ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
19 ore

Ferite di media gravità per centauro finito fuori strada

L’incidente è avvenuto sul mezzogiorno di sabato lungo la strada cantonale che da Carabietta conduce ad Agnuzzo
Bellinzonese
20 ore

Scontro fra due auto a Cadenazzo: un ferito

Il tratto di via Ala Campagna è stato chiuso per oltre un’ora per consentire le operazioni di soccorso e il recupero dei veicoli accidentati
Video
Ticino
1 gior

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
26.09.2022 - 15:18
Aggiornamento: 04.10.2022 - 17:27

Mendrisio: ‘Strappate le radici del cedro del Libano’

Tiziano Fontana (Lista civica) richiama l’attenzione del Municipio: ‘Con gli scavi da cantiere si rischia di compromettere il futuro dell’albero’

mendrisio-strappate-le-radici-del-cedro-del-libano
Sotto osservazione

Continua a preoccupare la Lista civica Per Mendrisio la salute e il destino del cedro del Libano monumentale che fa ombra nel giardino storico della villa al crocevia tra via Franchini e via Campo sportivo. Già al centro negli ultimi due anni di tre atti parlamentari, il maestoso albero torna ad attirare l’attenzione. Di recente, infatti, come fa sapere il consigliere comunale Tiziano Fontana, si è aperto il maxi cantiere in zona (in via Campo sportivo) e sono iniziati i lavori di scavo all’interno del giardino e ci si è resi conto che delle radici sono state "strappate" dall’escavatore (come documentato nelle immagini allegate a una interrogazione urgente). Radici, fa notare ancora Fontana, che "sono state lasciate senza alcun intervento protettivo come prescrivono gli esperti in materia".

Interrogativi in sospeso

Il maggio scorso, nella sua risposta alle sollecitazioni del consigliere, il Municipio aveva ribadito che "la situazione del cedro è stata verificata dal responsabile del verde pubblico presso l’Ufficio tecnico (maestro giardiniere diplomato con esperienza pluriennale), il quale ha confermato che la creazione del marciapiede (lavori superficiali e non profondi) non mette in pericolo in alcun modo la salute del cedro". Nonostante le rassicurazioni, Fontana oggi torna a porsi alcuni interrogativi. Lo fa con la consapevolezza che "gli specialisti di alberi indicano che se l’apparato radicale viene strappato durante scavi – e non si interviene subito con un taglio a regola d’arte da parte di uno specialista –, le radici strappate possono diventare vettore di malattie che indeboliscono inizialmente e a media o a lunga scadenza possono portare alla morte dell’albero". Il riferimento del consigliere è alle vicende del cedro del Libano posto all’entrata dell’autosilo dell’Ospedale della Beata Vergine a Mendrisio.

Questione di radici

In effetti, ricorda ancora l’esponente della Lista civica "già durante gli scavi da parte della ditta che aveva eseguito nel 2021 gli interventi alla villa e aveva realizzato la formazione di un garage, strappando con il paker le radici poste a valle del cedro, erano intervenuti un architetto del paesaggio e un ingegnere forestale indicando agli operai come avrebbero dovuto procedere per evitare futuri problemi all’albero". Senza trascurare, rimarca, che "simili indicazioni dovrebbero essere compito dell’ente pubblico, non di professionisti che intervengono a titolo volontario".

A questo punto Fontana si chiede, e domanda all’esecutivo, se "l’esperto del verde del Comune di Mendrisio sta seguendo i lavori di scavo"; e per quale motivo a fine giornata non si è intervenuti a tagliare a regola d’arte le radici strappate e lasciate a contatto con l’aria". Di fatto, rimarca, non si è proceduto all’applicazione della norma VSS 40 577 ‘Espaces verts, protection des arbres – Etudes de projets, mise en oeuvre et contrôle de mesures de protection’. Di conseguenza, interroga, come intendete procedere nel caso in cui il paker dovesse, scavando, incorrere in radici secondarie importanti?". In effetti, "la prassi degli addetti ai lavori prevede il blocco dei lavori e la creazione di una sorta di galleria protettiva affinché la radice non sia recisa e possa proseguire nella sua normale evoluzione: l’esperto comunale cosa prevede in una tale ipotesi?".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved