ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
49 min

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
49 min

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
3 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
3 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
3 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
9 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
11 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
11 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
Mendrisiotto
13 ore

Giornata contro il cancro infantile, ci si trova a LaFilanda

Il gruppo genitori ‘Insieme con Coraggio’ organizza un pomeriggio di festa per il 15 febbraio
Mendrisiotto
14 ore

Cena benefica a favore del Togo

L’appuntamento di sabato 4 febbraio sarà inoltre un’occasione per parlare dell’inaugurazione di un blocco operatorio nell’ospedale di Ayomé
Luganese
14 ore

Monteceneri: inquinamento privato, risanamento pubblico

Malgrado la bonifica tra il 2002 e il 2003, nelle acque sotterranee del sito, in cui operava una ditta decenni fa, sono finite tracce di cromo esavalente
Luganese
14 ore

Funicolare Monte Brè, quale sostegno dalla Città?

In Commissione le opinioni divergono, la durata del contributo potrebbe venir dimezzata ma non tutti sono d’accordo
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Laveggio, i giorni passano e i problemi restano

Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
campione d'italia
15 ore

Il Presidente della Provincia di Como in visita sul Ceresio

Massimo Mastromarino ha elogiato l’intervento del battello che si occupa di ripulire i fondali
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:50

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni

il-serfontana-si-toglie-le-rughe-si-progetta-un-maxilifting
La modinatura annuncia le novità in vista

Per i ragazzi degli anni Settanta andarci, il mercoledì pomeriggio o il sabato, aveva quasi il sapore della trasgressione. Fare acquisti in un polo commerciale, all’epoca, era di fatto una nuova esperienza. Tanto da organizzare la giornata, pranzo incluso, come in una gita fuori porta. In effetti, l’avvento del Centro Shopping Serfontana, oggi ormai al traguardo del mezzo secolo di vita, ha modificato le abitudini delle persone – in quanto consumatori – e ridisegnato il paesaggio in quella parte del territorio di Morbio Inferiore, in passato con una evidente inclinazione rurale. Dalla metà degli anni Settanta – il complesso è stato costruito nel 1974 –, la quotidianità di tutti è poi cambiata e la presenza di quel ‘tempio’ degli acquisti è entrata a far parte integrante del panorama.

Il Centro si ‘svecchia’

Anche sul Serfontana, però, il tempo che passa ha lasciato il segno e il suo ‘modello’ non appare più alla moda. A tal punto che la comproprietà del Centro ha deciso di mettere in cantiere una vigorosa operazione di restyling, dalle cantine al tetto. Un’opera di ammodernamento poderosa anche nell’investimento: i costi previsti superano infatti i 55 milioni di franchi.

Le intenzioni, comunque, sono chiare. Tanto da essere già passati dai progetti ai fatti. Da ieri in Comune a Morbio è in pubblicazione la domanda di costruzione che dà corpo ai propositi dei promotori e testimonia altresì la volontà di prestare attenzione pure agli aspetti della sostenibilità, dall’approvvigionamento energetico – che punterà al fotovoltaico – all’inserimento di nuove aree verdi. Certo l’intervento, lì in viale Serfontana, sarà articolato e richiederà in tutto tre anni di tempo. Al termine l’obiettivo è di restituire lunga vita al complesso.

Si interverrà tra il 2023 e il 2025

È tutto nel dossier voluminoso depositato all’Ufficio tecnico di Morbio. Un’occhiata al faldone e si capisce subito che si tratta di una riattazione importante. Del resto, dal 1974 a oggi, come dichiara in apertura la stessa relazione tecnica allegata al progetto firmato da uno studio di architettura di Zurigo, sono stati eseguiti "solo pochi lavori di ristrutturazione". Di conseguenza si procederà per fasi. Verso la metà dell’anno prossimo ci si dedicherà ai preparativi, mentre il cantiere entrerà nel vivo tra il 2024 e il 2025.

Tutto ciò avverrà mantenendo in funzione il centro commerciale. E qui parliamo di una realtà cresciuta su un’area di poco meno di 18mila metri quadri – al centro di un comparto sul quale il Municipio di Morbio Inferiore sta mettendo a punto una variante di Piano regolatore –, attorno alla quale orbitano attività commerciali e amministrative che contano globalmente 160 addetti – 150 dei quali nei commerci – e che al giorno in media registra un via vai di 8mila visitatori che anche in futuro avranno a disposizione 240 posteggi esterni.

L’edificio si riveste di... verde

Analisi tecnica alla mano, l’elenco delle misure previste è fitto, sebbene non entri in linea di conto un ampliamento della superficie di vendita. Di fatto il centro commerciale verrà riprogettato, dentro e fuori. Si metterà mano agli spazi e agli accessi interni e si riconsidereranno gli ingressi, agevolando i collegamenti con il trasporto pubblico. Anche l’involucro sarà ripensato (oltre che meglio isolato) e l’immagine esterna abbellita, con i balconi in acciaio che saranno "rinverditi". Da progetto, lo stabile "riceverà una generosa copertura verde della facciata con piante adatte". Mentre l’acqua piovana sarà "raccolta per l’irrigazione". Tutti aspetti sui quali anche la relazione mette l’accento, ribadendo che le aree verdi sono state rimisurate e aumentate "significativamente", salendo da poco meno dell’1,5 per cento al 12,3. Passando dalla parte a vista al dietro le quinte, la ristrutturazione include la sostituzione completa degli impianti tecnici – ormai obsoleti e che in futuro saranno "senza emissioni" – e dei sistemi di sicurezza.

Una passerella sul tetto

Ad attirare l’attenzione è, infine, un nuovo intervento. I piani annunciano infatti la costruzione un ‘ponte’ che collegherà l’autosilo sul retro del complesso al Serfontana stesso. Una infrastruttura che andrà a sostituire il passante sotterraneo. Il progetto di riattazione sarà preceduto poi dallo smantellamento degli impianti non più utilizzati nel seminterrato – oggetto di una notifica di costruzione già pubblicata in luglio che prospetta un investimento di altri 900mila franchi – e seguito da una proposta per il rinnovo degli allestimenti degli inquilini. Modifiche, queste ultime, che saranno presentate in un secondo momento. Come dire, un passo alla volta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved