ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
5 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
5 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
5 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
6 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
6 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
7 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
7 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
28.10.2022 - 19:17
Aggiornamento: 19:55

Municipio e Fc Chiasso finiscono in Pretura

Il Club è in debito con il Comune per l’uso dello stadio di quasi 123mila franchi. L’esecutivo ha recapitato alla società un precetto esecutivo

municipio-e-fc-chiasso-finiscono-in-pretura
Ti-Press
Per il Comune gli accordi sono chiari

Alla fine la vertenza tra il Municipio di Chiasso e il Club cittadino è finita in Pretura. Rotta la convenzione (da parte del Comune), toccherà ora al giudice – o meglio al pretore di Mendrisio sud – venire a capo del contenzioso che oppone l’autorità locale alla Fc Chiasso 2005 Sa. Troppi i debiti cumulati in questi anni. Troppi i contributi pattuiti con l’accordo sullo stadio Riva IV non onorati. In un primo tempo, l’estate scorsa, tra le parti era stata trovata una intesa, tanto da convergere su un piano finanziario di rientro. Ma dopo aver versato la prima rata, a fine agosto, nelle casse comunali non è entrato più nulla, venendo meno agli impegni presi. Quanto basta per convincere il Municipio a recapitare un precetto esecutivo alla società. Da saldare oggi ci sono quasi 123mila franchi, senza contare gli interessi. Il Club, fa sapere l’esecutivo, ha fatto opposizione alla procedura.

Era nei patti

Così la vicenda sta per approdare, come detto, in Pretura. Per compiere questo passo, però, il Municipio ha bisogno, da prassi, del nullaosta del Consiglio comunale. Ecco perché giusto oggi, venerdì, i consiglieri si sono visti arrivare il messaggio con il quale dare luce verde all’esecutivo per venire a capo della controversia... calcistica. L’ente locale, del resto, non fa altro che rivendicare quanto stabilito nel settembre del 2017 nell’intesa raggiunta con il Club di casa. Patto valido per 5 anni e che prevede il pagamento di 80mila franchi l’anno – con rate da 6’666 franchi mensili – per l’utilizzo delle infrastrutture e a copertura delle opere di adeguamento effettuate per mettere a norma lo stadio secondo le direttive della Swiss Football League.

Prima la disdetta...

E sino a metà 2021, ricostruisce il Municipio nel suo messaggio, i pagamenti si sono susseguiti in modo regolare. Poi, complici la pandemia e la crisi internazionale, "la situazione finanziaria dell’Fc Chiasso – si spiega – si è fatta viepiù delicata" e i versamenti sono divenuti discontinui, sino a interrompersi del tutto, nonostante i solleciti da un lato e, di rimando, le rassicurazioni della società dall’altro. Sullo sfondo, a inizio estate, il ventilato passaggio di mano del Club dall’azionista di maggioranza, la Soccer Future Sa, alla D&C Holding Ag di Herisau, il Comune ha prima informato il futuro proprietario della situazione debitoria della società e poi consegnato la disdetta della convenzione.

... poi il piano di rientro

Dopo essersi seduti allo stesso tavolo a metà agosto, il Club ha messo a punto un piano di rientro da qui a tutto il 2023 – con rate raddoppiate – per uscire dalle secche debitorie. Piano che ha ricevuto il benestare dell’autorità cittadina, a una condizione: che si rispettasse la tempistica dei pagamenti. Cosa che non è successa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved