ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
9 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
10 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
11 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
laR
 
31.08.2022 - 05:30

Dallo sportello in proprio alla filiale in appalto, ecco fatto

Nel Distretto il processo di trasformazione degli uffici postali si conclude con Coldrerio e Rancate

dallo-sportello-in-proprio-alla-filiale-in-appalto-ecco-fatto
Ti-Press
Le operazioni allo sportello sono in ‘netto calo’

Ancora due sportelli e nel Mendrisiotto la Posta avrà mutato... pelle. Con la trasformazione degli uffici postali tradizionali di Coldrerio e Rancate in filiali gestite in partenariato, la strategia messa in campo negli anni scorsi si sarà compiuta, così come pianificato per 48 centri del cantone. I tempi cambiano (con la digitalizzazione che avanza) e il Gigante giallo vuol far tornare i conti. Tanto da muoversi con una determinazione che le resistenze mostrate da alcuni Municipi anche dalle nostre parti (Coldrerio incluso) non sono riuscite a fiaccare. Così alle comunità locali tocca accettare la realtà, seppur a malincuore. L’ex regia federale, non a caso, gioca la carta della comunicazione.

A tu per tu con i cittadini di Coldrerio

A metà agosto ha recapitato ai cittadini di Coldrerio un volantino e questa sera (dalle 20) ha organizzato un incontro informativo all’Oratorio parrocchiale per accompagnare verso l’apertura, il 5 settembre, della sede all’interno della Società cooperativa di consumo, lì in via Mola (di fronte alla Casa comunale). Poi nel corso dell’autunno toccherà a Rancate, ora chiusa e in attesa di riaprire in collaborazione con una farmacia.

La mappa gialla del Distretto

La Posta parla di un processo di stabilizzazione della rete. Una scelta operativa che nel Distretto, a bocce ferme, vede il Gigante giallo muoversi in proprio in nove filiali (a cominciare da Chiasso e Mendrisio), mentre nelle altre sedici (contando anche Coldrerio e Rancate) negli anni si sono stretti accordi con grande distribuzione, negozietti, società varie delineando una geografia altra rispetto a quella conosciuta in passato. Nella quotidianità, tiene a ribadire il portavoce dell’azienda Marco Scossa, i servizi offerti sono gli stessi, fatta eccezione per la limitazione nell’uso del contante o per le operazioni di cambio franco-euro. L’evoluzione della Posta non si arresta qui. Occorre fronteggiare, fa capire Scossa, «il netto calo delle operazioni tradizionali allo sportello. Mi si dirà che in questi ultimi anni (anche a seguito della pandemia, ndr) il movimento pacchi è aumentato in modo sensibile, ma questo influisce solo in minima parte sull’attività degli uffici postali. Semmai interessa il personale addetto alla distribuzione».

Centrato un obiettivo, avanti un altro

E allora avanti così. L’ex regia federale adesso ha un altro nuovo obiettivo da perseguire, conferma Scossa. Che spiega: «La Posta intende aprire le filiali gestite in proprio da partner terzi esterni». Esemplificando? «Gli uffici postali tradizionali si vogliono sempre più veri e propri punti di riferimento al servizio della popolazione, in grado di offrire consulenza su determinati prodotti e servizi, o ancora in grado di ospitare altri partner, ad esempio delle compagnie assicurative come sta avvenendo nella Svizzera interna». E nel cantone? «Non si è ancora arrivati a stringere questo tipo di accordi in Ticino. Queste collaborazioni, d’altro canto, possono interessare pure Cantoni e Comuni o aziende dei più svariati settori che intendono appoggiarsi a noi sfruttando i nostri spazi e la competenza dei nostri collaboratori». Ormai si parla di ‘Posta di domani’ e si tirano le somme di una strategia che nel Paese è riuscita ad assestare il numero di filiali attorno alle 800.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved