ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
8 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
13 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
laR
 
10.09.2022 - 05:30

Si rivede il Piano idrico. E rincara la captazione a lago

Annunciato in consultazione l’aggiornamento del Pcai del 2014. Mentre i Comuni devono prepararsi a spendere oltre 50 milioni

si-rivede-il-piano-idrico-e-rincara-la-captazione-a-lago
Ti-Press
Il cruccio del Distretto: la siccità

Tirate le somme, ai Comuni del Mendrisiotto abbeverarsi al Ceresio costerà ben più dei 36 milioni (e 200mila franchi) preventivati nel 2014. Aggiornati i conti nella primavera dell’anno scorso, il totale ha restituito a carico degli enti locali una spesa di circa 51 milioni, senza conteggiare i 13 milioni di sussidi cantonali e i contributi di altri enti. Un impegno finanziario importante e che, dunque, è andato crescendo in questi anni, ma che oggi fa il paio con l’urgenza di istituzioni e territorio di garantire sufficienti riserve idriche a fronte di stagioni sempre più avare di pioggia.

C’è da rivedere il Piano idrico regionale

E mentre le quotazioni della captazione a lago nel tempo sono salite (all’inizio il consenso era tutt’altro che unanime), il nuovo calcolo dei costi oggi precede una revisione del Piano cantonale di approvvigionamento idrico del Distretto, al momento in corso. Le risultanze, come annuncia lo stesso Consiglio di Stato (CdS) rispondendo alle domande pressanti del deputato della Lega Massimiliano Robbiani, saranno recapitate nei prossimi mesi alle autorità comunali e messe in consultazione. Del resto, si tratta di un aggiornamento imposto, osserva ancora il governo. "Dal 2014 a oggi - spiega - ulteriori approfondimenti progettuali hanno permesso la razionalizzazione di alcune opere ed evidenziato la necessità di una migliore connessione con altri comprensori limitrofi".

Una realtà dal 2015, in questi anni il Consorzio Arm (Acquedotto regionale del Mendrisiotto) ha messo in campo e portato avanti la costruzione del nuovo assetto idrico. Con la convinzione di tagliare il traguardo finale nel 2026. Quindi, di fatto, con un solo anno di ritardo sulla scaletta. Di fronte ai bisogni del Distretto, d’altro canto, è ormai un imperativo categorico. Come riconosce il Cantone, "gli episodi contingenti di inquinamenti chimici, siccità e canicola hanno esasperato i problemi del comprensorio con largo anticipo rispetto a quanto prevedibile". Non si può dimenticare, comunque, che di acquedotto a lago si parla da quasi 40 anni: il primo gruppo di lavoro è stato istituito nel 1985.

Oltre il giro di boa

E allora, a che punto sono i lavori? Al momento si è superato di un po’ il giro di boa. Dei 21 chilometri di condotte previsti dentro il perimetro degli 11 Comuni interessati a oggi ne sono stati posati 11,4. Ultimate anche la stazione di consegna di Coldrerio e quella di rilancio al pozzo Prati Marci a Mendrisio. Il tutto per un investimento di 16 milioni di franchi. Ma la macchina non si ferma.

In cantiere, come ricorda la stessa autorità cantonale, ci sono la dorsale principale nelle tratte a lago e in via Laveggio superiore a Mendrisio e le condotte di collegamento tra le reti di Stabio, Ligornetto, Coldrerio, Novazzano e Balerna. Mentre "a breve" inizierà altresì, si annuncia nella risposta a Robbiani, il completamento della dorsale principale nelle tratte tra la foce del Laveggio fino alla stazione di rilancio nel capoluogo e tra la stazione di consegna di Coldrerio e Novazzano.

Stazione di potabilizzazione, si vota a dicembre

In vista, però, c’è un altro passaggio strategico lungo il cammino verso l’Arm. Già posata la condotta attraverso il lago, si è completata, infatti, la progettazione definitiva della stazione di potabilizzazione a lago in territorio di Riva San Vitale. Questa estate la Delegazione consortile ha messo sul tavolo messaggio e credito per passare dalle intenzioni ai fatti. Il Consiglio consortile si dovrà pronunciare sul dossier il 21 dicembre prossimo.

È ormai dietro l’angolo, invece, la possibilità per il Consorzio Arm di avviare la compravendita di acqua, "ridistribuendo secondo necessità gli esuberi tra i Comuni del Mendrisiotto". Effettuato il collegamento tra i pozzi di Ligornetto e l’acquedotto di Stabio e messa in esercizio la stazione di consegna di Coldrerio, annota ancora il CdS, si potrà partire questo ottobre. Governo che, tiene a ribadire rivolto al gran consigliere, "ha sempre ritenuto l’opera prioritaria". Tanto da intavolare il discorso nella metà degli anni Ottanta e da accompagnare dal 2015 "costantemente l’andamento dei lavori".

‘Non è giusto parlare di ritardi’

In Robbiani (e non solo in lui) in questi anni ha resistito, però, l’impressione che si siano cumulati dei "ritardi biblici". Ma il Cantone non ci sta. "Non è pertinente parlare di ritardi, anzi: considerata la complessità dell’opera e del territorio, e in analogia con altri progetti regionali (come ad esempio il Pcai del Bellinzonese, che ha richiesto 10 anni per la realizzazione di opere per 22 milioni) - precisa il governo -, un programma lavori di 11 anni per realizzare 36 milioni di opere è da ritenersi stretto in termini temporali".

Il punto, fa memoria ancora il Consiglio di Stato, è un altro. "Senza la scarsa collaborazione di alcuni Comuni poco convinti dell’opera nei decenni precedenti l’adozione del Pcai-M 2014 - si rilancia -, l’acquedotto a lago sarebbe, con ogni probabilità, già realizzato e in esercizio". Poi le necessità le problematiche recenti hanno indotto a cambiare prospettiva. "Purtroppo - si ribadisce - solo in seguito alla grave siccità che sta interessando il Mendrisiotto, l’acquedotto a lago è stato finalmente percepito dalla popolazione e da tutte le forze politiche come indispensabile". Come dire, meglio tardi che mai. Resiste nella regione il tarlo del futuro dei vecchi pozzi, destinati a essere dismessi.

Leggi anche:

Il Mendrisiotto ‘non può più attendere l’acquedotto a lago’

Capolago, un piccolo imprevisto per la condotta a lago

Il Distretto ha sete? ‘Urge pescare acqua dal lago’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved