando una volta di più il Consiglio di Stato. Lo scenario, del resto, è nitido. Gli interrogativi sono sul tavolo, adesso si confida di sapere se le aspirazioni locali potranno concretizzarsi. In altre parole, servono delle certezze. "È tempo che ai Comuni della regione, che recentemente hanno compiuto un ulteriore passo di collaborazione tramite la creazione dell’Ente regionale dello sport del Mendrisiotto e Basso Ceresio – scandiscono i tre granconsiglieri in una interrogazione –, siano fornite risposte chiare e inequivocabili, in modo che possano impostare senza ulteriori tentennamenti l’eventuale creazione di una piscina coperta regionale".

Lo studio di fattibilità e gli spazi d’intesa

Proprio ai vertici dell’Ente, guidato dal presidente Davide Lurati e dal vice Paolo Danielli e giusto mercoledì sera alla sua seconda assemblea, si è convinti che occorra fare squadra. Anche perché oggi esiste più di uno spiraglio per una possibile intesa con il Cantone. Già nel settembre del 2021, dando seguito alle domande dei tre parlamentari, il governo, come si fa memoria oggi, si era detto "disposto a collaborare, a condizione che i Comuni, sulla base di studi di fattibilità, valutassero soluzioni che non creassero ritardi alla realizzazione del nuovo comparto scolastico". Sullo sfondo la riorganizzazione del centro studi – con Liceo, Scuola media e Centro professionale tecnico (la Spai) – a Mendrisio.

In attesa di un cenno

Un’apertura che, infatti, la Città, ha colto al volo, presentandosi ai funzionari cantonali con i contenuti di uno studio di fattibilità, commissionato assieme a Coldrerio e Chiasso, e d’intesa con l’Ente regionale per lo sviluppo (Ers). In quel caso, ricordano ancora i tre deputati del Centro, si sono prospettate "diverse varianti, nell’ottica di trovare la migliore soluzione". L’opzione più praticabile? Un impianto da 25 metri, anzi una doppia vasca in grado di far coesistere le esigenze dei più piccoli con l’attività agonistica. Non a caso, ancora di recente, come riferito da Paolo Danielli a ’laRegione’, Mendrisio ha sollecitato a più riprese l’autorità cantonale e in queste settimane è atteso un cenno, che potrebbe anche valere una svolta.

D’altro canto, come detto e come ribadiscono pure Agustoni, Fonio e Pagani, "quanto accaduto recentemente rende ancora più evidente – qualora fosse stato necessario – la necessità di una piscina regionale coperta nel Mendrisiotto, ritenuto che – come correttamente annotato dal municipale di Mendrisio Danielli – non si tratta di soddisfare unicamente delle esigenze scolastiche, ma di offrire spazi all’organizzazione di corsi per ogni fascia di età, nonché di venire incontro alle esigenze delle Società nuoto, degli studenti dell’Accademia di architettura e del campus Supsi".

L’importanza dello sport

In effetti, "la promozione dello sport – sottolineano con convinzione i tre granconsiglieri –, oltre a essere un principio costituzionale (art. 68 Cost. fed.), è un importante tassello nella creazione di un tessuto sociale vivace, nel quale le giovani e i giovani, indipendentemente dalle condizioni economiche, possano condividere delle esperienze aggregative, ricreative ed educative, oltre che salutari per il benessere psico-fisico".

‘Il Cantone non può sottrarsi’

Giunti a questo punto, insomma, i deputati del Centro ritengono che "il Cantone non possa sottrarsi dal contribuire alla realizzazione di spazi sportivi adeguati alle esigenze della regione". Anche perché, richiamano, "il totale rinnovamento del comparto scolastico di Mendrisio è un’occasione che non capiterà più nei prossimi decenni e non può quindi essere sprecata in tentennamenti".

Ed è su queste basi che si innestano gli interrogativi girati al Consiglio di Stato. Il loro primo obiettivo? Sapere se il governo conferma la sua disponibilità a collaborare alla realizzazione di una piscina regionale nel nuovo comparto scolastico di Mendrisio, di concerto con i Comuni della regione. E soprattutto, "in quale forma e con che tempistiche". Di conseguenza, "entro quando ai Comuni della regione saranno date indicazioni chiare e vincolanti" sull’appoggio assicurato dal Cantone?

Leggi anche:

Chiasso, pronti a risanare la piscina comunale

Fuori uso la piscina di Canavée a Mendrisio. Tutti all’asciutto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved