ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
11 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
13 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
17 ore

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
21 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
21 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
21 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
1 gior

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
1 gior

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
1 gior

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
1 gior

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
1 gior

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
1 gior

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
1 gior

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
1 gior

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
laR
 
28.09.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:05

Mercato d’anniversario a Mendrisio per Slow Food Ticino

L’associazione festeggia i suoi primi 35 anni di vita in piazza del Ponte, tra prodotti da difendere e un’etica del cibo

mercato-d-anniversario-a-mendrisio-per-slow-food-ticino
Ti-Press
Solo in Ticino i presidi sono una ventina

‘Noi siamo ciò che mangiamo’. Il filosofo tedesco Ludwig Feuerbach non se ne avrà a male se prendiamo in prestito una sua celeberrima frase. Oggi più che mai, del resto, cibarsi non è più solo una necessità: è un fatto di responsabilità sociale. Ogni alimento, infatti, ha una sua ragione d’essere. Soprattutto se è legato al territorio, alle sue tradizioni, alla fatica di chi lo produce. Nella metà degli anni Ottanta c’è voluto un movimento come Slow Food (oltre all’intuizione di un uomo come Carlin Petrini) per rimettere la madre Terra al centro dell’attenzione e frenare così la corsa al mordi e fuggi. Una filosofia che quasi subito (era il 1987) ha attecchito in Ticino (sulla spinta di Giorgio Canonica), facendo crescere una piccola grande realtà. Oggi, 35 anni dopo, la Condotta Ticino – come detto la prima creata al di fuori dei confini dell’Italia, patria dell’associazione – conta oltre 300 soci – un centinaio dei quali solo nell’ultimo anno –, una ventina di Presidi – a cominciare dallo Zincarlin momò – e una dozzina di ristoranti in linea con i principi ‘slow’. Numeri di tutto rispetto e che sono l’orgoglio di Franco Lurà, dal 2019 alla testa di Slow Food Ticino.

Si fa festa in piazza

«Diciamo che non mancano i motivi per festeggiare questo nostro anniversario», conferma Lurà a ‘laRregione’. Per sottolineare in modo degno la ricorrenza la Condotta Ticino si impossesserà (letteralmente) di una piazza (piazza del Ponte a Mendrisio) per dare voce e visibilità alle eccellenze ticinesi. Sabato – dalle 8.30 alle 16, in caso di pioggia se ne riparla l’8 ottobre – si allestirà, in effetti, un grande Mercato: una trentina le bancarelle sulle quali si potranno trovare (e acquistare a prezzi più accessibili) prodotti di casa, ma anche provenienti da oltre confine e dalla Svizzera interna. «Sarà un modo – anticipa Lurà – per avere uno scambio diretto con i produttori e per condividere la gioia di esserci dopo 35 anni. E questo facendo partecipe la popolazione e sensibilizzando sulla nostra attività. Abbiamo organizzato questa manifestazione pensando proprio ai consumatori e ai produttori».

Tutti i sapori e i profumi ‘slow’

La Città sarà quindi ‘invasa’ da sapori e profumi che raccontano delle storie: dai formaggi ai vini, dai salumi al pesce, dalle lumache alle conserve, dal pane al miele. Tutti prodotti che oltre al gusto testimoniano fattivamente il loro rispetto per la Terra e sono realizzati in modo socialmente equo. «Chi aderisce alla filosofia di Slow Food – spiega Lurà – riceve una sorta di marchio a garanzia della qualità. Non dimentichiamo che il nostro motto è ‘buono, pulito e giusto’».

Mendrisio, alle spalle un passato da Cittàslow, ha aderito dunque di slancio all’iniziativa («e con generosità»). «Credere e valorizzare i prodotti ‘slow’, d’altro canto, rappresenta un investimento, non una spesa. Ciò che se ne ricava – rende attenti il presidente – è qualità di vita, salute e una mano, seppur piccola, all’economia locale». Il movimento di Slow Food, oggi presente in 160 Paesi nel mondo, nasce infatti, come ci ricorda Lurà, dalla volontà di «attirare l’attenzione sulle realtà alimentari locali, dove si produce in modo buono e giusto e che magari rischiano di scomparire, con il loro sapere contadino».

‘Mangiare, atto politico’

Del resto, non si può ignorare che la scelta di un cibo ha un impatto sulla salute e sulla società. «In fondo – ci fa notare ancora Lurà – mangiare equivale a un atto politico. Da qui la promozione dei prodotti a chilometro zero, la lotta contro gli sprechi alimentari, il sostegno a una biodiversità consapevole e sana e un approccio attento alla protezione del clima». Ecco che l’impegno e il dibattito di Slow Food da anni va ben al di là dell’accendere i riflettori su questo o quel prodotto di nicchia. Al Mercato di Mendrisio ci sarà modo anche di farsi una cultura, attingendo a un centinaio di titoli editi dall’associazione.

Effetto Slow Food

Nello spendersi di chi ci crede, va ribadito, c’è una dose sostanziosa di passione e buona volontà. In questi anni i produttori vicini a Slow Food hanno potuto farsi spazio sul mercato cantonale? «Il riconoscimento di Slow Food ha avuto delle ricadute – ci illustra Lurà –. Il messaggio tra la gente è passato. Capita abbastanza spesso che turisti ci scrivano per saperne di più su prodotti e ristoranti». Un binomio, quello che si ritrova nel piatto, reso possibile dall’Alleanza dei cuochi, che riunisce i ritrovi che sposano i principi del movimento su prodotti locali ma pure etica del personale.

E gli anni della pandemia da Covid-19 hanno influito sulle realtà locali? «Da parte nostra – ci dice il presidente – abbiamo cercato di andare incontro a chi merita di essere segnalato. Per due volte abbiamo pubblicato, infatti, un calendario dell’Avvento per propagandare il lavoro dei produttori di casa. Una iniziativa che è stata seguita e ha suscitato interesse, tanto da conquistare estimatori e in alcuni casi anche migliaia di ‘like’ in rete, quasi in modo inaspettato».

Un riscontro alimentato altresì da un’altra idea della Condotta Ticino: la distribuzione di due buoni da 20 franchi l’uno a ciascun membro dell’associazione. «Naturalmente da spendere a vantaggio dei produttori del territorio, creando così un circolo virtuoso», rilancia Lurà. Il Mercato dell’anniversario di sabato ne darà l’occasione. A quel punto non resterà che scegliere tra la Farina bona e la cotognata di Zurigo, la mortadella di Bologna e il pane di segale vallesano, il Bitto e lo sbrinz d’alpeggio per concedersi un peccato di gola. L’importante è che sia... consapevole,

Come ama dire lo stesso Carlo Petrini, "il gusto, per tutti, è il diritto a trasformare in piacere il proprio sostentamento quotidiano".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved