ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
6 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
6 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
13 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
13 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
15 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
15 ore

Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione

In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
16 ore

‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’

Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Bellinzonese
17 ore

Airolo ha omaggiato i suoi 18enni

Il ricevimento ufficiale organizzato dal Municipio si è tenuto sabato 26 all’Infocentro A2 Gottardo Sud
Bellinzonese
17 ore

‘Raccontami una storia in ucraino’ a Bellinzona

L’attività promossa dalla biblioteca interculturale BiblioBaobab si terrà mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 11 nella sua sede
Mendrisiotto
17 ore

Castel San Pietro, torna scintillante il mercatino di Natale

La manifestazione si terrà sul sagrato della chiesa dalle 14.30 in avanti, con 40 bancarelle e diverse occasioni di divertimento
30.09.2022 - 17:23
Aggiornamento: 21:03

Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’

Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino Manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’

ritorno-al-salario-minimo-doveva-andare-cosi
Ti-Press
Mendrisio, ottobre 2021: si protesta contro l’aggiramento del salario minimo

Ticino Manufacturing oggi fa un’inversione a ‘U’ sul salario minimo. E il fronte sindacale – in due sigle Ocst e Unia –, che da subito si è messo di traverso all’operazione, l’aspettava seduto sulla riva del fiume (Confucio docet). «Era inevitabile andasse così – commenta senza fare sconti Vincenzo Cicero, cosegretario della Sezione Sottoceneri di Unia –. Evidentemente hanno capito anche loro – il riferimento è all’Associazione d’imprese presieduta dall’avvocato Costantino Delogu e al Sindacato libero della Svizzera italiana (l’ex TiSin), ndr – che con quell’operazione non si arrivava da nessuna parte». La strategia all’epoca era chiara: aggirare la legge e, appunto, l’applicazione del salario minimo. Norma alla quale, da settembre, ci si assoggetta, pur evocando possibili riduzioni o delocalizzazioni.

Questione di tempistiche

L’autunno scorso sembrava che il tempo (si legga l’introduzione imminente del nuovo corso) giocasse a sfavore del drappello di aziende del Mendrisiotto, poi firmatarie del Contratto collettivo di lavoro (Ccl) messo sul tavolo dall’allora TiSin e da Ticino Manufacturing. Troppo poco, ci si lamentava, per adeguarsi. Ora, al contrario, sono le lungaggini delle procedure giudiziarie e "l’incertezza" del futuro ad aver convinto tutti a non attendere l’esito della vertenza aperta (e adesso chiusa) con l’Ispettorato del lavoro. Lo stesso Ispettorato che il giugno scorso aveva dichiarato "non applicabile" quel Ccl fuori dai canoni. Per Cicero una motivazione che suona come una scusante.

‘Adeguarsi era possibile’

A ben vedere, in Ticino solo un paio di manciate di aziende ha seguito la strada di TiSin e Ticino Manufacturing, ci fa notare dal canto suo Giorgio Fonio, segretario Ocst del Mendrisiotto. «È sintomatico. Ora si sono rese conto che non era più percorribile. Non dimentichiamo – rilancia – che il salario minimo non è stato un fulmine a ciel sereno, bensì un discorso che si è sviluppato sull’arco di sei o sette anni».

La maggior parte delle imprese, in effetti, ha aderito alla legge. «Una serie di aziende storiche con cui abbiamo sottoscritto un Ccl – spiega ancora il sindacalista – ha fatto fatica e in alcuni casi ha avuto bisogno, sì, di un po’ più di tempo per organizzarsi. Ma si sono tutte adeguate, facendo un piano d’azione e reagendo abbastanza bene. Il che dimostra che era possibile».

L’evocata delocalizzazione

Oggi come ieri, però, torna lo spauracchio dei tagli e delle delocalizzazioni. Un anno fa venivano evocati per spronare a sottoscrivere il nuovo Contratto, adesso come effetto della necessità di tornare sui loro passi. Tra le righe della nota diffusa da Ticino Manufacturing si evidenzia, infatti, come "a causa dell’adeguamento, alcune delle aziende hanno già messo in atto – o dovranno valutare – misure quali la riduzione o la delocalizzazione di quei processi direttamente interessati dalle nuove condizioni". Affrettandosi a dire che "faranno tutto il possibile per minimizzare l’impatto negativo delle decisioni future sul nostro cantone".

Sul fronte sindacale come lo si legge? «Innanzitutto, resta da vedere se è vero e da capire di che aziende stiamo parlando – ci risponde Cicero di Unia –. Spesso e volentieri si tratta di realtà che speculano sulla situazione. E allora meglio che abbandonino il territorio piuttosto che incancrenirlo». Fonio dal canto suo esprime dispiacere per i lavoratori. «Il punto – aggiunge – è che pagano per le conseguenze non della nuova legge, ma semmai di un atteggiamento che non ha cercato e trovato una soluzione in questi anni».

‘Si è corso un pericolo’

Certo il segretario Ocst del Mendrisiotto non può dimenticare ciò che ha significato l’operazione TiSin-Ticino Manufacturing per questo territorio. «Questo Distretto è stato il più toccato: si è arrivati a destabilizzare il mondo del lavoro – scandisce Fonio –. A quel punto ci sono stati imprenditori che si sono interrogati sul fatto se si potesse agire così (bypassare la legge, ndr). In buona sostanza si è messo in pericolo un tessuto già fragile dei lavoratori e delle lavoratrici del Mendrisiotto. Tralascio il silenzio di una parte della politica ticinese».

Insomma, il caso sarà pure chiuso ma ha lasciato il segno.

Leggi anche:

Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved