ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
11 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
12 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
14 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
14 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
18 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
20 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
23 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Mendrisiotto
1 gior

Di satira (anche politica) e di Nebiolini

Il Carnevale chiassese anche quest’anno non ha rinunciato alla sua edizione unica del Giornalino
Ticino
1 gior

Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’

I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
laR
 
19.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:50

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni

il-serfontana-si-toglie-le-rughe-si-progetta-un-maxilifting
La modinatura annuncia le novità in vista

Per i ragazzi degli anni Settanta andarci, il mercoledì pomeriggio o il sabato, aveva quasi il sapore della trasgressione. Fare acquisti in un polo commerciale, all’epoca, era di fatto una nuova esperienza. Tanto da organizzare la giornata, pranzo incluso, come in una gita fuori porta. In effetti, l’avvento del Centro Shopping Serfontana, oggi ormai al traguardo del mezzo secolo di vita, ha modificato le abitudini delle persone – in quanto consumatori – e ridisegnato il paesaggio in quella parte del territorio di Morbio Inferiore, in passato con una evidente inclinazione rurale. Dalla metà degli anni Settanta – il complesso è stato costruito nel 1974 –, la quotidianità di tutti è poi cambiata e la presenza di quel ‘tempio’ degli acquisti è entrata a far parte integrante del panorama.

Il Centro si ‘svecchia’

Anche sul Serfontana, però, il tempo che passa ha lasciato il segno e il suo ‘modello’ non appare più alla moda. A tal punto che la comproprietà del Centro ha deciso di mettere in cantiere una vigorosa operazione di restyling, dalle cantine al tetto. Un’opera di ammodernamento poderosa anche nell’investimento: i costi previsti superano infatti i 55 milioni di franchi.

Le intenzioni, comunque, sono chiare. Tanto da essere già passati dai progetti ai fatti. Da ieri in Comune a Morbio è in pubblicazione la domanda di costruzione che dà corpo ai propositi dei promotori e testimonia altresì la volontà di prestare attenzione pure agli aspetti della sostenibilità, dall’approvvigionamento energetico – che punterà al fotovoltaico – all’inserimento di nuove aree verdi. Certo l’intervento, lì in viale Serfontana, sarà articolato e richiederà in tutto tre anni di tempo. Al termine l’obiettivo è di restituire lunga vita al complesso.

Si interverrà tra il 2023 e il 2025

È tutto nel dossier voluminoso depositato all’Ufficio tecnico di Morbio. Un’occhiata al faldone e si capisce subito che si tratta di una riattazione importante. Del resto, dal 1974 a oggi, come dichiara in apertura la stessa relazione tecnica allegata al progetto firmato da uno studio di architettura di Zurigo, sono stati eseguiti "solo pochi lavori di ristrutturazione". Di conseguenza si procederà per fasi. Verso la metà dell’anno prossimo ci si dedicherà ai preparativi, mentre il cantiere entrerà nel vivo tra il 2024 e il 2025.

Tutto ciò avverrà mantenendo in funzione il centro commerciale. E qui parliamo di una realtà cresciuta su un’area di poco meno di 18mila metri quadri – al centro di un comparto sul quale il Municipio di Morbio Inferiore sta mettendo a punto una variante di Piano regolatore –, attorno alla quale orbitano attività commerciali e amministrative che contano globalmente 160 addetti – 150 dei quali nei commerci – e che al giorno in media registra un via vai di 8mila visitatori che anche in futuro avranno a disposizione 240 posteggi esterni.

L’edificio si riveste di... verde

Analisi tecnica alla mano, l’elenco delle misure previste è fitto, sebbene non entri in linea di conto un ampliamento della superficie di vendita. Di fatto il centro commerciale verrà riprogettato, dentro e fuori. Si metterà mano agli spazi e agli accessi interni e si riconsidereranno gli ingressi, agevolando i collegamenti con il trasporto pubblico. Anche l’involucro sarà ripensato (oltre che meglio isolato) e l’immagine esterna abbellita, con i balconi in acciaio che saranno "rinverditi". Da progetto, lo stabile "riceverà una generosa copertura verde della facciata con piante adatte". Mentre l’acqua piovana sarà "raccolta per l’irrigazione". Tutti aspetti sui quali anche la relazione mette l’accento, ribadendo che le aree verdi sono state rimisurate e aumentate "significativamente", salendo da poco meno dell’1,5 per cento al 12,3. Passando dalla parte a vista al dietro le quinte, la ristrutturazione include la sostituzione completa degli impianti tecnici – ormai obsoleti e che in futuro saranno "senza emissioni" – e dei sistemi di sicurezza.

Una passerella sul tetto

Ad attirare l’attenzione è, infine, un nuovo intervento. I piani annunciano infatti la costruzione un ‘ponte’ che collegherà l’autosilo sul retro del complesso al Serfontana stesso. Una infrastruttura che andrà a sostituire il passante sotterraneo. Il progetto di riattazione sarà preceduto poi dallo smantellamento degli impianti non più utilizzati nel seminterrato – oggetto di una notifica di costruzione già pubblicata in luglio che prospetta un investimento di altri 900mila franchi – e seguito da una proposta per il rinnovo degli allestimenti degli inquilini. Modifiche, queste ultime, che saranno presentate in un secondo momento. Come dire, un passo alla volta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved