05.10.2022 - 18:16
Aggiornamento: 18:37

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché

l-insegna-copre-il-trompe-l-oeil-scattano-gli-interrogativi
Inviata un’interpellanza al Municipio

Una finestra aperta sul cielo sulla parete di una casa di Besazio cattura l’occhio dei passanti. O meglio lo catturava. L’illusione di quel ‘trompe l’oeil’ è durata poco. L’intervento d’artista – a firmarlo Tazio Marti – un paio di settimane fa è stato coperto da una insegna pubblicitaria. Per un gruppo di consiglieri comunali dell’AlternativA – in testa Andrea Stephani – ce n’è a sufficienza per parlare di scelta "scellerata" e di "insegna della vergogna" e per portare l’accaduto all’attenzione del Municipio della Città di Mendrisio.

Stabilito il fatto che a regolare l’esposizione degli impianti e delle scritte promozionali dal 2004 c’è una Ordinanza, restano gli interrogativi aperti da questo episodio finito in una interpellanza. Il primo sul quale i consiglieri si attendono una risposta dall’esecutivo mirata a chiarire l’iter che ha preceduto la posa dell’insegna. Insomma, l’esposizione è stata "oggetto di una regolare procedura"? E se si è seguita la prassi, "come è stato possibile che l’Ufficio tecnico – o il Dicastero costruzioni – abbia approvato un intervento tanto scriteriato e insensato"? Non solo, l’azienda pubblicizzata, stando alle ricerche dei consiglieri, non è iscritta a Registro di commercio né in Ticino, né in Svizzera. Di conseguenza, si domanda, ha "regolarmente notificato alla Città la propria attività?".

Andando poi al cuore della questione, l’autorità comunale, si rilancia nell’interpellanza, "come giudica quello che è a tutti gli effetti il deturpamento di un’opera di un apprezzato artista locale?". E andando oltre: "Il Municipio – per evitare che simili incresciose situazioni si ripetano – non intende iscrivere le numerose opere di Tazio Marti presenti sul territorio comunale nell’inventario dei Beni culturali protetti della Città di Mendrisio?".

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved