14.09.2022 - 17:58
Aggiornamento: 15.09.2022 - 16:50

Coldrerio, un nuovo tetto sostenibile per le scuole?

Il Municipio chiede l’approvazione di un credito di 500’000 franchi per il rifacimento e l’installazione di un nuovo impianto fotovoltaico

coldrerio-un-nuovo-tetto-sostenibile-per-le-scuole
Ti-Press/Archivio
L’energia prodotta servirà anche per le Elementari

Il Quartiere intergenerazionale e gli stabili comunali adiacenti potranno essere energeticamente autosufficienti e il tetto piano delle scuole dell’infanzia risanato. È questa la proposta che il Municipio di Coldrerio rivolge al Consiglio comunale per l’approvazione un credito di 500’000 franchi. La ristrutturazione permetterà l’installazione di un impianto fotovoltaico che produca energia elettrica per il fabbisogno degli stabili presenti in zona. Per l’ottenimento del credito è necessaria la maggioranza assoluta dei membri del Consiglio comunale che si riunirà lunedì 19 settembre.

La scuola dell’infanzia, sede delle quattro sezioni dell’istituto scolastico comunale è stata inaugurata negli anni 90, e da quanto si legge nel messaggio: "In questi anni il Municipio è dovuto intervenire diverse volte per sanare puntuali danni alla copertura impermeabile, che causavano delle infiltrazioni d’acqua all’interno della struttura". Secondo l’esecutivo è quindi giunto il momento, dopo 25 anni dall’inaugurazione dello stabile, "di intervenire in maniera radicale sulla copertura piana della struttura, in quanto risulta essere alquanto deteriorata". L’investimento previsto per questo risanamento è di 174’000 franchi.

I restanti 326’000 franchi permetterebbero invece di installare un impianto fotovoltaico la cui produzione servirà agli stabili comunali presenti in zona (scuola dell’infanzia, scuola elementare) come pure agli stabili del Quartiere intergenerazionale (Centro polivalente e Casa Fondazione parco San Rocco). La Ail, beneficiaria di una sorta di ‘privativa’ per la distribuzione di energia elettrica su tutto il territorio di Coldrerio ha dato luce verde per quest’operazione speciale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved