ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
53 min

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
1 ora

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
3 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
3 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
4 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
4 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
4 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
4 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
Bellinzonese
5 ore

Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso

Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
Bellinzonese
5 ore

Una giornata di festa a Personico il 1° ottobre

La organizzano il Patriziato e la Pro con pranzo e bancarelle
Bellinzonese
6 ore

Le donne nella polizia, esercito, protezione civile e pompieri

Soroptimist organizza una tavola rotonda martedì 4 ottobre dalle 18.30 alle 20 nell’auditorium della Scuola cantonale di commercio a Bellinzona
Ticino
6 ore

‘C’è un problema di mobbing all’Ufficio del sostegno sociale?’

Lo chiede in un’interpellanza il deputato leghista Massimiliano Robbiani. ‘La capoufficio è all’altezza del compito di conduzione attribuitole?’
laR
 
15.07.2022 - 05:25
Aggiornamento: 15:38

Mendrisio, la maternità dell’Obv non si tocca

Lo conferma il governo rispondendo alle interrogazioni di Giorgio Fonio, Luca Pagani e Maurizio Agustoni (il Centro) e Claudia Crivelli Barella (Verdi)

mendrisio-la-maternita-dell-obv-non-si-tocca
archivio Ti-Press
Il governo rassicura

Il trasferimento del C Pap dall’ospedale di Mendrisio a quello di Bellinzona "non mette e non metterà in discussione il mantenimento del reparto di ostetricia e neonatologia presso l’ospedale Beata Vergine di Mendrisio, vincolato da un mandato preciso deciso dal Gran Consiglio". Ad affermarlo è il Consiglio di Stato, sollecitato da due interrogazioni di Giorgio Fonio, Maurizio Agustoni e Luca Pagani (il Centro) e da una di Claudia Crivelli Barella (I Verdi) e cofirmatari. Atti presentati nel corso del 2020. L’apparecchio C Pap, si legge nella risposta, "è stato trasferito a Bellinzona, sede centrale dell’Istituto pediatrico della Svizzera italiana (Ipsi) e dell’unità di cure intense neonatali". Questo "sia per non lasciare inutilizzata una tale risorsa durante i periodi di chiusura del reparto a Mendrisio a causa dell’emergenza pandemica, sia per poterne garantire un uso corretto e appropriato da parte di personale specializzato". Si tratta infatti di "un’apparecchiatura che richiede conoscenze specifiche e il cui utilizzo ritardato o scorretto potrebbe mettere a repentaglio la salute del neonato". Il governo fa inoltre sapere che nelle altre tre maternità dell’Eoc sono stati installati dei C Pap manuali funzionali per un’assistenza post-parto di breve durata o in attesa dell’arrivo dell’équipe di trasporto per i casi più gravi". Il progetto dell’Ipsi prevedeva l’acquisto di apparecchiature (incubatrice), la definizione dei criteri di centralizzazione e la preparazione e organizzazione di un picchetto di pediatria, neonatologia e anestesia con la reperibilità in 15 minuti. "La soluzione organizzativa prevista valorizzava la presenza delle sei maternità esistenti nel Cantone, con un’organizzazione in rete che ne avrebbe ottimizzato percorsi e presa in carico, in particolare per le gravidanze e i parti a rischio conclamato o potenziale". Raggiunto da ‘laRegione’, il deputato Giorgio Fonio si dichiara «soddisfatto per il mantenimento della maternità – commenta –. La risposta conferma quanto più volte già affermato dal consigliere di Stato Raffaele de Rosa e che per noi essere una priorità: la salvaguardia del reparto donna-bambino dell’ospedale di Mendrisio». In sospeso resta il futuro del pronto soccorso pediatrico. «Un altro tassello importante dell’offerta sanitaria momò. Ora, alla luce della risposta del governo, è importante che i comuni continuino a dare manforte», conclude Fonio.

Le chiusure per il Covid

I timori relativi alla possibile chiusura dei reparti di ostetricia e neonatologia e del pronto soccorso pediatrico sono nati a seguito dei trasferimenti temporanei legati all’emergenza sanitaria e, aggiunge il governo, "alla necessità di spostare personale e attrezzature specifiche, in particolare di anestesia e cure intense, da Mendrisio a Locarno, per la presa a carico dei pazienti Covid". In merito al pronto soccorso pediatrico dell’Obv, nella risposta viene ricordato che lo stesso "è rimasto aperto 7/7 e 24/24 con una riduzione dell’orario di apertura alla fascia 10-20 nel momento in cui l’ospedale regionale di Locarno ha dovuto aumentare la capacità di accoglienza dei pazienti Covid a 160 letti". Una situazione continuata fino al 1° aprile 2021, "al momento in cui gli orari di apertura sono tornati a essere quelli prepandemici". Visto l’aggravarsi progressivo della situazione nel tardo autunno "si è tornati a chiudere il pronto soccorso pediatrico di Mendrisio di notte nel corso del mese di dicembre". L’apertura sulle 24 ore è ripresa il 28 febbraio. Per il futuro, Eoc Ipsi "stanno approfondendo le modalità di collaborazione con l’Associazione dei pediatri della Svizzera italiana e i professionisti attivi a livello ambulatoriale nelle diverse regioni per i servizi di urgenza e di picchetto". Gli eventuali cambiamenti organizzativi "verranno in ogni caso sottoposti anche al vaglio delle autorità cantonali e dei comuni interessati". P.COL.

Leggi anche:

La neonatologia dell'Obv resta senza 'C pap'

Tra 'C pap' e lettini, all'Obv si accende il confronto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved