ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
3 ore

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
3 ore

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
4 ore

Lugano, arte postale in campo a favore della diversità

L’associazione socioculturale Kosmos promuove una campagna di sensibilizzazione per la prevenzione di razzismo e discriminazione
Luganese
4 ore

Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma

Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Grigioni
4 ore

Raveglia nuovo presidente della Conferenza dei sindaci moesani

Approvato il Piano direttore regionale concernente il Parco naturale Val Calanca
Bellinzonese
5 ore

Ad Airolo-Pesciüm ciaspolare degustando

Domenica 26 febbraio la seconda edizione della Gastroracchettata: iscrizioni aperte
Bellinzonese
5 ore

Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?

I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
20.10.2022 - 18:15
Aggiornamento: 18:34

Mendrisio: luminarie spente, salvo la stella della Torretta

Per risparmiare energia, il Municipio rinuncia alla pista di ghiaccio di Piazzale alla Valle e riduce a 20° la temperatura negli uffici pubblici

mendrisio-luminarie-spente-salvo-la-stella-della-torretta
Ti-Press/Archivio
Quest’anno niente pista di ghiaccio

Risparmio energetico: il Municipio di Mendrisio auspica che i cittadini e le cittadine, gli enti e le aziende si uniscano in modo spontaneo nella lotta contro gli sprechi in modo da perseguire la sobrietà nei consumi. Al proposito si segnala il sito attivato dalla Confederazione zero-spreco.ch nel quale è possibile trovare molte informazioni e consigli utili a ridurre i consumi energetici quotidiani, sia rivolti alle economie domestiche sia alle imprese. Da parte sua, per il periodo natalizio, la Città ha deciso che quest’anno non attiverà le luminarie, a eccezione della stella della Torretta (zona eremo San Nicolao). Gli alberi di Natale collocati nei vari quartieri saranno illuminati in certi giorni e a orari ridotti. Gli allievi delle scuole elementari si sono cimentati nella produzione di proiezioni natalizie da effettuare in alcuni punti della città, che avverranno anch’esse in modo controllato. L’autorità ha inoltre deciso di rinunciare alla pista di ghiaccio di Piazzale alla Valle.

Rispetto all’illuminazione pubblica, premettendo che negli ultimi dieci anni la Città ha abbattuto i consumi del 60%, grazie alla progressiva sostituzione delle vecchie lampade con quelle ad alta efficienza Led, dei 2’800 punti luce presenti, 1’800 sono gestibili a distanza con telecomando. Tale sistema permette di dimezzare l’intensità luminosa di notte, finora applicato dalle 23 alle 5 e d’ora in poi prolungato fino alle 6. Inoltre, saranno spenti permanentemente 150 punti luce situati al di fuori dalla zona edificabile. Negli uffici degli stabili comunali, la temperatura sarà al massimo di 20° e la temperatura della piscina del Centro scolastico Canavee sarà diminuita da dicembre 2022 a marzo 2023. Saranno inoltre spenti, di notte, la torre d’esercizio dei pompieri al Centro di pronto intervento, la galleria che sovrasta Piazzale alla Valle e gli albi comunali.

Negli stadi, sarà dimezzato il funzionamento dei fari durante gli allenamenti e si punterà alla parsimonia energetica nelle varie strutture collaterali poco utilizzate, come in taluni spogliatoi. A LaFilanda e al Centro di pronto intervento, entrambi certificati Minergie, le temperature interne saranno limitate e ridotto eventualmente qualche punto luce. Sarà pure spenta l’illuminazione di facciate, piazze, monumenti e chiese, lasciando attiva solo quella strettamente indispensabile. La Città garantisce che si provvederà a sostituire le vecchie lampade che dovessero essere ancora presenti nei vari stabili comunali con la tecnologia a Led. La Città invita altresì le aziende e in genere tutti gli attori economici a spegnere o ridurre volontariamente le luci delle vetrine dopo circa un’ora dalla chiusura dell’attività e a limitare l’illuminazione di insegne pubblicitarie, parcheggi e facciate al minimo indispensabile, senza compromettere la sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved