ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita

Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
11 ore

La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023

Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
13 ore

Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista

L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
14 ore

Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico

La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
15 ore

Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista

L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
18 ore

A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa

Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
19 ore

Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato

Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
22 ore

“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”

Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior

Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica

Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
1 gior

La comunità cripto trova casa in centro città

L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
1 gior

Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe

Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
1 gior

‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’

Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
laR
 
27.07.2022 - 08:48
Aggiornamento: 10:18

Operatori di prossimità, il Distretto va avanti

I nove Comuni che sostengono il Servizio hanno fatto il punto a Chiasso. A settembre si incontrerà la Fondazione ‘Il Gabbiano’

operatori-di-prossimita-il-distretto-va-avanti
Ti-Press
Lo sguardo deve restare regionale

«Imprescindibile e indispensabile»: non sceglie due aggettivi a caso Roberta Pantani Tettamanti. Se la municipale alla testa del dicastero Socialità di Chiasso, e con lei i colleghi degli altri otto Comuni della cordata, pensa al Servizio operatori di prossimità regionale del Mendrisiotto non può che descriverlo così. Il Distretto, insomma, non ha ripensamenti: si va avanti sulla strada imboccata nel 2015 con spirito innovatore. Il distacco annunciato da Mendrisio a partire dal 2023 non ha modificato, quindi, i piani degli altri enti locali seduti al tavolo della collaborazione intercomunale. Se lo sono ripetuto giusto lunedì sera in occasione dell’incontro promosso proprio dall’autorità cittadina per fare il punto su questa esperienza condivisa - dal 2019 affidata alla Fondazione ‘Il Gabbiano’ - e lanciare uno sguardo al futuro. Del resto, una riflessione, giunti a questo punto, si imponeva.

Primo, capire le ragioni di Mendrisio

«Innanzitutto - chiarisce la municipale chiassese -, abbiamo convocato la riunione per capire quali sono le ragioni che hanno indotto Mendrisio a interrompere la collaborazione». A illustrarle, lunedì nella sala del Consiglio comunale, sono stati i diretti interessati per voce della capa dicastero Politiche sociali Françoise Gehring, al suo fianco Tiziana Madella e Roberto Crivelli. Le motivazioni del capoluogo, come ribadito ai rappresentanti comunali, sono tutte ancorate nel messaggio municipale che il giugno scorso ha convinto il legislativo della Città a dare via libera all’esecutivo, sottoscrivendo la decisione di non rinnovare la convenzione e al contempo la scelta di aderire al modello già messo in pratica da Lugano e Bellinzona. In buona sostanza a Mendrisio si rafforzeranno le politiche giovanile assumendo una figura ad hoc.

Convocata la Fondazione ‘Il Gabbiano’

Davanti all‘aula consiliare mendrisiense si è confermata, in ogni caso, che si resta aperti alla collaborazione. «E la disponibilità c’è - annota Roberta Pantani Tettamanti. -. Da parte mostra, però, adesso dobbiamo comprendere come ci potremo interfacciare in futuro da una parte con la Fondazione e dall’altra con Mendrisio». E qui si è fatta largo una precisa esigenza: discutere dell’avvenire con ’Il Gabbiano’. «Abbiamo ritenuto - ci conferma la municipale chiassese - di convocare i responsabili della Fondazione ai primi di settembre per ragionare insieme sul prosieguo della collaborazione». D’altro canto, non si intende rinunciare all’aspetto della regionalità del Servizio che ha caratterizzato gli inizi della sperimentazione e che ha rappresentato anche il motore dell’iniziativa. Lavorare a compartimenti stagni (ed enti separati), ci fa capire Pantani Tettamanti, non avrebbe senso.

Gli operatori? ‘Una risorsa’

I risultati dell’esperienza convincono? «Siamo soddisfatti, sì. Ora occorre vedere come la Fondazione si prefigge di strutturare il Servizio senza il suo maggiore contribuente (Mendrisio, ndr) - ci spiega la municipale -. Insomma, bisogna chiarirsi e capire come si intende rimodulare il Servizio».

Su una cosa i Comuni non discutono: il ruolo degli operatori di prossimità. «Oggi - sottolinea ancora Pantani Tettamanti - rappresentano una risorsa insostituibile e indispensabile nella sorveglianza delle dinamiche giovanili nel Mendrisiotto». Una ulteriore prova la si è avuta, d’altra parte, in questi anni segnati dalla pandemia da Covid-19, particolarmente faticosi anche per i ragazzi.

Tempi tecnici stretti

Sul piano politico i Municipi, oltre a dibattere al loro interno del tema, saranno chiamati pure a misurarsi con il rinnovo della convenzione, ormai a scadenza. Entro la fine dell’anno, però, come ci fa notare la municipale chiassese, non vi sono i tempi tecnici per andare davanti ai Consigli comunali con un dossier. Con tutta probabilità ci si orienterà verso una proroga dell’accordo attuale in attesa di definire dettagli e compiti.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved